Forum Sociale Mondiale 2013, Tunisi - CIDSE
© cidse

Forum sociale mondiale 2013, Tunisi

© cidse

Il CIDSE si è unito alle organizzazioni della società civile di tutto il mondo per fare progetti per un mondo più giusto e più democratico al 2013 World Social Forum di Tunisi, Tunisia (26-30 marzo).

CIDSE e le sue organizzazioni membri hanno organizzato una serie di seminari con discussioni sul tema diritto al cibo, a framework di sviluppo post-2015 ed modelli alternativi di sviluppo.

Puoi trova i nostri rapporti dal World Social Forum qui.

Mercoledì 27 marzo 2013

Quale investimento per il diritto al cibo?

DOVE: Campus El Manar- Amphi 2, World Social Forum, Tunisi, Tunisia.

QUANDO: 13.00 - 15.30

Risultato: il meccanismo della società civile è stato in grado di raggiungere la società civile e i movimenti sociali presenti per presentare l'evento di investimento agricolo responsabile (rai). Abbiamo anche avuto l'opportunità di ascoltare dai collegi elettorali delle diverse regioni su come gli investimenti agricoli stanno avvenendo nelle loro regioni. Attraverso questo esercizio siamo stati in grado di riconoscere alcune tendenze comuni, come il dominio degli interessi aziendali e l'esclusione di quelli più colpiti dall'insicurezza alimentare nei processi politici che li stanno influenzando.

I risultati di questo incontro saranno presi in considerazione dal CSM per aiutare nelle consultazioni rai che avverranno ufficialmente durante 2013 in diverse regioni del mondo. Gli organizzatori del seminario hanno esortato i membri della società civile presenti nella stanza a contribuire ad essa, per far sentire la propria voce in questa cruciale consultazione.

Speaker Shamali Guttal ("Focus sul sud globale") ha ricordato i costi umani che la politica agricola distruttiva può avere. “Prima di iniziare questo seminario sugli investimenti nel settore alimentare, ricordiamo tutti che 102 giorni fa, Sombath Somphone è scomparso in Laos (visto l'ultima volta a Vientiane la sera di sabato 15 di dicembre). È solo un esempio di molte violazioni dei diritti umani che si verificano nel mondo ogni settimana ”.

 

Maggiori informazioni su Sombath Somphone: http://sombath.org/

 

Giovedi 28 marzo 2013

Sessione di strategia sull'agenda Post-2015 e Post-Rio: visione, rischi e opportunità

DOVE: Campus El Manar– Room G108

QUANDO: 09.00 - 11.30

Sessione di lavoro per la strategia su rischi e opportunità che discussioni politiche sull'attuazione del documento finale di Rio + 20 e un nuovo quadro sullo sviluppo dopo 2015 (scadenza MDG) sulla strada per raggiungere soluzioni sistemiche per affrontare le crisi persistenti e puntare a cambiamenti duraturi.

Relatori:

  • Rev. John Patrick Ngoyi, Commissione per lo sviluppo e la pace e membro del Comitato esecutivo internazionale Beyond-2015, Nigeria
  • Sammy Gamboa, Freedom from Debt Coalition e membro del Jubilee South, nelle Filippine
  • Firmin Adjahossou, Segreteria del Simposio delle Conferenze Episcopali Africa e Madagascar (SECAM), Ghana

moderazione:

  • Jean Letitia Saldanha, Senior Policy Advisor, CIDSE

Risultato: vi è stato un consenso generale sul fatto che l'agenda Post-Rio + 20 e Post-2015 dovrebbe unirsi per formare un unico nuovo quadro. La necessità di andare oltre la concettualizzazione neoliberista dello sviluppo per affrontare in modo olistico la finanza, l'economia, l'ecologia e le dimensioni sociali è stata comunemente sentita. I partecipanti hanno convenuto che una partecipazione significativa della società civile, che andava oltre la partecipazione "simbolica" e basata sui "soliti sospetti" delle grandi ONG, rappresentava una grande sfida per il processo.

JDPC Nigeria ci ha ricordato che "è fondamentale rendere più visibili le voci degli" invisibili "nel dibattito globale, per raggiungere davvero le persone più vulnerabili".

il volantino

Il mondo ha bisogno di giustizia fiscale e di una FTT

DOVE: Campus El Manar– Room M211

QUANDO: 09: 00 - 11: 30

L'irresponsabilità degli speculatori ha innescato una crisi mondiale che ha provocato povertà, crescenti disuguaglianze e un'enorme crisi del debito. È giunto il momento di far pagare loro la crisi che hanno causato; è giunto il momento di un'equa ripartizione degli oneri e della giustizia fiscale. Tassare il settore finanziario aumenterebbe l'equità. Inoltre, ciò aumenterebbe le entrate del governo, che sono assolutamente necessarie per costruire società più inclusive ed eque. - Una tassa sulle transazioni finanziarie potrebbe generare più di 500 miliardi di euro all'anno - un denaro che difficilmente finanzia la lotta ai cambiamenti climatici, pagare i beni pubblici globali, combattere la povertà e creare posti di lavoro in Europa, oltre a riequilibrare l'economia dal gioco d'azzardo e dalla speculazione alla produzione e ai servizi - Secondo il Tax Justice Network, l'evasione fiscale totale rappresenta circa il 5.1% del PIL mondiale. Le attività detenute offshore, al di fuori della portata di una tassazione effettiva, sono pari a circa un terzo delle attività globali totali. 250 miliardi di dollari di perdita annua di gettito fiscale sul reddito derivante da attività detenute offshore da individui: questo è 5 volte quanto è necessario per dimezzare la povertà globale estrema e migliorare sostanzialmente la salute e l'istruzione nei paesi in via di sviluppo entro il 2015. In Europa, 1 trilione di euro si perdono ogni anno a causa della frode fiscale, dell'evasione fiscale e dell'elusione fiscale, mentre la maggior parte dei governi è alle prese con il debito. Il mondo in via di sviluppo ha perso 859 miliardi di dollari in deflussi illeciti nel 2010. E nella maggior parte dei paesi del mondo, le perdite totali per evasione fiscale sono maggiori dell'importo speso per l'assistenza sanitaria.

Partner: Europeans for Financial Reform, CNCD-11.11.11, Global Progressive Forum, Jubilee South Asia Pacific Movement on Debt and Development, Oxfam Gran Bretagna, campagna fiscale Robin Hood, War on Want, FGTB, Attac Norvegia, Friedrich-Ebert-Stiftung, Tax Justice Network-Africa, ETUC-CES, Forum UBUNTU, National Nurses United, SOLIDAR, Public Services International (PSI), Congresso dei sindacati

Ulteriori informazioni

Transizione agricola: verso un futuro sostenibile

DOVE: Campus El Manar– Room P19

QUANDO: 16: 00 - 18: 30

Contributo di leader di organizzazioni di agricoltori e pescatori, ONG, scienziati e attivisti. Come può un'agricoltura insostenibile trasformarsi in agricoltura agroecologica e altre forme di agricoltura sostenibile? Come possono essere sostenuti e rafforzati i movimenti della piccola produzione alimentare e dei contadini? Quali politiche, azioni e passaggi sono necessari per la transizione verso un futuro alimentare sostenibile? Come rafforzare i movimenti e le alleanze per la transizione? Un seminario di due sessioni che presenta diverse iniziative per rafforzare / costruire un movimento globale per la transizione agricola e l'agricoltura sostenibile. Sessione 1: apertura a cura degli organizzatori; presentazione dei punti principali dei risultati e delle raccomandazioni dell'iniziativa di transizione agricola; presentazione di iniziative e idee per la costruzione di un movimento globale per la trasformazione agricola; pannello su come rendere necessaria la transizione agricola; dibattito aperto. Parte 2: Agroecologia, resilienza e sovranità alimentare.

Partner: rete sempre più efficiente

il volantino

Ulteriori informazioni

Giustizia fiscale eco-sociale come parte di un'agenda 2015 per posta olistica

DOVE: Campus El Manar - Sala di conferenza n ° 1

QUANDO: 16: 00 - 18: 30

La politica fiscale è uno strumento chiave per trasformare in pratica un approccio basato sui diritti di sostenibilità, benessere e progresso della società. Le priorità politiche effettive si riflettono più chiaramente nei bilanci pubblici che nelle dichiarazioni del governo e nei programmi d'azione. Inoltre, la composizione dei bilanci consente di trarre inferenze sull'influenza politica di diversi gruppi di interesse: il militare è dominante? Gli interessi commerciali vengono spinti attraverso? Oppure la spesa pubblica è focalizzata sui bisogni delle persone e sulla correzione degli squilibri e dei comportamenti insostenibili? Al seminario, vogliamo condividere esperienze da diverse parti del mondo con l'introduzione di riforme di bilancio e fiscali eco-sociali. Vogliamo approfondire le riforme in varie regioni e paesi. Vogliamo evidenziare le sfide e i modi per superarle. Come possiamo bilanciare i possibili effetti regressivi delle tasse ecologiche? Come possiamo progettare budget che affrontino contemporaneamente obiettivi sociali e ambientali? E come possiamo garantire una migliore partecipazione delle persone a questi processi? Un altro obiettivo del seminario sarà quello di riunire attori dei settori delle iniziative di bilancio con persone che finora hanno lavorato su temi sociali e ambientali. Vogliamo esplorare modi per una migliore collaborazione, creare nuovi contatti e sviluppare strategie per un maggiore impegno della società civile nel campo delle riforme fiscali eco-sociali.

Partner: TJN-Africa, Friedrich-Ebert-Stiftung, War on Want, CNCD-11.11.11

Ulteriori informazioni

Sovranità alimentare vs. sovranità energetica: l'impatto dei biocarburanti sul diritto all'alimentazione

DOVE: Campus El Manar– Room P15

QUANDO: 16: 00 - 18: 30

Risultato: i partner hanno testimoniato tramite resoconti di prima mano sugli impatti negativi che la politica dell'UE sui biocarburanti sta avendo su di loro. Ciò includeva non solo il landgrabbing, ma anche la competizione per le risorse in generale. Il nesso cibo / mangime / carburante era evidente così come il fatto che siamo preoccupati per l'accesso dell'Europa all'energia ma non per l'Africa. Molti di questi progetti sui biocarburanti soddisferanno il fabbisogno energetico dell'Europa mentre le persone nei paesi in via di sviluppo resteranno nell'oscurità.

Paula Alvarez (Grupo Semillas, Colombia)

Partner: CNDC-11.11.11

Venerdì 29 marzo 2013

Forum aperto sull'agenda della giustizia fiscale

DOVE: Université de Tunis El Manar, Faculté de droits, salle de lecture n ° 1

QUANDO: 13.00 - 15.30

Risultati principali: Dichiarazione di giustizia fiscale

Lancio della nuova alleanza globale: sarà guidata da un comitato di coordinamento globale (non è chiaro quando e come sarà formata) e servirà come organizzazione ombrello per le diverse alleanze regionali di giustizia fiscale (all'assemblea di Convergenza TJN Africa si è assunta la responsabilità per l'Africa e Wolfgang Oberland del Global Policy Forum-Europa si sono assunti la responsabilità per l'Europa). Ha le priorità 3:

- Evasione fiscale da parte di multinazionali e individui facoltosi.

- Concorrenza fiscale.

- Promuovere alternative per affrontare la mancanza di responsabilità, l'erosione del contratto sociale in tutti i paesi e le crescenti disuguaglianze nelle società: tassazione progressiva, aliquote fiscali eque in tutti i paesi e utilizzo del gettito fiscale per fornire servizi sociali

Un attivista tunisino tra il pubblico ha affermato che "in 2010, il FMI e il WB hanno aperto consultazioni con il governo di Ben Ali proponendo riforme per trasformare Tunisi in un centro finanziario offshore. Dopo la rivoluzione, al vertice G8 di Deauville in Francia, sono stati invitati i leader dei paesi delle sorgenti arabe: accordo tra nuovi governi di primavera arabi e IFI: riforme per sostenere la transizione democratica. Ma in realtà erano esattamente gli stessi accordi proposti a Ben Ali. Le riforme / progetti di legge approvati oggi all'Assemblea tunisina sono quelli proposti dall'FMI / BM a Ben Ali (quindi nessun cambiamento). L'ex primo ministro ha inaugurato il lancio del paradiso fiscale tunisino. à Tunisia sarà il primo centro finanziario offshore dell'Africa settentrionale. Convenzioni furono firmate con altri paradisi fiscali (come il Lussemburgo), facilitando la schivata fiscale. Tutto questo è successo mentre sono stati scoperti nuovi giacimenti di gas ... "

Partner: Friedrich-Ebert-Stiftung, Global Policy Forum, TJN-Africa, War on Want, CNCD-11.11.11

Visitare il sito Web 2013 World Social Forum è ancora visibile all'indirizzo www.fsm2013.org

WSF_Agriculture_transition_web.pdf
WSF_Strategy_Session_flyer.pdf

Condividi questo contenuto sui social media