Comunicato stampa: L'agenda d'azione anti-climatica di Addis Abeba - CIDSE
Comunicato stampa

Comunicato stampa: l'agenda d'azione anti-climatica di Addis Abeba

L'agenda di azione di Addis Abeba, concordata ieri sera, lascia le organizzazioni della società civile un po 'deludenti ed è vista da molti come un passo indietro nel finanziamento dello sviluppo. 

Quando la terza conferenza internazionale delle Finanze per lo sviluppo (FFD3) delle Nazioni Unite è iniziata ad Addis Abeba lunedì scorso, l'agenda non era ancora stata finalizzata e un certo numero di nazioni in via di sviluppo e organizzazioni della società civile sono arrivate con spera in un ente fiscale intergovernativo. Durante le sessioni di redazione a New York precedenti a FFD3 sono stati fatti alcuni compromessi indebolendo la prima bozza dell'Agenda di Addis. Tuttavia, nonostante ciò, sono rimaste aperte le discussioni relative all'organismo fiscale intergovernativo, un ultimo punto all'ordine del giorno che avrebbe potuto portare a un documento di risultato significativo. Il documento finale intitolato l'Agenda di azione di Addis Abeba (AAAA) è stato concordato ieri e ha portato alla delusione della società civile per una serie di motivi.

Innanzitutto, la formazione di un ente fiscale intergovernativo è stata eliminata dall'ordine del giorno. Mentre una maggiore consapevolezza su questo tema è positiva, la sua rimozione dal documento finale consentirà alla politica fiscale internazionale di rimanere il dominio delle nazioni più potenti. Jean Saldanha, Senior Policy Advisor del CIDSE, ha dichiarato che “c'era un problema relativo alla mancanza di un giusto processo in merito a questo problema; i negoziati non sono mai iniziati perché il documento è stato discusso in incontri "informali" bilaterali e trilaterali a porte chiuse ". Di conseguenza, nonostante la loro posizione inizialmente forte, molti paesi in via di sviluppo sono stati messi sotto pressione per ritirarsi dalla loro posizione.

Per quanto riguarda l'ente fiscale Lorna Gold di Trócaire, l'Organizzazione irlandese membro del CIDSE, ha affermato che “più dei gruppi della società civile 500 presenti hanno espresso grave disappunto per il rifiuto dei paesi ricchi di cogliere questo momento storico per istituire un ente fiscale globale che si occuperà di gravi problemi di elusione ed evasione fiscale delle società. Senza affrontare le questioni fiscali, è impossibile vedere come possano svilupparsi i paesi più poveri ".

In secondo luogo, la L'agenda di azione di Addis Abeba non porta avanti i precedenti impegni in materia di finanza per lo sviluppo e può in effetti essere considerata una regressione su una serie di problemi. Questi problemi includono; l'indebolimento dell'impegno per lo spazio politico, la mancanza di menzione della lotta alla disuguaglianza all'interno e tra i paesi, un indebolimento della lingua sui sistemi fiscali progressivi, la mancanza di impegno per la trasparenza sui flussi finanziari illeciti, la maggiore attenzione ai partenariati pubblico-privato (e mancanza di cautela) e, tra le altre preoccupazioni, la riduzione del riconoscimento dei controlli sui capitali nell'ambito del toolkit dei paesi in via di sviluppo per far fronte alle crisi finanziarie. Pertanto, l'AAAA nel suo insieme è un impegno più debole per il finanziamento dello sviluppo rispetto ai documenti precedenti.

Un elemento promettente è il processo di follow-up per FFD3 in quanto determinerà se gli impegni sui mezzi di attuazione per il nuovo quadro di sviluppo sostenibile sono attuati e, in secondo luogo, se ci sarà uno spazio internazionale continuo di discussione e negoziazione per superare gli ostacoli ai finanziamenti per lo sviluppo. AAAA afferma che i membri sono "dedicati a discutere il seguito e la revisione dei risultati del finanziamento per lo sviluppo". Pertanto, AAAA non sostituisce gli impegni assunti dalle precedenti conferenze di Finance for Development, ma i risultati di Monterrey, Doha e Addis Abeba dovrebbero essere considerati come un insieme che sarà seguito nel processo di follow-up creato. Il lavoro di policy e advocacy sul follow-up è stato una priorità per CIDSE; uno dei risultati di cui è stato a nota di riflessione sull'importanza del follow-up FFD.

Una dichiarazione di risposta, supportata da CIDSE, è stata presentata dalla società civile Organizzazioni che delineano una serie di preoccupazioni sul documento finale. Il documento è disponibile Per saperne di più, clicca qui e fornisce una risposta basata sulla Dichiarazione originale della società civile Per saperne di più, clicca qui.

Contatti:
Jean Saldanha (saldanha (at) cidse.org) / Leila Arnold (arnold (at) cidse.org)

Per ulteriori informazioni sulle attività del CIDSE verso la Terza conferenza internazionale sulle finanze per lo sviluppo delle Nazioni Unite, vedere Per saperne di più, clicca qui

 

CIDSE_Addis_Closing_Press-Release_20150717.pdf

Condividi questo contenuto sui social media