Raccogliere i frutti del commercio di minerali dei conflitti mortali - CIDSE

Raccogliere ricompense dal mortale conflitto nel commercio di minerali

24 settembre 2014

Le aziende europee sono in grado di raccogliere frutti dal mortale conflitto nel commercio di minerali

Oggi, una coalizione di ONG che fanno campagne per la lotta ai minerali di conflitto supportate dal CIDSE ha lanciato a nuovo sito web.

Vedi il comunicato stampa in Inglese - Francese - Tedesco così come Briefing congiunto CSO (Luglio 2014).

L'Unione europea non riesce a reprimere un commercio mortale di minerali di conflitto, una coalizione di gruppi per i diritti tra cui Global Witness e Amnesty International ha avvertito oggi, settimane prima che la nuova legislazione sarà discussa in Parlamento.

Una nuova analisi di Global Witness mostra che le aziende stanno portando miliardi di euro di minerali in Europa senza dover rivelare se i loro acquisti finanziano gruppi armati o violazioni dei diritti umani in paesi devastati dal conflitto.

"Al momento non abbiamo modo di sapere cosa stanno facendo le aziende europee per evitare il finanziamento di conflitti o violazioni dei diritti umani", ha affermato Michael Gibb di Global Witness.

"La Commissione europea ha proposto una legislazione che sostiene affronterà il problema, ma il progetto di legge si spinge fino a suggerire alle aziende di controllare e dichiarare volontariamente la fonte dei loro minerali. Gli studi dimostrano che le aziende semplicemente non controllano le loro catene di approvvigionamento, a meno che non siano obbligate a farlo. Mettendola in modo netto, questa legislazione non ridurrà significativamente il commercio di minerali di conflitto. "

L'analisi rivela la portata del ruolo dell'UE nel commercio di minerali, che se fornito senza controlli adeguati da aree colpite da conflitti e ad alto rischio, può essere utilizzato per pagare gruppi armati e forze di sicurezza che infliggono violenza insopportabile alle comunità locali.

I minerali possono finire in prodotti come telefoni cellulari, laptop, automobili o lampadine. Nella Repubblica Democratica del Congo, in Colombia e nella Repubblica Centrafricana, il commercio ha alimentato conflitti mortali che hanno provocato lo sfollamento di oltre 9.4 milioni di persone e portato a gravi violazioni dei diritti umani. In Colombia, le stesse compagnie minerarie sono state associate a violazioni dei diritti umani.

Secondo la nuova ricerca, l'UE ha rappresentato quasi un quarto (€ 28.5 miliardi) del commercio globale di stagno, tungsteno, tantalio e minerali d'oro e metalli lo scorso anno. Nello stesso anno, 240 milioni di telefoni cellulari e oltre 100 milioni di laptop sono stati importati nell'UE, che contengono anche tutti questi minerali. Attualmente, le società non sono tenute a garantire che i proventi di questo commercio non finiscano nelle mani sbagliate.

Enormi volumi di prodotti vengono portati senza controllo in paesi come Germania, Regno Unito e Francia. La Germania è il maggiore importatore di telefoni cellulari e laptop nell'UE, con circa 9.6 milioni di laptop e 28.6 milioni di telefoni cellulari in 2013, per un valore di € 18.2 miliardi. Il Regno Unito è il secondo più grande importatore di telefoni cellulari e laptop, i Paesi Bassi sono terzi e la Francia è quarta.

"Le società europee stanno probabilmente beneficiando di scambi di minerali che stanno riempiendo le tasche di gruppi armati violenti in paesi ricchi di risorse come il Congo e la Colombia", ha affermato Audrey Gaughran, direttore per le questioni globali di Amnesty International.

“L'UE deve elaborare una legge significativa che affronti efficacemente il legame tra commercio europeo e violazioni violente dei diritti umani all'estero. L'approvvigionamento responsabile di minerali non dovrebbe essere facoltativo, ma lo fa ogni impresa. "

Gli Stati Uniti e una dozzina di paesi dell'Africa centrale hanno messo in atto misure che impongono alle imprese di indagare sulle loro catene di approvvigionamento di minerali, ma l'UE non ne ha. Con l'aumentare della domanda globale di risorse naturali, l'UE rischia di diventare un importante snodo commerciale per i minerali dei conflitti.
La nuova analisi viene rivelata quando la coalizione delle ONG chiede pubblicamente ai deputati e agli Stati membri dell'UE di rivedere la legge proposta e creare qualcosa che dia ai consumatori la fiducia che i loro acquisti non contribuiscano a danneggiare l'estero. Sostenitori, come il regista di Blood Diamond, Ed Zwick, hanno appoggiato la campagna.

In particolare, la coalizione chiede:
• La proposta volontaria da sostituire requisiti vincolanti, costringendo le aziende europee a procurarsi minerali in modo responsabile.
• La proposta di coprire più aziende. L'attuale regime riguarda solo un misero 0.05% delle aziende con sede in Europa coinvolte nel commercio. Al momento non copre le aziende che importano beni di consumo, quali laptop, telefoni cellulari e automobili, che contengono i minerali in questione.
• La proposta di includere altre risorse naturali a rischio di finanziamento di gruppi armati o forze di sicurezza violente o collegato a gravi violazioni dei diritti umani, come diamanti, carbone e cromite.

I deputati e gli Stati membri hanno la responsabilità di garantire che le imprese in Europa non traggano profitto a spese delle comunità locali nei paesi produttori. Dovrebbero fornire ai consumatori tale garanzia attraverso una legislazione solida e significativa. Questa è un'opportunità fondamentale per farlo bene.

/ Ends

Commenti degli esperti:

Gautier Muhindo Misonia, coordinatore del Center for Research and Investigation in Environment, Democracy and Human Rights, nella Repubblica democratica del Congo, ha dichiarato: "Abbiamo urgentemente bisogno di una legge forte nell'UE che impedisca alle aziende di ignorare i danni che i loro acquisti alimentano in paesi come il Congo. Il settore minerario artigianale in Congo deve affrontare enormi sfide. Gruppi armati, mine di controllo militare e rotte commerciali. Le condizioni di lavoro possono essere molto povere. Ma il controllo internazionale del settore ha innescato progressi reali che il sistema volontario dell'UE avrebbe compromesso. Consentirebbe alle aziende europee di trarre profitto a spese della popolazione locale ".

Baronessa Helena Kennedy QC, ha affermato: “È di vitale importanza che l'UE e il Regno Unito adottino una legislazione vincolante che imponga alle aziende di aderire agli standard sui diritti umani. Attualmente troppe delle nostre società si riforniscono di minerali attraverso catene di approvvigionamento che in realtà stanno sottoscrivendo conflitti in tutta l'Africa, consentendo stupri e omicidi all'ingrosso. Questa è una campagna che ha urgente bisogno del nostro sostegno ".

Ed Zwick, direttore di Blood Diamond e membro del comitato consultivo di Global Witness, ha sostenuto la campagna. Ha detto: “In Europa, i nostri produttori acquistano minerali che potrebbero finanziare i conflitti che il nostro denaro per gli aiuti spera di alleviare. E nel frattempo, rischiamo di acquistare prodotti contenenti questi minerali di conflitto, allegramente inconsapevoli delle implicazioni ... Questa è un'opportunità fondamentale per aiutare a rimediare ".

Prof. John Ruggie, autore dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, ha dichiarato quanto segue in una lettera al presidente della Commissione Barroso: “[I principi guida] chiariscono che le società le cui operazioni o contesti operativi comportano rischi di gravi impatti sui diritti umani dovrebbero riferire formalmente su come affrontarli. Laddove minerali o metalli estratti in situazioni di conflitto attraverso il lavoro forzato, il lavoro minorile e pratiche abusive simili possono far parte della catena del valore di un'azienda, questo diventa naturalmente una questione rilevante per la rendicontazione formale ... Una mossa per rendere la segnalazione dei rischi del tutto facoltativa che lascia le aziende più responsabili esposti mentre quelli meno attenti alle proprie responsabilità in materia di diritti umani continuano le loro pratiche attuali imperterriti ".

Contatti:
Sarah Morrison, Londra, Regno Unito, smorrison@globalwitness.org, + 44 207 492 5840 / + 44 7912 517 126
Emily Norton, Londra, Regno Unito, enorton@globalwitness.org, + 44 207 492 5870 / + 44 7889 536 341

Note per i redattori:

  1. Il sito web della campagna sui minerali dei conflitti: http://www.globalwitness.org/conflictminerals/.
  2. La coalizione di ONG dietro la campagna sui minerali dei conflitti comprende: Amnesty International, Global Witness, Christian Aid, Commission Justice e Paix Belgique francophone, CORE, ALBOAN, Le Centre National de Coopération au Développement, EurAc, OENZ, London Mining Network, PAX, Western Sahara Resource Watch, Südwind Agentur, Save Act Mine, CODHO, Congo Calling, Jesuit European Social Center, Info Birmanie, PowerShift, CERN / CENCO, Association for the Développement des Initiatives Paysannes (ASSODIP), Walk Free, CIDSE, GreenIT.fr.
  3. La proposta della Commissione europea è stata lanciata a marzo e può essere trovata qui.
  4. Maggiori dettagli sulla posizione della coalizione sono disponibili qui.
  5. I governi e i deputati stanno rivedendo la proposta della Commissione. I deputati discuteranno della questione in un'audizione del comitato all'inizio di dicembre. Il Consiglio e il Parlamento dovrebbero votare la legislazione all'inizio del prossimo anno.

Paese per paese: dati supplementari sui principali importatori dell'UE

La tabella mostra i primi cinque importatori di laptop e telefoni cellulari nell'UE. Entrambi questi prodotti contengono stagno, tantalio, tungsteno e oro. Attualmente, è impossibile per i consumatori stabilire se i minerali contenuti in questi prodotti hanno finanziato conflitti e violazioni dei diritti umani all'estero.

Germania

La Germania è il terzo più grande importatore di laptop e telefoni cellulari al mondo e il maggiore nella UE.
La Germania ha importato 64 milioni di telefoni cellulari e 15 milioni di laptop, per un valore di 14.4bn (18.7bn) in 2013.
In 2013, la Germania ha importato 7.6bn € (9.8bn US $), o 52 per cento, dai suoi telefoni cellulari e laptop, dalla Cina. (Vedi la sezione sulle importazioni cinesi di seguito).

UK Il Regno Unito è il quarto più grande importatore di laptop e telefoni cellulari al mondo e il il secondo più grande nella UE.
Il Regno Unito ha importato 20 milioni di laptop e oltre 44.5 milioni di telefoni cellulari, per un valore di £ 11.2bn (US $ 18.2bn), in 2013.
In 2013, il Regno Unito ha importato £ 4.4bn (US $ 7.2bn), o 40%, dai suoi telefoni cellulari e laptop, dalla Cina. (Vedi la sezione sulle importazioni cinesi di seguito).
Olanda I Paesi Bassi sono il quinto importatore di laptop e telefoni cellulari al mondo e il il terzo più largo nella UE.
I Paesi Bassi hanno importato 14.8 milioni di telefoni cellulari e 20 milioni di laptop, per un valore di 9.5bn (12.3bn US $), in 2013.
In 2013, i Paesi Bassi hanno importato 7.1bn € (9.2bn US $), o 74 per cento dei suoi telefoni cellulari e laptop, dalla Cina. (Vedi la sezione sulle importazioni cinesi di seguito).
Francia La Francia è il sesto importatore di laptop e telefoni cellulari al mondo e il il quarto più largo nella UE.
La Francia ha importato 16 milioni di laptop e quasi 36 milioni di telefoni cellulari, per un valore di 9bn ($ 11.6bn), in 2013.
In 2013, la Francia ha importato 6.2bn € (8bn US $), o 69 per cento, dei suoi telefoni cellulari e laptop dalla Cina. (Vedi la sezione sulle importazioni cinesi di seguito).
Italy L'Italia è il più grande importatore 11 di laptop e telefoni cellulari al mondo e il il quinto più grande nella UE.
L'Italia ha importato 9.6 milioni di laptop e 28.6 milioni di telefoni cellulari, per un valore di 6.1bn (7.9bn) in 2013.
In 2013, l'Italia ha importato 1.9bn € (2.5bn US $), o 33 per cento, dei suoi telefoni cellulari e laptop dalla Cina. (Vedi la sezione sulle importazioni cinesi di seguito).
Importazioni cinesi Una parte significativa delle importazioni nell'UE di telefoni cellulari e laptop proviene dalla Cina, come spiegato sopra. La Cina importa notevoli quantità di minerali e metalli da utilizzare nella fabbricazione di questi prodotti.
In 2013, la Cina ha importato oltre 4,000 tonnellate di minerali di stagno, tungsteno, tantalio e oro e concentrati, di valore superiore a € 106.6m (US $ 138m), dalla Colombia, dalla RDC, dal Ruanda e dal Burundi.
Questo è equivalente in peso all'importazione Autobus a due piani 333 che, se fornito senza controlli adeguati da aree ad alto rischio, avrebbe potuto finanziare la guerra.
In 2013 la Cina proviene 23 per cento dei suoi minerali e concentrati di tantalio (in peso) provenienti da questi quattro paesi.

Note:

Tutti i dati provenienti dalle Nazioni Unite: http://comtrade.un.org/

I dati su stagno, tantalio, tungsteno e minerali di oro, concentrati e metalli acquisiscono il commercio dell'UE nei codici SA elencati nella tabella a pag.78 della valutazione d'impatto della Commissione, disponibile all'indirizzo: http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2014/march/tradoc_152229.pdf

I dati su telefoni cellulari e laptop riflettono il commercio dell'UE nei codici 851712 (telefoni cellulari) e 847130 (computer portatili).

 

Campagna EN-Conflict Minerals
DE-Konfliktmineralien Kampagne
FR-Campagne Minerais des Conflits

Condividi questo contenuto sui social media