Comunicato stampa: 125 leader della Chiesa chiedono all'UE di porre fine ai minerali dei conflitti prima delle votazioni cruciali - CIDSE
Comunicato stampa
Rete di approvvigionamento responsabile

Comunicato stampa: i dirigenti della Chiesa di 125 chiedono all'UE di porre fine ai conflitti dei minerali prima dei voti cruciali

Rete di approvvigionamento responsabile

Computer portatili, telefoni cellulari e molti dispositivi elettronici usati quotidianamente dalla maggior parte delle persone e venduti dalle aziende europee possono contenere risorse naturali la cui estrazione e commercio alimentano la violenza e la sofferenza. Per rispondere a questo, i dirigenti della Chiesa 125 dei paesi 37 nei continenti 5 hanno firmato una dichiarazione che chiede all'UE di fermare i minerali dei conflitti.

Il giunto dichiarazione, pubblicato per la prima volta in ottobre 2014, ha continuato a ottenere il sostegno di vescovi europei e di altri vescovi, soprattutto ora in vista di voti cruciali al Parlamento europeo. Il 23-24 di febbraio la commissione per il commercio internazionale (INTA) del Parlamento europeo terrà uno scambio di opinioni sul suo progetto di relazione sull'approvvigionamento minerario responsabile e presto seguiranno altri importanti voti (vedi la cronologia politica nelle Note agli editori per ulteriori informazioni dettagli).

"Poiché conosco la miseria in cui vive la nostra gente e come lo sfruttamento anarchico, non coordinato e persino illegale delle risorse naturali abbia contribuito all'impoverimento della nostra gente, non abbiamo esitato a firmare ", ha detto il vescovo congolese Fridolin Ambongo, Presidente della Commissione episcopale per le risorse naturali. Ha aggiunto: “La nostra speranza è che ci sarà una legge chiara che regolerà lo sfruttamento delle risorse naturali e che questo obbligherà le grandi aziende a seguire le regole e ad essere trasparenti.t”.

I firmatari avvertono che i cittadini europei si aspettano garanzie di non essere complici nei conflitti di finanziamento quando acquistano prodotti di uso quotidiano. Le persone alle due estremità delle odierne catene di approvvigionamento globali hanno bisogno di garanzie sulla moralità dei nostri sistemi commerciali. E il Parlamento europeo, riflettendo la coscienza del popolo europeo, dovrebbe raccogliere questa sfida.

Una nuova legislazione che regolerebbe l'approvvigionamento di minerali di conflitto nell'UE è stata proposta a marzo 2014 dalla Commissione europea ed è attualmente all'esame del Parlamento europeo. Ma il progetto di relazione appena rilasciato dal relatore, l'eurodeputato Iuliu Winkler, può ancora essere migliorato, in quanto non propone regole abbastanza rigide per disciplinare una questione come i minerali di conflitto.

I dirigenti della Chiesa attraverso la loro dichiarazione chiedono che la legislazione:

• Introdurre requisiti obbligatori per le aziende per garantire il rispetto dei diritti umani, piuttosto che perseguire un approccio volontario come attualmente proposto.
• Coprire una gamma più ampia di società: non solo gli importatori di minerali grezzi, come attualmente proposto, dovrebbero essere interessati dalla legge, poiché ciò escluderebbe la grande quantità di minerali trasformati all'estero e importati nei mercati dell'UE già all'interno dei prodotti finiti.
• Coprire più risorse naturali: la legislazione proposta riguarda solo stagno, tantalio, tungsteno e oro. Ma lo sfruttamento di altre risorse naturali come rame e diamanti può anche essere collegato alle violazioni dei diritti umani.

Secondo Bernd Nilles, Segretario generale del CIDSE: "Le firme dei Vescovi sono un forte appello a tenere conto dell'urgenza delle comunità colpite dalla violenza connessa alle risorse naturali“. Questa è un'opportunità concreta per ascoltare le parole del Papa al Parlamento Europeo lo scorso novembre quando ha detto: “È giunto il momento di lavorare insieme per costruire un'Europa che non ruota attorno all'economia, ma attorno alla sacralità della persona umana, attorno a valori inalienabili. "

In questa video, due vescovi della Repubblica Democratica del Congo, firmatari della dichiarazione dei leader della Chiesa - spiegano Mons. Fridolin Ambongo- Presidente della Commissione Episcopale per le Risorse Naturali e Vescovo di Bokungu-Ikela, e Mons. Fulgence Muteba, Vescovo di Kilwa-Kasenga in - spiegano perché è necessaria una regolamentazione dell'UE più forte se si vuole portare un cambiamento tangibile alle comunità che soffrono.

 

Leggi la dichiarazione dei dirigenti della Chiesa qui.

Comunicato stampa_Conflict Minerals_February 2015

Condividi questo contenuto sui social media