I semi sono la vera fonte della vita (Immaginare la sostenibilità - 3) - CIDSE

I semi sono la vera fonte della vita (Immaginare la sostenibilità - 3)

Il membro olandese del CIDSE Cordaid e Both ENDS hanno raccolto le visioni e le intuizioni di sette visionari del sud, ognuno con un approccio unico per trasformare il proprio sogno in iniziative locali concrete. Vi presentiamo la loro visione della sostenibilità basata sui valori ecologici e sui diritti umani in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile "Rio + 20" (20-22 giugno 2012). Oggi, Farida Akhter, attivista per i diritti delle donne del Bangladesh.

"I semi sono la vera fonte di vita e le donne sono quelle che gestiscono quella fonte"

"Sempre più persone, in particolare quelli che vivono e lavorano in edifici alti, pensano di poter dominare la natura". Farida Akhter ritiene che questa sia una tipica nozione maschile. Secondo Akhter, attivista per i diritti delle donne del Bangladesh, le donne sono state tradizionalmente più vicine alla fonte della vita. Sono anche il perno su cui ruota l'agricoltura su piccola scala. L'agroindustria su larga scala, d'altra parte, esclude le donne e allo stesso tempo minaccia la natura. “L'agricoltura biologica basata sulla comunità è l'unica strada per un futuro sano e ricco. Sia per noi che per il pianeta. "

Quando Farida Akhter stava raccogliendo materiale per il libro che aveva a lungo pensato di scrivere - sullo speciale legame tra donne e natura - ha intervistato una vecchia donna nelle zone rurali del Bangladesh. Quando le è stato chiesto se sarebbe stata in grado di contare su suo figlio quando non era più in grado di lavorare, la risposta è stata "No". "Sono gli alberi, che sono più affidabili dei figli. Se hai un albero puoi esserne sicuro al momento Nidan Kal (l'ora della morte), il costo del funerale sarà sostenuto dall'albero. "

Donne e alberi, il libro che Akhter ha scritto sulle sue scoperte, cerca di dissipare un mito popolare, vale a dire che le donne sono i saccheggiatori della foresta, che si basa sull'immagine principale delle donne nelle aree povere che raccolgono pile di legna da ardere. Niente è meno vero, sostiene Akhter nel suo libro. Le donne hanno spesso un rapporto molto più intimo con l'ambiente circostante rispetto agli uomini. Tendono a trattare la natura con cura e parsimonia. Nell'Asia rurale, gli uomini detengono per lo più le opere per la terra, sebbene siano le donne che, oltre al lavoro domestico, si occupano dell'orto e del bestiame più piccolo. Raccolgono anche i semi, che coltivano fino a diventare alberi (da frutto) e si prendono cura della loro intera vita. Gli alberi forniscono carburante sotto forma di foglie e rami spezzati. E poiché un albero abbattuto vale soldi, anche gli alberi sono considerati una forma di assicurazione sulla vita.

Oltre ai semi degli alberi, le donne in Bangladesh raccolgono tradizionalmente anche i semi di verdure, cereali e riso. Come osserva Akhter, essi gestiscono così “la fonte stessa della vita”, un ruolo essenziale e apprezzato nella cultura agricola tradizionale. Ma questo ruolo è stato sottoposto a grandi pressioni. Il più grande colpevole: le grandi aziende agricole, spesso di proprietà straniera, che costringono i loro semi (geneticamente modificati) agli agricoltori. Quando gli agricoltori passano ai semi high-tech, le donne non hanno più il compito di raccogliere e gestire i semi e, di conseguenza, perdono rapidamente il loro potere economico. I loro ruoli sono emarginati; e rimangono solo con le faccende domestiche e la cura dei bambini.

Akhter combatte contro questa evoluzione attraverso il suo movimento contadino e attraverso reti internazionali. “I Monsantos di questo mondo vogliono convincerci che abbiamo bisogno dei loro semi per aumentare la produzione e rilasciano brevetti su quei semi. Come se potessi eventualmente ottenere un brevetto sulla fonte della vita! ”La Monsanto è, dopo tutto, il primo produttore mondiale di sementi GM.

Il popolo del Bangladesh (e altrove in Asia) ha offerto una notevole resistenza alle pressioni agricole su larga scala. "Con la coltivazione di monocolture, i nostri terreni perdono la loro fertilità", sottolinea Akhter. “Abbiamo una crisi di api, una crisi climatica e una crisi idrica. Inoltre, negli ultimi anni di 25, i due terzi della diversità delle specie coltivate sono andati persi. Spruzzato alla distruzione con pesticidi, scacciato dal mercato dai semi delle grandi aziende. Aziende come la Monsanto vendono sia i semi geneticamente modificati sia i pesticidi, quindi guadagnano due volte. Nel frattempo, i nostri agricoltori diventano sempre più dipendenti. " 

Il contrattacco

La resistenza a questo sviluppo sta crescendo. Sempre più in Asia, gli attivisti contadini stanno allestendo banche di semi dove vengono conservati i semi delle colture tradizionali per le generazioni future. Akhter è stato uno dei pionieri di un movimento contadino in Bangladesh che incoraggia a recuperare l'uso di specie vegetali e di cereali dimenticate. Questo è combinato con le pratiche agricole biologiche e la rinuncia all'uso di pesticidi e fertilizzanti artificiali. “Alla fine, i contadini devono decidere di fermarsi. Offriamo le alternative. E dimostriamo che proteggi altre piante non spruzzandole. Quelle che chiamiamo erbacce sono in realtà specie non coltivate, che sono tradizionalmente utilizzate per una varietà di scopi: come foraggio, per uso medicinale e molte altre cose del genere. Fanno parte della nostra biodiversità. E questo non dovrebbe essere perso. "

La rete di donne e biodiversità fa parte del Nuovo movimento agricolo, che è attivo in due terzi dei distretti del paese. Negli incontri con la popolazione si tengono discussioni sul ruolo che le persone svolgono effettivamente. Akhter: “Le persone tendono a incolpare i problemi di cose che non possono comprendere, come i cambiamenti climatici. Ma dovresti capire che tu stesso contribuisci ad avvelenare la terra quando spruzzi o disperdi sostanze chimiche. Questo è il nostro messaggio. "

L'organizzazione degli agricoltori ha i suoi centri nelle zone rurali, dove gli abitanti dei villaggi interessati possono seguire corsi che durano diversi giorni e che consentono di affrontare molti più argomenti rispetto alla semplice agricoltura biologica. Akhter: “Molti giovani frequentano. Uomini e donne siedono insieme, fanno tutto insieme. Gli uomini lavano i piatti, le donne lavorano nella terra. Pertanto, superiamo i pregiudizi. Rispettiamo le leggi sociali e la religione, ma, allo stesso tempo, combattiamo contro i concetti tradizionali di cosa possono fare gli uomini e cosa possono fare le donne. "

La straordinaria conclusione di Akhter è che è più facile rompere i modelli sociali in campagna che in città. Crede che ciò sia dovuto al fatto che nelle zone rurali i ruoli produttivi delle donne sono più chiari. “Tutti conoscono il loro significato: nell'agricoltura, nelle famiglie e nella comunità. Le loro conoscenze e abilità sono riconosciute. Mentre in città le donne trascorrono molto tempo nei centri commerciali, oa casa davanti alla televisione. Occupazioni improduttive. Pertanto, la società li vede più come un peso che come un valore aggiunto ".

Akhter afferma che le donne rurali sono aperte a nuove idee. “Purché ciò avvenga in modo rispettoso. Tenendo conto dei sentimenti di tutti, riuscendo comunque a cambiare il sistema. Nei nostri centri, le giovani contadine saltano sul palco per esibirsi. Si vestono in abiti maschili. Criticano il sistema. Cose che non hanno mai fatto prima, eppure la gente lo accetta. "

Quando possibile, anche Akhter si unisce a loro. “Non amo la città, anche se devo passare regolarmente del tempo lì. Ma mi sento sempre stanco in città. E mai quando sono in campagna, dove ci alziamo quando sorge il sole, dove lavoriamo con i contadini, dove imparano da noi e noi impariamo da loro. Discutiamo delle colture e del raccolto; distinguiamo i tipi più adatti alle diverse stagioni. E, a pranzo sul campo, proviamo a distinguere i suoni degli uccelli. Mi diverto sempre immensamente. "

Un ideale arcadico?

Farida Akhter è convinto che il futuro appartenga all'agricoltura biologica su piccola scala. La fiducia illimitata nella Rivoluzione verde, le operazioni intensificate e su larga scala che fanno così male alle persone e all'ambiente, finiranno. Anche le istituzioni internazionali come la Banca mondiale stanno iniziando a riconoscere il ruolo essenziale svolto dai piccoli agricoltori. “Nel mio paese, 70 percento degli agricoltori lavora su piccola scala. Se si organizzano e ricevono buoni servizi di estensione agricola, alla fine non avremo più bisogno di questo settore su larga scala. "

Per gli occidentali scettici, questo può sembrare un po 'troppo arcadico o eccessivamente romantico. Come se tutte le cose vecchie fossero sempre state migliori. Inoltre, l'agricoltore su piccola scala di Akhter è effettivamente in grado di nutrire la popolazione in rapida crescita in un paese come il Bangladesh? "Ma certo", reagisce. “L'agricoltura incentrata sulla natura, che segue le stagioni e produce principalmente colture locali, produce in effetti di più rispetto all'agricoltura su larga scala. I pochi raccolti ad alto rendimento, che questi ultimi producono, sono estremamente sensibili a malattie e parassiti e sono quindi pieni di spazzatura chimica. Al contrario, la nostra agricoltura si basa su antiche conoscenze. I nostri semi non hanno bisogno di sostanze chimiche perché sono adattati alle circostanze locali. "

Ciò di cui c'è bisogno è un buon governo, che sta saldamente dietro i suoi stessi agricoltori, invece di ballare sulle note delle grandi compagnie internazionali. Hanno bisogno di un governo, aggiunge Akhter, che non permetta più l'importazione di semi geneticamente modificati e che non venda terreni coltivabili di valore per il monocropping. Questo governo deve anche fare piani molto migliori per la fornitura di cibo per la popolazione. Deve essere in grado di calcolare dove e quando possibile possono verificarsi carenze e rispondere di conseguenza. La ricerca agraria non dovrebbe più concentrarsi sull'agricoltura intensiva, ma piuttosto sull'intera gamma di specie e varietà autoctone. "Ciò richiede un diverso modo di pensare, che le grandi aziende vogliono ostacolare".

Se sceglierà di seguire questa strada, il Bangladesh diventerà un paese esportatore agricolo, ritiene Akhter. “Non dimenticare che ad un certo punto della storia qui abbiamo avuto varietà di riso 15,000. Ogni regione aveva le sue varietà: aromatiche, altamente produttive, con un sapore intenso, adatte a determinati piatti e così via. Con il nostro movimento contadino, ora siamo stati in grado di recuperare e raccogliere alcuni tipi di 3,000. Ho sentito che nei Paesi Bassi mangi anche riso basmati. Se ti dicessi che ci sono molte più varietà, ognuna con il suo gusto e il suo aroma, allora le persone sarebbero sicuramente interessate, giusto? E ciò che vale per il riso vale anche per le nostre lenticchie. "

Le donne sono quelle che hanno più da guadagnare da una rivalutazione dell'agricoltura su piccola scala. L'agricoltura aziendale, sottolinea Akhter, è una cosa maschile. “Gli uomini dominano i mercati e il capitale, decidono sullo sviluppo delle sementi e conducono la ricerca. Le donne non contano più. Questo deve finire. I responsabili politici dovrebbero ascoltare le donne e riconoscere e sostenere il loro ruolo essenziale in agricoltura. Ciò significherà anche un notevole miglioramento dei rendimenti. "

La felicità è il sogno di tutti

Nel futuro ideale, afferma Akhter, il nostro piatto giornaliero di alimenti conterrà molti tipi diversi di verdure. Non solo cavolfiore o melanzane, per esempio. Inoltre, ogni verdura ha molte varietà. Tutti hanno il loro gusto unico. Oltre alla maggiore diversità offerta, il cibo appare colorato e ha un sapore migliore di quello che la maggior parte delle persone mangia oggi. È privo di sostanze chimiche e viene coltivato da semi raccolti localmente. Inoltre, le persone mangiano solo verdure di stagione. Le stagioni sono lì per un motivo, osserva Akhter, devi adattarti a loro. “Questo è ciò che il tuo corpo vuole, prodotti della stagione. Quindi, evita di mangiare prodotti invernali in primavera. "

Infatti, Akhter ammette che si tratta di una conoscenza tradizionale basata su ciò che le nostre nonne già sapevano: i tipi di frutta e verdura che dovresti mangiare in determinati periodi dell'anno. Ad esempio, perché aiutano le persone ad aumentare la loro immunità a determinate malattie. Questo tipo di conoscenza preziosa rischia di perdersi. Crede inoltre che gli scienziati riconoscano sempre più che si tratta di uno sviluppo negativo.

L'obiettivo finale dei suoi sforzi è semplice, dice: “Per le persone avere una buona vita. Come dicono i nostri agricoltori: essere felici, questo è ciò che vogliamo. Non hanno bisogno di una grande macchina o molti soldi in banca. Cibo sicuro e buono, salute per se stessi e i loro figli, natura in equilibrio. Questo è ciò che la gente comune vuole. "

-

Farida Akhter, attivista per i diritti delle donne
Il riconoscimento dei diritti delle donne e la conservazione della biodiversità sono gli argomenti in cui Farida Akhter (1953) è stata coinvolta per decenni, sia in Bangladesh che nella sfera internazionale. È direttrice di UBINIG, un istituto di ricerca attivista in Bangladesh, che combina studi sulla posizione della popolazione rurale con il sostegno politico. Akhter guida anche l'unica casa editrice femminista del Bangladesh. Ed è una delle fondatrici di Nayakrishi Andolon (New Agriculture Movement), un'organizzazione di agricoltori che incoraggia l'agricoltura biologica. Lo fa distribuendo materiale didattico e organizzando corsi di formazione per gli abitanti delle aree rurali e urbane.

Farida Akhter è un membro attivo di numerose reti regionali che organizzano l'opposizione alla modificazione genetica, alla violenza domestica contro le donne e alla coercizione nella pianificazione familiare. Ha scritto diversi libri, tra cui Women and Trees e Seeds of Movement: On Women's Issues in Bangladesh.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange