Richieste CIDSE sulla trasparenza aziendale soddisfatte dai legislatori europei - CIDSE

Richieste del CIDSE in materia di trasparenza aziendale soddisfatte dai legislatori europei

I sostenitori della campagna elettorale hanno celebrato che il Parlamento europeo e il Consiglio europeo hanno soddisfatto le richieste fondamentali della coalizione in materia di trasparenza delle imprese Pubblica ciò che paghi. Il CIDSE ha richiesto modifiche alle direttive Contabilità e Trasparenza che richiederanno alle compagnie petrolifere, del gas, minerarie e forestali quotate nelle borse europee di pubblicare ciò che pagano i governi. Questo Paese per paese-reporting migliorerà la possibilità per gli attivisti locali di apprendere ciò che i loro governi sono pagati dalle società europee e transnazionali.

Tra gli altri, le organizzazioni membro CIDSE CAFOD più MISEREOR sono stati attivi sull'argomento. CAFOD ha pubblicato questa reazione di Anne Lindsay quando è arrivata la notizia dell'accordo:

Pubblica ciò che paghi per festeggiare mentre l'Europa assume la guida della trasparenza

Oggi attivisti di oltre cinquanta paesi celebreranno un accordo concordato a Bruxelles ieri sera. Email eccitate che spuntano nella mia casella di posta da paesi come Timor, Australia, Ghana e Stati Uniti mostrano che questo non è affatto solo un affare europeo.

Ieri sera a seguito di una lunga serie di negoziati, il Consiglio europeo e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo sulle modifiche alle direttive sulla contabilità e la trasparenza che richiederanno compagnie petrolifere, del gas, minerarie e forestali quotate nelle borse europee (e la più grande società estrattive europee quotate) per pubblicare ciò che pagano ai governi.

Gli abitanti dei villaggi timoresi discutono delle entrate dell'industria del gas naturale

I lettori dei precedenti blog CAFOD sapranno che alcune società estrattive stavano facendo pressioni per creare esenzioni all'interno della legge e stabilire una soglia di rendiconto ridicolmente elevata che avrebbe significato che i pagamenti inferiori a un milione di euro rimanessero segreti. Vi è stata anche un'enorme resistenza da parte dei gruppi del settore nei confronti dei rapporti a livello di progetto, nonostante il fatto che gli Stati Uniti abbiano introdotto questo livello di dettaglio nei requisiti di trasparenza per le società estrattive ai sensi dell'2010 Dodd-Frank Act.

Ma gli argomenti di coloro che promuovono la trasparenza-lite non hanno resistito a un attento esame. In effetti, un solido approccio del Parlamento europeo e il crescente riconoscimento da parte dei governi degli Stati membri dell'UE che questa opportunità fosse semplicemente troppo importante per essere sprecata significa che l'accordo finale merita l'attesa.

La rendicontazione a livello di progetto costituirà una parte fondamentale delle riforme della trasparenza e delle segnalazioni a livello di paese. La soglia per innescare la trasparenza dei pagamenti sarà 100 000 Euro, una cifra molto più rilevante per i cittadini di alcuni dei paesi più poveri del mondo come la Repubblica Democratica del Congo rispetto alle proposte di milioni di euro.

Cosa significa in pratica? Con l'accordo di ieri sera, l'Europa ha preso il testimone dagli Stati Uniti. Questi requisiti di segnalazione indicano che le organizzazioni locali in Cambogia, Angola, Zambia, Colombia, Filippine e molti altri paesi nei paesi in via di sviluppo saranno in grado di accedere a informazioni affidabili su progetti estrattivi nei propri paesi. E non dimentichiamo quanto può essere pericolosa la vita per gli attivisti che fanno domande sugli affari minerari in alcuni degli angoli più remoti del mondo. Ciò significa che i funzionari responsabili della negoziazione dei contratti chiave sulle risorse naturali sapranno che le informazioni su quante società multinazionali effettivamente pagano finiranno nel pubblico dominio. Questo è un passaggio cruciale per garantire che le entrate provenienti dalle risorse naturali siano utilizzate per sostenere uno sviluppo duraturo, non i conflitti o la corruzione.

Spiegando cosa era successo la scorsa notte a due amici che non facevano parte della coalizione Publish What You Pay e che lavorano in campi completamente diversi, la loro risposta è stata leggermente deludente. Sicuramente questo era buon senso: perché i cittadini dei paesi ricchi di risorse non dovrebbero sapere chi sta pagando cosa per le loro risorse naturali?

Potrebbero essere voluti dieci anni, ma l'accordo di Bruxelles della scorsa notte ha dimostrato che i deputati europei e gli Stati membri dell'UE hanno riconosciuto che questo è davvero buon senso.

Man mano che cresce lo slancio verso modi trasparenti di lavorare, il che significa che le imprese e i governi sono responsabili nei confronti dei cittadini, dipende da te G8: mostraci come farai affidamento su questo prezioso lavoro.

Testo originariamente pubblicato su Blog sulle politiche CAFOD.

Comunicato stampa di MISEREOR (in tedesco) può essere letto qui.

Altre notizie e analisi sull'affare da CAFOD.

Condividi questo contenuto sui social media