Il diritto al cibo al centro del quadro di sviluppo post-2015 - CIDSE

Right to Food al centro del framework di sviluppo post-2015

Il diritto al cibo è stato al centro di un dibattito sul futuro degli Obiettivi di sviluppo del Millennio da una prospettiva di sicurezza alimentare, tenuto da CIDSE, Caritas Europa, Caritas international Belgium e CYNDEP, in occasione delle Giornate europee dello sviluppo - il principale forum europeo sull'internazionale affari e cooperazione allo sviluppo - a Bruxelles la scorsa settimana.

Oggi 870 milioni di persone in tutto il mondo soffrono fame. L'evoluzione delle statistiche sulla fame mostra che la situazione della fame è peggiore oggi che in 1996. In un momento in cui si discute del futuro degli Obiettivi di sviluppo del millennio (OSM), questo dibattito mirava a riflettere sull'importanza della sicurezza alimentare e del diritto all'alimentazione come elementi chiave da affrontare nella negoziazione del prossimo quadro di sviluppo.

Olivier de Schutter, il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all'alimentazione, evidenziato nel suo video messaggio che il contributo chiave che il diritto all'alimentazione può apportare nella lotta contro l'insicurezza alimentare e nel quadro di sviluppo post 2015. 'L'esistenza del Diritto al cibo si intende ciò promette che i governi hanno fatto progressi verso lo sviluppo sostenibile e la riduzione della povertà promesse che devono essere mantenute ".

Padre Oreste Incimatata, Segretario Generale della Caritas Ruanda, ha sottolineato l'importanza del diritto all'alimentazione quale strumento di governance favorisce la partecipazione delle persone direttamente interessate. Per padre Oreste '' la partecipazione è l'elemento principale di una vera collaborazione in cui le esigenze e le soluzioni locali vengono prese in considerazione nell'attuazione di progetti e strategie ”. Padre Oreste ha sottolineato l'importanza delle organizzazioni della società civile e dei parlamenti nazionali come garanti degli obblighi degli Stati, compreso il diritto al cibo.

'L'aumento delle rese alimentari non significa necessariamente una diminuzione della fame; significano solo più cibo. Chi accederà a quel cibo è una questione diversa " dice Justin Kilcullen, Direttore di Trocaire. Dalla sua esperienza sul campo, Mr. Kilcullen mantiene l'importanza di una chiara legge fondiaria basata sui diritti umani. Infatti, il diritto al cibo non può esistere senza il diritto alla terra o al diritto di accedere alle risorse naturali. Inoltre, avere una legge non è sufficiente, lo stato di diritto e la volontà politica di applicare le leggi sono essenziali. Un'altra questione importante è coerenza: altre politiche non dovrebbero minare le politiche di sviluppo.

Ute Hausmann, Il direttore esecutivo di FIAN Germania, sottolinea l'importanza di meccanismi di responsabilità per i governi di rispettare i loro obblighi in materia di diritti umani. indicatori dovrebbero dimostrare an miglioramento del livello di nutrizione e dell'accesso alle risorse produttive come terra o acqua di coloro che sono denutriti. Iniziative come la Nuova Alleanza per la sicurezza alimentare e la nutrizione promuovere gli investimenti in agricoltura senza monitorare l'impatto sul diritto al cibo e dovrebbe essere sottoposto a revisione da parte del Commissione per la sicurezza alimentare mondiale (CFS). I governi devono prendere seriamente gli obblighi di rendicontazione ai sensi del diritto internazionale in materia di diritti umani e gli obblighi in materia di diritti umani dovrebbero essere parte integrante dell'agenda di sviluppo post-2015.

Jean-Pierre Halkin, Capo unità per lo sviluppo rurale, la sicurezza alimentare e l'alimentazione della direzione generale per lo sviluppo e la cooperazione, affronta la complessità dell'insicurezza alimentare affermando che "le risposte passate erano spesso basate sul errata ipotesi che la sola crescita economica sarà sufficiente per sradicare l'insicurezza alimentare e la nutrizione'. Ciò si è rivelato sbagliato e la comunità internazionale deve avere un aspetto diverso "dobbiamo lavorare sodo sulle cause profonde dell'insicurezza alimentare e non solo sulle conseguenze ". Sin da 2008, l'UE ha messo in atto varie iniziative per combattere l'insicurezza alimentare (come lo strumento alimentare) che hanno avuto un effetto positivo, ma Halkin ritiene che si possa fare di più per affrontare le cause alla radice e migliorare la capacità di vulnerabile. circa Coerenza delle politiche per lo sviluppo, Mr. Halkin considera il la situazione è migliorata rispetto a dieci anni fa; vi sono meno contraddizioni tra le politiche dell'UE. Anche il signor Halkin ha accolto con favore il nuovo partenariato FAO-UE, in cui è stata stabilita una collaborazione più equilibrata nel lavorare su una visione condivisa a sostegno della sicurezza alimentare globale. Il sostegno dell'UE alla FAO comprende il rafforzamento del CFS, nonché i meccanismi della società civile (CSM) e l'attuazione degli orientamenti volontari sul possesso dei terreni nei paesi partner.

 Juan Carlos Garcia Cebolla, leader del team Right to Food della FAO, ritiene 'Povertà e fame sono problemi politici, non tecnici. Secondo il signor Garcia, l'approccio basato sui diritti umani (HRBA) è l'elemento abilitante che può superare la mancanza di consenso politico proponendo soluzioni tecniche e giuridiche concrete.Volontà politica e coordinamento politico a livello nazionale al fine di rafforzare il ruolo della CFS. L'accordo al CFS è un passo avanti, l'accordo politico è stato raggiunto, tuttavia un approccio tecnico non è sufficiente, dobbiamo trasformare questo accordo in politiche concrete e allocare un budget.  

Per concludere, come ha affermato il signor de Schutter nel suo video introduttivo, "il diritto al cibo oggi è molto più di un simbolo, molto più di un semplice impegno legale, è uno strumento operativo che può migliorare significativamente il nostro lavoro verso lo sviluppo della sostenibilità e contro la povertà e l'insicurezza alimentare". Pertanto, gli organizzatori dell'evento - Caritas Europa, Caritas International Belgium, CIDSE e CYINDEP - chiedono all'Unione Europea nel suo insieme, compresa la Commissione Europea e gli Stati membri dell'UE, di agire su questi tre fronti:

  • Il diritto al cibo dovrebbe essere attuato in modo significativo, sottolineando partecipazione, in particolare di più gruppi vulnerabili, compresi meccanismi di responsabilità a livello locale, nazionale e internazionale. Ciò dovrebbe essere preso in considerazione al momento di elaborare la posizione dell'UE nei confronti del quadro di sviluppo post 2015.
  • La fame è a problema politico, non un problema tecnico, volontà politica è fondamentale per attuare e garantire l'esecuzione di diverse iniziative. Il piano di attuazione del quadro di sicurezza alimentare dell'UE sarà uno strumento utile.
  • Coerenza delle politiche per lo sviluppo è fondamentale per garantire il diritto all'alimentazione, alla terra e alle risorse naturali. L'UE deve dimostrare un maggiore impegno a rendere la CPS un elemento centrale della sua posizione nei negoziati sul futuro quadro post 2015.

Leggi la dichiarazione politica di CIDSE, Caritas Europa, Caritas International Belgium e CYNDEP ... (PDF)

Contatti:

Gisele Henriques (sul diritto all'alimentazione)
Jean Saldanha (su framework di sviluppo post-2015)

Policy_statement_Right_to_Food_panel_at_EDD12.pdf

Condividi questo contenuto sui social media