Fare il punto sugli sforzi internazionali per porre fine agli abusi delle risorse umane causati dall'attività commerciale - CIDSE

Fare il punto degli sforzi internazionali per porre fine agli abusi delle risorse umane causati dalle attività commerciali

Dal 2 al 4 dicembre, le Nazioni Unite hanno tenuto il loro Forum su imprese e diritti umani, a Ginevra. L'evento ha fornito l'occasione per fare il punto sui progressi compiuti negli sforzi internazionali per porre fine alle violazioni dei diritti umani causate dalle attività economiche.

Il Forum arriva due anni dopo l'adozione nel 2011 da parte del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite dei Principi guida su affari e diritti umani, per attuare il 2008 Protect, Respect and Remedy Framework. Tuttavia, per le persone in molte comunità colpite dalle attività di società irresponsabili in Asia, America Latina e Africa, l'esistenza di questo standard minimo internazionale deve ancora offrire miglioramenti tangibili alle loro vite.

In un solo esempio, l'ultimo anno ha visto diverse uccisioni di rappresentanti di popolazioni indigene, ambientalisti e difensori dei diritti umani nelle Filippine. Questi sono arrivati ​​nel contesto dell'opposizione al progetto Copper-Gold di Glencore-Xstrata-Sagittarius Mines Inc. a Tampakan, Mindanao, che se realizzato sarebbe una delle più grandi miniere a cielo aperto del mondo.

Le comunità locali e le organizzazioni della società civile hanno sottolineato l'urgenza di migliorare l'accesso alla giustizia per coloro che sono danneggiati dalle attività imprenditoriali, nonché la necessità di azioni extraterritoriali efficaci da parte degli Stati in cui hanno sede le società multinazionali. Ad esempio, ciò includerebbe l'introduzione di requisiti per la due diligence da parte delle aziende, in modo che identifichino in una fase iniziale i rischi posti dalle loro attività e prevengano e mitighino efficacemente qualsiasi impatto negativo sui diritti umani.

Sarà necessario utilizzare una serie di meccanismi a breve, medio e lungo termine. Gli Stati devono fare molto di più a livello nazionale per soddisfare il loro "dovere di protezione" assicurando che le imprese rispettino i diritti umani. Allo stesso tempo, diverse iniziative richiedono un trattato internazionale vincolante. Se vogliamo vedere riduzioni su larga scala nei casi di violazione dei diritti umani come risultato delle attività commerciali, è importante compiere progressi su entrambi gli approcci parallelamente, basandosi sugli sforzi compiuti fino ad oggi.

Infine, abbiamo bisogno di prove dell'impatto delle azioni degli Stati e delle aziende in contesti specifici per porre fine efficacemente alle violazioni dei diritti umani e di ciò che deve ancora cambiare. Una maggiore attenzione su questa valutazione da parte del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani fornirebbe una solida base per le raccomandazioni in relazione al futuro sviluppo dei meccanismi internazionali.

***
Vedi CIDSE nota per il Forum: “UN Business & Human Rights Framework: Next Steps"(EN-ES-FR)

Diversi eventi collaterali collegati al CIDSE sono stati organizzati al Forum delle Nazioni Unite per affari e diritti umani a Ginevra, 2-4 dicembre:

L'organizzazione membro tedesca del CIDSE, MISEREOR, ha co-sponsorizzato un evento chiamato Global Business - Global Accountability? Ostacoli alla giustizia, e un altro intitolato Holding Corporation per rendere conto del loro mancato esercizio della due diligence sui diritti umani: esperienze nel contenzioso transnazionale. MISEREOR è stata anche coinvolta in un terzo evento, così come la nostra organizzazione membro svizzera, Fastenopfer: Affrontare la giustizia, la due diligence e l'accesso ai rimedi nel contesto dell'industria estrattiva. Casi nelle Filippine, Mozambico, Palestina, Africa meridionale e Tailandia.

 

Tenendo le società per conto della loro incapacità di esercitare la due diligence sui diritti umani
Affrontare la giustizia, la dovuta diligenza e l'accesso al rimedio
Affari globali, responsabilità globale? Ostacoli alla giustizia

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange