Comunicato stampa: La società civile invia le sue proposte ai leader europei al vertice UE-CELAC - CIDSE
Fonte: CONCORD

Comunicato stampa: la società civile invia le sue proposte ai leader europei al vertice UE-CELAC

Fonte: CONCORD

Bruxelles, 20 Maggio 2015; Su 10 e 11 giugno 2015, Bruxelles ospiterà il secondo vertice dei capi di Stato e di governo dell'Unione europea e dell'America latina e dei Caraibi; un incontro di alto livello che riunirà i leader politici di 61. In vista di questo incontro, le organizzazioni della società civile delle due regioni, guidate da CONCORD e dalle reti latinoamericane Mesa de Articulación, hanno pubblicato un dichiarazione oggi. Questo comunicato stampa è disponibile in EN / ES / FR.

Il documento è stato inviato all'alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri, Federica Mogherini, e al commissario europeo per la cooperazione e lo sviluppo internazionale, Neven Mimica, tra gli altri leader, e comprende una serie di proposte concrete per l'uguaglianza socio-economica, la sostenibilità ambientale, diritti umani e partecipazione dei cittadini. La dichiarazione chiarisce che per la società civile, i diritti umani devono avere la precedenza sugli interessi commerciali nelle relazioni bilaterali UE-CELAC.

Le reti dell'UE ACT Alliance EU, Alianza por la Solidaridad, CIDSE, Cifca, Oidhaco e Grupo Sur, che rappresentano più di organizzazioni 100, hanno firmato la dichiarazione che afferma che le relazioni attuali tra le due regioni si basano principalmente su una relazione disuguale in cui le risorse naturali vengono estratte in modo aggressivo da società europee in America Latina senza tener conto degli impatti di ciò sui diritti umani e sullo sviluppo.

“Questo modello economico ha un impatto negativo sull'ambiente e sull'accesso alla terra e sulla sovranità alimentare per i latinoamericani”, affermano le organizzazioni sottoscritte. Inviano inoltre un promemoria che “è urgente spingere per processi di controllo e trasparenza delle aziende, per garantire che implementino la consultazione preventiva e la due diligence”.

Accordi di libero scambio contro diritti umani

L'UE svolge un ruolo cruciale in America Latina ed è il suo terzo partner commerciale, tuttavia "gli accordi di libero scambio (ALS) hanno favorito gli interessi delle multinazionali a scapito dei diritti umani ”, si legge nel comunicato. Per questo motivo le reti firmatarie insistono sul fatto che queste relazioni biregionali non dovrebbero essere basate solo sul libero scambio e sulla protezione degli investimenti europei.

Le proposte contenute nel dichiarazione, include la creazione di uno strumento vincolante per regolare le attività delle multinazionali garantire che applichino gli stessi standard di rispetto dei diritti umani all'interno e all'esterno delle frontiere dell'UE.

L'UE ha già firmato accordi commerciali con il Cile, il Messico e sei paesi dell'America centrale e un accordo di libero scambio con la Colombia e il Perù. Al momento l'UE sta negoziando l'aggiunta dell'Ecuador a quest'ultimo trattato e ha accelerato i negoziati con Cuba.

Protesta sociale; un'attività ad alto rischio

Attualmente in molti paesi dell'America Latina le proteste sociali possono costare la vita. Le popolazioni locali in America Latina non sono d'accordo con molti grandi progetti europei, e di conseguenza c'è stato un forte aumento della tendenza a perseguitare, stigmatizzare e criminalizzare le attività di protesta sociale. “Difendere i diritti umani in America Latina è sempre più pericoloso, solo in Colombia le uccisioni sono passate da 32 nel 2010 a 78 nel 2013 e in Guatemala, nello stesso anno, si sono registrati 657 casi di aggressione”, sottolineano le organizzazioni sottoscritte. Il L'UE non deve chiudere un occhio a questa grave violazione dei diritti umani.

"La società civile in entrambe le regioni dovrebbe essere presa in considerazione quando si prendono decisioni che influenzano il futuro delle persone", affermano le reti. In effetti, la dichiarazione sottolinea anche la necessità di includere meccanismi per valutare l'impatto delle politiche biregionali e per garantire che il pubblico sia consultato e possa partecipare attivamente. "Supporto finanziario, informazioni accessibili e trasparenza sono essenziali per garantire l'effettiva partecipazione delle organizzazioni", concludono.

Le organizzazioni che firmano la dichiarazione sperano che i loro messaggi vengano presi in considerazione e chiedono ai leader delle due regioni di aderire al tema del vertice: "Dare forma al nostro futuro comune: lavorare per società prospere, coese e sostenibili per i nostri cittadini".

ACT ALLIANCE EU - ALIANZA POR LA SOLIDARIDAD - CIDSE - CIFCA - GRUPO SUR - OIDHACO

 

Persona di contatto presso il CIDSE: Stefan Reinhold: reinhold (at) cidse.org

 

EN-Comunicato stampa dichiarazione CSF EU -CELAC
FR-Communiqué de presse société civil UE-CELAC
ES-Comunicado Prensa Declaración Sociedad Civil UE-CELAC

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange