Comunicato stampa: un nuovo video mostra le storie di sofferenza nascoste in molti prodotti di uso quotidiano - CIDSE
Comunicato stampa

Comunicato stampa: un nuovo video mostra le storie di sofferenza che sono nascoste in molti prodotti di tutti i giorni

CIDSE, Commissione Justice & Paix ed EurAc stanno lanciando un'azione di campagna video. Dopo aver visto il video, i cittadini potranno inviare le loro richieste per una legislazione efficace ai membri del Parlamento europeo.

Il 18 e 19 marzo 2015, i membri del Parlamento europeo che siedono nella commissione per il commercio internazionale (INTA) voteranno sull'approvvigionamento responsabile di minerali (il cosiddetto regolamento sui "minerali dei conflitti"). Seguirà il voto in una sessione plenaria del Parlamento europeo il 18-21 maggio (giorno esatto da confermare). Questi voti saranno cruciali per il risultato di una legislazione che ha un enorme impatto sul benessere di molte comunità nel Sud del mondo.

La sezione video, realizzato da CIDSE, Eurac ed Commissione Giustizia e Paix, mostra cosa c'è veramente nei nostri telefoni cellulari, esponendo una storia di sofferenza e violenza. La sceneggiatura del video dice: “La miniera è controllata da un gruppo di uomini armati. Dotati di mitragliatrici, chiedono una "tassa" per lasciarlo scavare. Presto un altro gruppo armato prenderà il posto del primo. Se Bienvenu non viene ucciso durante l'attacco, sarà sicuramente oggetto di estorsione ".

Attraverso le storie di Bienvenu e Félicité, i protagonisti del film, possiamo vedere come la vita delle persone in paesi come la Colombia, il Myanmar e la Repubblica democratica del Congo, possa essere influenzata dall'estrazione e dal commercio delle risorse naturali utilizzate per i prodotti di uso quotidiano. Il video fa parte di una campagna più ampia che chiede agli eurodeputati di rendere la legislazione sui minerali dei conflitti vincolante e di portata globale.

Approvvigionandosi di risorse provenienti da aree di conflitto o ad alto rischio, le imprese europee rischiano di alimentare la violenza a scapito dei diritti umani, della pace e dello sviluppo. In questo modo, i "minerali dei conflitti" entrano nei nostri computer, nei nostri telefoni, nelle nostre automobili. Il segretario generale del CIDSE, Bernd Nilles, sottolinea che “attraverso questo video e l'azione di posta elettronica che l'accompagna, i cittadini europei saranno in grado di agire e mostrare ai loro rappresentanti che non vogliono essere complici di questo sfruttamento mortale e del commercio delle risorse naturali. Ci auguriamo che le e-mail dei cittadini indirizzate ad alcuni membri chiave del Parlamento europeo li incoraggino a sollevarsi per agire con forza su questo regolamento, riflettendo le preoccupazioni di molti cittadini europei ".

Allertata sulla questione dei "minerali provenienti da zone di conflitto" dai cittadini europei e dalla società civile, la Commissione europea ha già compiuto il passo positivo proponendo un regolamento volto a garantire l'approvvigionamento responsabile dei minerali da parte delle imprese quando provengono da zone di conflitto. L'obiettivo è spezzare i legami tra risorse naturali e conflitti, come è avvenuto negli ultimi 15 anni nell'est della Repubblica Democratica del Congo, dove le popolazioni subiscono mutilazioni, massacri, stupri, schiavitù e massicci sfollamenti perpetrati da gruppi armati il ​​cui finanziamento si basa principalmente sulle ricchezze del sottosuolo.

Il testo proposto dalla Commissione europea potrebbe ancora essere migliorato, soprattutto su questi punti:
• Non richiede alle imprese interessate di indagare sulle loro catene di approvvigionamento, ma si accontenta solo di "incoraggiarle" a farlo.
• Limita la legge a quattro minerali (stagno, tantalio, tungsteno e oro). Questo trascura il fatto che in realtà ci sono molte altre risorse naturali che contribuiscono agli abusi in tutto il mondo, come rame, giada e rubini, carbone e diamanti.
• Il regolamento limita il suo campo di applicazione solo alle imprese europee 480. L'impatto sul terreno e quindi sulle popolazioni interessate rischia di essere minimo.

La richiesta di regole più rigorose e migliori sui minerali dei conflitti è appoggiata anche da più di 130 Church Leader dei paesi 37, espressa in un dichiarazione supportato da CIDSE. La dichiarazione congiunta, rilasciata per la prima volta nell'ottobre 2014, ha continuato a ottenere sostegno tra i vescovi europei e altri, soprattutto ora in vista delle votazioni cruciali al Parlamento europeo. In questo video, due vescovi della Repubblica Democratica del Congo, firmatari della dichiarazione dei leader della Chiesa: Mons. Fridolin Ambongo- Presidente della Commissione Episcopale per le Risorse Naturali e Vescovo di Bokungu-Ikela, e Mons. Fulgence Muteba, Vescovo di Kilwa-Kasenga in - spiegare perché è necessaria una regolamentazione dell'UE più forte se si vuole portare un cambiamento tangibile alle comunità che soffrono.

Cronologia politica

Particolari del contatto:
Valentina Pavarotti, responsabile media e comunicazione CIDSE
+ 32 (0) 2 282 40 73, pavarotti (AT) cidse.org

CIDSE_press_release_conflict_minerals_March_2015.pdf

In 2015, chiediamo una legislazione ambiziosa dall'Unione Europea per porre fine ai conflitti minerali!

Condividi questo contenuto sui social media