Come possiamo convincere l'UE a sostenere norme vincolanti globali per le imprese ei diritti umani? - CIDSE

Come possiamo convincere l'UE a sostenere norme vincolanti globali per le imprese e i diritti umani?

Originariamente pubblicato mercoledì 17 giugno 2015 di La coalizione europea per la giustizia corporativa

L'anno scorso, tutti gli Stati membri dell'UE di 28 hanno tentato di porre il veto allo sviluppo di un trattato delle Nazioni Unite che imponesse alle imprese di rispettare i diritti umani nelle loro catene di approvvigionamento globali e assicurarsi che coloro i cui diritti sono compromessi abbiano l'opportunità di presentare sfide legali. I diritti umani non sono volontari per gli Stati membri dell'UE, quindi come possiamo superare questa opposizione per renderli obbligatori per le società?

Questo problema è stato affrontato questa settimana durante una colazione organizzata dal Parlamento europeo Richard Howitt, relatore del Parlamento europeo sulla responsabilità sociale delle imprese, e organizzata congiuntamente da European Coalition for Corporate Justice, Friends of the Earth Europe e CIDSE - the international ombrello delle organizzazioni di sviluppo cattolico.

Numerosi deputati noti per il loro impegno in materia di responsabilità delle imprese si sono uniti al brainstorming su come il Parlamento europeo può sostenere il processo delle Nazioni Unite: Judith Sargentini dei Verdi, Barbara Lochbiler, dei Verdi e Anne-Sophie Mineur, della Sinistra unitaria / Sinistra verde nordica, tutti uniti insieme a consulenti politici e altri assistenti deputati.

Al Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani dell'anno scorso a Ginevra, le ruote sono state messe in moto per un trattato internazionale per garantire che le società transnazionali rispettino i diritti umani. È stata approvata una risoluzione delle Nazioni Unite per creare un gruppo di lavoro intergovernativo a tempo indeterminato *, nonostante la forte opposizione dei paesi occidentali.

Quest'anno, questo gruppo si incontrerà per la prima volta a luglio su 6, con l'obiettivo di gettare le basi per tale trattato. I governi di tutto il mondo dovranno discutere la portata del trattato, il tipo di diritti umani che affronterà e il tipo di società alle quali si applicherebbe un trattato.

Martin Drago, di Friends of the Earth Uruguay, ha ricordato ai presenti all'incontro il forte sostegno a un trattato della società civile nei paesi in via di sviluppo, dove attualmente ci sono molti ostacoli per coloro che cercano un ricorso legale per violazioni dei diritti umani delle società. Un trattato globale affronterebbe anche lo squilibrio del potere creato dai sistemi legali che consente alle società di fare causa ai paesi.

Cinque anni dopo l'adozione dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, dobbiamo andare avanti

Richard Howitt ha ricordato che il Principi guida delle Nazioni Unite sulle imprese ei diritti umani non sono mai stati un sostituto di standard vincolanti a livello internazionale. Sono un importante passo avanti, ma a cinque anni dalla loro adozione, è tempo sia di avanzare nella loro attuazione sia di iniziare una nuova fase che getta le basi per norme vincolanti internazionali.

Denise Auclair, CIDSE, ha aggiunto che l'attuazione di questi principi guida a livello nazionale deve andare di pari passo con lo sviluppo di norme vincolanti internazionali. L'azione individuale a livello nazionale non può solo affrontare la questione della responsabilità delle imprese - che è una questione globale. Ha condiviso le preoccupazioni che non solo l'UE e la maggior parte dei governi stiano ostacolando il processo, ma stanno anche evitando il dibattito pubblico e politico al riguardo.

Le discussioni hanno portato a suggerimenti per azioni volte a garantire che la Commissione europea iscriva tale questione all'ordine del giorno. È stato proposto di stabilire un migliore collegamento con le attuali discussioni commerciali e di rafforzare la mobilitazione a livello nazionale per spingere gli Stati a impegnarsi nel processo. I deputati presenti si sono impegnati a promuovere internamente il processo del trattato al Parlamento europeo, dando maggiore visibilità alla questione.

I partecipanti hanno suggerito di convincere gli eurodeputati a partecipare alle sessioni a Ginevra e di discutere per un trattato, dimostrando che l'Europa non è un blocco unificato. La Francia ha accettato di unirsi come osservatore e la Svizzera parteciperà: non è troppo tardi perché altri paesi si uniscano alla discussione.
L'Alleanza del Trattato, che riunisce centinaia di ONG e movimenti sociali in tutto il mondo, sta organizzando una serie di azioni in vista dei negoziati di luglio. Puoi trovare di più qui.

* Il mandato di questo gruppo di lavoro è "elaborare uno strumento internazionale giuridicamente vincolante per regolare, nel diritto internazionale dei diritti umani, le attività delle società transnazionali e di altre imprese".

Contatti:
Stefan Reinhold
Advocacy Assistant (settore privato, minerali dei conflitti, EU LA Advocacy)
Reinhold (at) cidse.org

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange