Comunicato stampa: Oltre 350 organizzazioni della società civile dicono NO a "Climate Smart Agriculture" - CIDSE

Comunicato stampa: Oltre 350 organizzazioni della società civile dicono NO a "Climate Smart Agriculture"

Un anno dopo il lancio della Global Alliance for Climate Smart Agriculture (GACSA), la società civile ribadisce un fermo "NO" al concetto di alleanza e al suo programma in una dichiarazione comune, firmata da più organizzazioni 350 di tutto il mondo, in che esprimono serie preoccupazioni per l'agenda di questa alleanza.

Climate Smart Agriculture (CSA) è definito dall'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) come un approccio per riorientare i sistemi agricoli per supportare in modo efficace e sostenibile lo sviluppo e la sicurezza alimentare in un clima che cambia. Il concetto è stato introdotto per la prima volta dalla FAO in 2010 e il GACSA è stato lanciato ufficialmente durante il vertice sul clima delle Nazioni Unite a settembre 2014. Critiche aspre sono state tuttavia avanzate da diverse parti, anche dalla comunità scientifica. Ad esempio, a lettera firmato dagli studiosi di 70 a settembre 2014, si è apertamente opposto al modello CSA, promuovendo invece la legittimità scientifica e sociale dell'agroecologia. (Una seconda lettera degli scienziati è stata rilasciata a giugno 2015: http://www.iatp.org/documents/scientists%E2%80%99-open-letter-to-fao-director-general-graziano-da-silva-in-support-of-the-februa )

Questa dichiarazione appena rilasciata è la terza pubblicata da una crescente alleanza di organizzazioni della società civile per opporsi al GACSA. La dichiarazione elenca tra i suoi firmatari un record di oltre 350 gruppi della società civile e segna una crescente opposizione all'Alleanza. Il più grande movimento contadino del mondo, La Via Campesina, è tra i firmatari. CIDSE (la rete membro 17 di ONG cattoliche per lo sviluppo) - che ha coordinato lo sviluppo di questa nuova dichiarazione - Greenpeace, FIAN (Foodfirst Information and Action Network), Friends of the Earth, Asia Pacific Farmers Forum, Eastern and Southern Africa Small Scale Farmers Anche Forum, The African Food Sovereignty Alliance, ActionAid, Slow Food, Urgenci e molti altri hanno firmato la dichiarazione.

Tra le principali critiche espresse nella dichiarazione c'è il fatto la definizione di agricoltura intelligente per il clima è troppo ampia e vago per essere benefico; soprattutto perché la definizione lascia spazio all'inclusione di pratiche dannose. Ci sono nessun criterio che definisce ciò che è e non è "intelligente". Ad esempio, le aziende agroalimentari che promuovono fertilizzanti sintetici, produzione di carne industriale e agricoltura industriale su larga scala, che sono ampiamente riconosciute come contribuenti al cambiamento climatico e che minano la resilienza dei sistemi agricoli, possono e chiamarsi "Climate Smart". Inoltre, la struttura di governance del GACSA non è chiara, generando serio problemi di responsabilità.

I leader mondiali dovranno firmare un nuovo accordo quest'anno alla 21st Conferenza delle Parti contraenti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP 21) nel tentativo di riparare il caos dei cambiamenti climatici e crediamo che i decisori dovrebbero reindirizzare la loro attenzione verso soluzioni che affrontano veramente la crisi alimentare e climatica, come l'agroecologia che dovrebbe essere il pilastro principale dei quadri di politica agricola in tutto il mondo. Siamo preoccupati per la possibilità per i governi di includere le iniziative dell'Alleanza globale o dell'Agricoltura intelligente per il clima nella cosiddetta "Agenda delle soluzioni", lanciata da Ban-Ki Moon e probabilmente aggiunta al recente accordo sul clima COP21 di Parigi. Pertanto, esortiamo i governi a non approvare l'agricoltura intelligente per il clima come soluzione per i cambiamenti climatici e non indirizzare alcun finanziamento per il clima verso progetti e programmi etichettati come "agricoltura intelligente per il clima".

"Se l'Alleanza e il suo concetto dovessero essere legittimati dai governi come il modo migliore per una transizione verso sistemi alimentari sostenibili e integrati in tutti gli accordi e forum internazionali, ciò costituirebbe una grande minaccia anche per il futuro del cibo e dell'agricoltura per quanto riguarda il futuro del nostro pianeta. ”ha dichiarato Bernd Nilles, segretario generale del CIDSE.

Questo è il motivo per cui più di 350 si sono unite per chiamare i decisori e i governi a non lasciarsi ingannare dall'agricoltura intelligente per il clima.

Contatti:
Valentina Pavarotti - Responsabile Media e Comunicazione CIDSE pavarotti@cidse.org
Cellulare: + 32 (0) 491 39 54 75 T: + 32 (0) 2 2824073
François Delvaux - Responsabile delle politiche e della difesa CIDSE, Food, Agriculture and Sustainable Trade delvaux@cidse.org

Note per i redattori:

Clicchi Per saperne di più, clicca qui leggere l'intera dichiarazione della società civile: non lasciarti ingannare! La società civile dice di no a "Climate Smart Agriculture" che sollecita i decisori a sostenere l'agro-ecologia.

Clicchi Per saperne di più, clicca qui leggere le precedenti lettere CSO contro Climate Smart Agriculture.

Clicchi Per saperne di più, clicca qui leggere la reazione CIDSE dopo il lancio di GACSA a settembre 2014.
Clicchi Per saperne di più, clicca qui leggere l'ultima pubblicazione del CIDSE sull'argomento: “Climate-Smart revolution… o una nuova era del green-washing? "
Clicchi Per saperne di più, clicca qui leggere la pubblicazione CIDSE "Climate-Smart Agriculture": i nuovi vestiti dell'Imperatore? "
Guarda il video Giustizia climatica e agricoltura sostenuta dalla comunità con Judith Hitchman di URGENCI (uno dei firmatari della dichiarazione), Francia. Judith Hitchman è Advocacy Officer di URGENCI, una rete internazionale per l'agricoltura sostenuta dalla comunità. La rete riunisce produttori e consumatori locali per mantenere e sviluppare l'agricoltura familiare su piccola scala e raggiungere, attraverso un partenariato basato sulla solidarietà, la sovranità alimentare locale. Urgenci cerca anche di affrontare i cambiamenti climatici migliorando la cooperazione e metodi agricoli in armonia con la natura. Inoltre, desidera innescare la responsabilità civica nelle relazioni economiche promuovendo comunità socialmente più giuste e sostenibili, in cui la solidarietà e la cooperazione sono i fattori chiave.

 

EN_CSA-GACSA_Press_release.pdf
FR_CSA-GACSA_Communique_de_Presse.pdf
ES_CSA_GACSA_Comunicado_de_prensa_1.pdf
GACSA_statement_FINAL_17-09-2015_English.pdf

Condividi questo contenuto sui social media