Tour dei vescovi in ​​Guatemala - CIDSE
"Comunità in resistenza"

Tour dei vescovi in ​​Guatemala

Bisogna spesso viaggiare lontano per avere davvero un'idea del perché valga la pena lavorare per la giustizia globale. Non basta salire su un aereo da qualche parte, devi andare avanti per raggiungere le persone con cui sosteniamo e con cui lavoriamo.

Le strade dissestate e il terreno difficile sono la norma, quindi immagina la sorpresa quando, man mano che ti avvicini all'organizzazione partner, la strada si trasforma in un'autostrada perfetta, di nuova costruzione, anche se sei lontano dalle città più grandi, nella campagna del Guatemala . È così che sai che ti stai avvicinando alle persone minacciate da progetti industriali o massicce piantagioni di monocoltura, perché le strade portano direttamente a miniere a cielo aperto o progetti agricoli che si stanno espandendo in tutto il paese.

"Comunità in resistenza"Gli ultimi passi sulla strada per i villaggi intorno alla miniera di La Puya lasciamo il nostro autobus e dobbiamo camminare, oltre le unità di polizia e le barricate, per raggiungere il Comunidad en Resistencia. Lì, oggi, condivideremo la comunione durante una messa tenuta in una tenda aperta vicino alla miniera. Centinaia di abitanti del villaggio si aspettano da noi, insieme a sacerdoti della regione, e noi - una delegazione CIDSE con vescovi e sacerdoti provenienti da Spagna, Svizzera, Belgio e Irlanda, nonché esperti delle organizzazioni cattoliche di sviluppo Trócaire, Fastenopfer, Broederlijk Delen e Manos Unidas - celebreremo con loro oggi. Una massa di solidarietà, dal momento che il mining qui avviene senza il coinvolgimento della comunità locale, su una licenza concessa dal governo centrale in violazione delle normative internazionali e dei principi democratici di base. Le uniche istituzioni statali che provvedono alle comunità locali sono la polizia e le forze armate, supportate dalla sicurezza della compagnia Exmingua (Extracciones Mineras de Guatemala) che incontriamo. Non sono lì per aiutare la gente del posto, ma per assicurarsi che gli eventi del 23 maggio 2014 non si ripetano. Quindi, la gente del posto ha bloccato la strada, chiedendo di essere ascoltata, chiedendo una revisione della miniera poiché gli esperti avevano trovato arsenico velenoso nell'acqua proveniente dalla miniera. Il 23 maggio 2014, la polizia militare ha scacciato violentemente i manifestanti. Oltre alle ferite fisiche, è stato fatto un taglio profondo alle loro anime. Nessuno li protegge. Quello che chiedono è la fine della vendita della loro terra da parte dello Stato a società transnazionali per soddisfare la fame delle loro risorse naturali: oro, argento, minerali, petrolio, gas ... Non c'è un solo esempio di miniera che potrebbe hanno beneficiato la popolazione locale in Guatemala. I guadagni vanno ad altri, lontani, e gli agricoltori perdono la loro terra. Spesso senza compenso.

Il campo di La PuyaI media, i giornali gridano che attivisti, comunisti, terroristi si oppongono allo sviluppo del Paese. Tuttavia, a La Puya, quegli "attivisti" sono la comunità cattolica locale. Nella regione del Quiché, coloro che soffrono per le prese di terra sono un popolo Maya, l'Ixil. Non è nemmeno la prima volta che soffrono. Negli 80, furono oggetto di una campagna militare di tattiche di terra bruciata, genocidio e sfollamento. I testimoni mi hanno raccontato, per ore, i dettagli dei massacri delle loro famiglie, dei loro vicini, di come i bambini Ixil furono presi dai loro genitori, trasmessi dai militari per essere venduti negli Stati Uniti e in Europa, o persino ai commercianti di organi. L'unico modo in cui sono riuscito a far fronte alle storie raccontate è stato vedere nei volti delle persone dire loro quanto fosse importante per loro essere ascoltate.

Mons. Jousten abbraccia un villico in luttoNel villaggio di Coban le immagini degli assassini sono appese alle pareti e, per ogni abitante del villaggio "scomparso", una croce. Scorrono lacrime, vescovi, sacerdoti e famiglie vittime avvolgono le braccia l'una attorno all'altra. Ma invece di accettare questo genocidio, il governo continua a ignorare sia le sentenze legali sia l'eterna fila di testimoni. Le persone non ricevono un risarcimento per le loro sofferenze, ma invece il genocidio continua sotto forma di rimozione dei diritti, attraverso la violenza nella causa dello "sviluppo" attraverso l'estrazione mineraria e la monocoltura per l'esportazione - esportazione per riempire le nostre auto con biocarburanti di olio di palma e canna da zucchero.

Celebriamo una messa con il popolo Ixil, nella loro lingua, una delle nove lingue parlate proprio nella diocesi di Quiché. vescovo Rosolino Bianchetti ha studiato la lingua e dice messa nell'Ixil e lo spagnolo di fronte alla 500 partecipando alla messa a San Juan Cotzal.

Inni alla messaAllo stesso tempo, a oltre 9000 chilometri, il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani si riunisce a Ginevra. All'ordine del giorno: regole per le società nel rispetto dei diritti umani. Il CIDSE ha raccolto testimonianze del Guatemala e di altri paesi e le trasmette alle Nazioni Unite. Il Vaticano si è pronunciato a favore di un trattato ONU vincolante per stati e compagnie. La tensione aumenta. Qualche tempo fa stavamo seguendo una partita di calcio con la stessa eccitazione, ora aspettiamo il risultato dal voto, finché non sentiamo la delegazione del CIDSE a Ginevra: successo! I voti dell'UE e degli Stati Uniti sono stati sconfitti, la maggioranza dei paesi ha votato per avviare negoziati su norme vincolanti.

Acquistare una maglietta di solidarietàLa gente in Guatemala noterà? Le aziende e i governi rispetteranno i loro diritti e li coinvolgeranno nelle decisioni che incidono sulla loro vita in futuro? Gli esperti sono scettici: i governi e coloro che sono interessati al status quo farà di tutto per fermarlo. In Guatemala, come in tutto il mondo, spetterà a una società civile rafforzata aiutare le popolazioni emarginate. L'UE e i suoi Stati membri potrebbero aiutare, se non solo utilizzassero il loro interesse per le materie prime e le risorse come misura per ciò che è giusto, ma includessero la loro retorica sui diritti umani, sulla lotta contro la povertà nelle loro attuali politiche. È molto lontano dalla capitale per le regioni colpite, ma speriamo che i diplomatici con cui ci siamo incontrati farebbero il viaggio. Sarebbe un gesto importante ed è un'opportunità per l'UE di fare un passo verso la direzione della sua politica per soddisfare gli interessi dei poveri e dei diseredati.

La delegazioneLe impressioni profonde della grande opera dei nostri partner locali, dei racconti terribili che ho sentito, ma anche della speranza di un futuro in giustizia e pace mi portano sulla via del ritorno a Bruxelles, dove c'è ancora molto lavoro da fare. Lavori che possono svolgere un piccolo ruolo per modificare le condizioni delle persone a livello locale, in Guatemala, in meglio, forse da parte di corporazioni e governi seguendo un minimo di regole e forse, si spera, lasciando che i nostri partner lavorino senza paura di arresti, molestie e violenza.

Bernd Nilles

Resoconto del viaggio dei vescovi in ​​Guatemala

Altre immagini dal tour dei vescovi

Per saperne di più sulla nostra relazione con gli estratti:

Il Campagna quaresimale of Sacrificio Quaresimale

Condividi questo contenuto sui social media