La conferenza CIDSE "People and Planet First: the Imperative to Change Course" ha richiesto un'azione urgente per il clima e una maggiore trasformazione nelle economie e negli stili di vita. - CIDSE

La conferenza CIDSE "People and Planet First: the Imperative to Change Course" ha richiesto un'azione urgente sul clima e una maggiore trasformazione delle economie e degli stili di vita.

La conferenza "People and Planet First: the Imperative to Change Course", organizzata dal CIDSE e dal Pontificio Consiglio per la giustizia e la pace in seguito all'enciclica di Papa Francesco Laudato Si, si è conclusa venerdì 3 luglio a Roma.

L'evento ha riunito 200 chiesa, società civile e rappresentanti politici di tutti i continenti e di 45 diversi paesi, coinvolgendo relatori di alto livello come il cardinale Pietro Parolin (segretario di Stato della Santa Sede), Naomi Klein, Mary Robinson (inviato speciale delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici), ed Enele Sopoaga (Primo Ministro di Tuvalu) tra gli altri. "Questa conferenza di due giorni è stata uno spazio unico per le discussioni, durante il quale mondi che di solito operano in modo indipendente si sono incontrati, si sono scambiati riflessioni e hanno approfittato di uno spazio di dialogo così eccezionale", ha dichiarato Bernd Nilles, segretario generale del CIDSE.

Conferenza stampa 2 piccola

Immagine: conferenza stampa, 1 luglio 2015, sala stampa della Santa Sede. Relatori: Prof. Ottmar Edehofer, Naomi Klein, Flaminia Giovanelli, Bernd Nilles. Moderatore: padre Federico Lombardi

In una conferenza stampa che precede la conferenza Naomi Klein e Bernd Nilles ha sottolineato l'importanza di costruire alleanze insolite per affrontare il cambiamento climatico, che è diventato una delle maggiori sfide per il genere umano. Naomi Klein ha detto che il movimento per il clima non ha la forza di affrontare da solo la lobby fossile e che abbiamo bisogno di nuove alleanze. Alla luce della lettera enciclica Laudato si, il convegno CIDSE “People and Planet first: the Imperative to Change Course” ha sollecitato un'azione urgente per il clima ed ha evidenziato che il superamento del cambiamento climatico richiede anche una maggiore transizione sociale, ambientale ed economica con nuove regole per il economia. Ciò include la fine dell'era dei combustibili fossili entro il 2050 e il cambiamento degli stili di vita al fine di rispettare la sostenibilità e la necessità di limitare il consumo complessivo di materiale oggi in linea con i confini planetari.

Heinz e Turkson piccoli

Immagine: Heinz Hoedl e il cardinale Peter Turkson

Cardinale Turkson “Di fronte alla nostra leadership c'è l'urgente necessità di sviluppare politiche affinché, nei prossimi anni, le emissioni di anidride carbonica e altri gas altamente inquinanti possano essere drasticamente ridotte. L'uso di combustibili fossili altamente inquinanti - in particolare carbone, ma anche petrolio e, in misura minore, gas - deve essere progressivamente sostituito senza indugio con un accesso intelligente e diffuso e un utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, facilitando questa transizione energetica ... l'unico più grande ostacolo all '"imperativo di cambiare rotta" non è economico, scientifico o anche tecnologico, ma piuttosto nella nostra mente e nel nostro cuore. La stessa mentalità che impedisce di prendere decisioni radicali per invertire la tendenza al riscaldamento globale ostacola anche il raggiungimento dell'obiettivo di eliminare la povertà ".

La conferenza è stata aperta dal presidente del CIDSE Heinz Hoedl che ha sottolineato che: “La crisi ecologica rivela i fallimenti sistemici di un ordine politico ed economico guidato da interessi acquisiti e basato sul primato del mercato e del profitto, che non è riuscito a mettere l'essere umano e il bene comune al centro del economia. Dobbiamo porre fine all'attuale paradigma di crescita e sviluppo di diseguali sistemi economici, sociali e politici, disparità di distribuzione e accesso a risorse come l'acqua e la terra, portando a violazioni dei diritti umani, degrado ambientale e sociale e conflitti. "

16 piccolo

Immagine: Pannello “Cambiamento climatico o cambiamento delle strutture dell'ingiustizia? Intervengono: Naomi Klein, Moema de Miranda, suor Cecile de Renouard. Moderatore: Lorna Gold

Naomi Klein, che ha preso parte per la prima volta a una conferenza in Vaticano, ha mostrato un grande sostegno per la guida fornita dall'enciclica affermando: “Leggi l'enciclica vera e propria, non le sintesi, l'intera cosa. Leggilo e lascialo entrare nei tuoi cuori ". Secondo Klein, sta emergendo un nuovo movimento per il clima: "Un movimento basato sulla consapevolezza che se non vogliamo un cambiamento climatico incontrollato, allora abbiamo bisogno di un cambiamento di sistema". Sr. Renouard ha sottolineato l'importanza di ridurre le disuguaglianze "promuovendo un concetto di bene comune relazionale, distinto dai problemi relazionali comuni che creano disastri per le persone e gli ecosistemi". Ciò può anche aiutarci a "analizzare le catene globali di approvvigionamento e di produzione, per migliorare la valore delle relazioni dirette e indirette, ad esempio tra il consumatore finale e il piccolo produttore, a sostegno delle iniziative locali e della solidarietà internazionale. ”“ Stiamo parlando di una profonda trasformazione. Invece di aumentare le dimensioni della torta collettiva e guardare come sono distribuite le azioni, dobbiamo prima guardare come è fatto per far sì che gli ingredienti della torta non ci avvelenino. "

Cardinale Parolin ha ricordato l'importanza dell'enciclica Laudato Si 'nel 2015, anno in cui si svolgeranno tre importanti conferenze delle Nazioni Unite: la “Terza Conferenza Internazionale sul Finanziamento per lo Sviluppo” a luglio, il “Vertice delle Nazioni Unite per Adottare l'Agenda di Sviluppo Post-2015 "In settembre e la" Ventunesima Sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici "(" COP21 ") alla fine dell'anno a Parigi. Si aspetta che “l'Enciclica avrà un certo impatto su questi eventi, ma la sua ampiezza e profondità vanno ben oltre il suo contesto nel tempo ... Più di una volta ho avuto occasione di sottolineare come la base tecnologica e operativa per promuovere tale progresso sia già disponibile o alla nostra portata. Dobbiamo cogliere questa grande opportunità, data la reale capacità umana di iniziare e andare avanti su un percorso genuinamente e propriamente virtuoso, che irriga il terreno dell'innovazione economica e tecnologica, coltivando tre obiettivi correlati: (1) aiutare la dignità umana a prosperare; (2) per contribuire a sradicare la povertà; e (3) per aiutare a contrastare il degrado ambientale ".

Cardinale Parolin piccolo

Immagine: Cardinale Parolin dopo aver tenuto il suo discorso con Bernd Nilles e i vescovi Portella, Stenger e Lalanne

Primo Ministro di Tuvalu, proveniente da uno Stato insulare vulnerabile al clima, ha invitato tutte le parti interessate a rispettare l'urgenza di agire. "L'elefante è in realtà una balena nella laguna e i pesciolini devono stare molto attenti!" Abbiamo bisogno del coraggio di tutti “per assicurarci che la COP21 abbia successo”. Inoltre Tuvalu - per quanto piccola - vorrebbe essere un esempio raggiungendo il 100% di energia rinnovabile entro il 2020.

Primo Ministro Tuvalu

Immagine: Enele Sopoaga

Mary Robinson, ex presidente dell'Irlanda e attualmente inviato speciale delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici, ha ricordato che: "L'azione per il clima è un prerequisito per la prosperità a lungo termine" e che "Non risolveremo la crisi climatica né avvieremo un nuovo percorso verso la sostenibilità sviluppo se non coinvolgiamo completamente l'50% della popolazione mondiale che è donna ”. Mary Robinson ha inoltre ricordato che le donne sono colpite in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici e dovrebbero essere considerate parte della soluzione nella lotta ai cambiamenti climatici. Robinson ha inoltre sottolineato che il cambiamento climatico è un'ingiustizia e ha ricordato le parole di papa Francesco che affermavano che "l'ingiustizia non è invincibile".

Pa Ousman Jarju, Il ministro dell'ambiente della Gambia ha fatto eco al Primo Ministro di Tuvalu: "Prendendo in prestito dall'enciclica di Papa Francesco, poiché i più poveri del mondo si trovano ad affrontare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici, è davvero il momento di" considerare un'etica delle relazioni internazionali "." Mary Robinson 2 piccola

Immagine: Mary Robinson

Ha spiegato che nei negoziati internazionali sui cambiamenti climatici, i Paesi meno sviluppati (LDC) lavorano insieme come gruppo per rappresentare i quasi 1 miliardi di persone per le quali la lotta ai cambiamenti climatici è una questione di sopravvivenza. Rimangono casi speciali considerando la loro unica e particolare vulnerabilità agli impatti negativi dei cambiamenti climatici. Già con un riscaldamento globale inferiore a un grado stiamo vivendo tempeste più frequenti e intense, siccità, eventi meteorologici estremi, accelerazione dell'innalzamento del livello del mare e altri impatti potenzialmente letali. L'accordo di Parigi, ha affermato Pa Ousman Jarju, dovrebbe contenere un impegno costante da parte dei paesi sviluppati di assumere un ruolo guida nel potenziamento della fornitura di risorse finanziarie adeguate, prevedibili, nuove e aggiuntive, allocazione equilibrata tra adattamento e mitigazione e opportunità. Secondo il ministro della Gambia, la svolta a Parigi deve inviare un chiaro segnale che la comunità globale riconosce la necessità ed è pronta ad accelerare il cambio di paradigma nel modo in cui risponde alla sfida del cambiamento climatico e coglie le opportunità che si presentano alla sfida. Mohamed ElFarnawany Il direttore della direzione strategica e della direzione esecutiva dell'IRENA ha sottolineato la necessità di passare alle energie rinnovabili dicendo: “Il nostro sistema energetico di oggi è insostenibile e irresponsabile. Dobbiamo passare alle energie rinnovabili, abbiamo un caso morale, sostenuto da un caso aziendale, ora dobbiamo diversificare, decentralizzare e democratizzare il sistema energetico e fermare i sussidi ai combustibili fossili ”.

Il cardinale Turkson ha chiuso la conferenza sottolineando la necessità di continuare a lavorare insieme, di assumere le idee generate durante questa conferenza e di dare maggiore enfasi al ruolo delle donne. Inoltre, ha annunciato le imminenti iniziative della Santa Sede per lavorare con l'enciclica, incluso guardare l'anno giubilare della misericordia 2016. Bernard Pinaud (CCFD / CIDSE), ha aggiunto un invito a mobilitarsi in tutto il mondo per Parigi COP21, dove i governi devono raggiungere un accordo ambizioso e dove al di fuori dei negoziati la società civile e le persone si riuniranno per intraprendere un futuro che rispetti la nostra casa comune.

messa serale

Immagine: Santa Messa serale nello spirito della Laudato Si ', con il Cardinale Turkson al Parco del Pineto, 2 luglio 2015

Clicchi per saperne di più, clicca qui per vedere altre foto della conferenza.

Clicchi per saperne di più, clicca qui per vedere altre foto della conferenza stampa.

 

 

Condividi questo contenuto sui social media