Appello pubblico ai leader mondiali in occasione del Summit delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile - CIDSE

Appello pubblico ai leader mondiali in occasione del vertice delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile

Noi, cittadini del mondo, ci uniamo in una chiamata comune a tutti i governi del mondo riuniti a New York 25-27 settembre 2015 per il vertice delle Nazioni Unite per adottare nuovi obiettivi universali per lo sviluppo sostenibile, solo 70 giorni prima della ventunesima Conferenza delle Parti critica di la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Parigi.

Siamo tutti d'accordo:

Siamo in grado di colmare il divario evidente tra i pochi che possiedono quasi la metà della ricchezza globale e il resto.

Siamo in grado di assicurare la piena uguaglianza tra uomini e donne.

Siamo in grado di garantire il diritto al cibo per miliardi di persone, in particolare i piccoli produttori che producono la maggior parte del cibo mondiale, ma il cui diritto al cibo è violato in modo pervasivo.

Siamo in grado di mantenere l'aumento della temperatura globale al di sotto di 1.5 gradi Celsius.

Siamo in grado di garantire che i più poveri e vulnerabili siano protetti e sostenuti nelle loro lotte per adattarsi ai cambiamenti climatici e realizzare una società globale più giusta ed equa.

Siamo in grado di porre fine al nostro rapporto di sfruttamento con la terra e l'estrazione illimitata di risorse naturali.

Siamo in grado di trasformare la cultura del dominio, del consumo e dell'estrattivismo in una cultura di sufficienza, cura e solidarietà.

Siamo in grado di garantire una giusta transizione verso le economie in cui il lavoro dignitoso è garantito per tutti e il lavoro di cura è valutato.

Siamo in grado di creare un mondo in cui donne e uomini possano vivere, pensare, esprimersi e muoversi in libertà e pace.

Molte volte nella storia, la comunità internazionale ha dimostrato di poter superare le divisioni in uno sforzo comune per rispondere a minacce significative e perseguire un mondo di pace, ambiente, clima, giustizia economica e sociale e uguaglianza di genere.

Ora è uno di quei momenti.

Negli ultimi quattro anni abbiamo assistito a livelli senza precedenti di discussione, consultazione e mobilitazione nella preparazione dei nuovi obiettivi globali. I dibattiti sono stati caratterizzati da una chiara speranza che la comunità internazionale sarebbe cresciuta

sfidare a fare la cosa giusta piuttosto che continuare a fare ciò che è economicamente vantaggioso e politicamente sostenibile.

"Transforming Our World: The 2030 Agenda for Sustainable Development" cerca di rispondere a molte delle sfide più urgenti di oggi. Stabilisce una visione di un mondo in cui tutta la vita può prosperare. Propone giustamente un'agenda universale, riconoscendo l'interdipendenza tra obiettivi economici, sociali e ambientali. Si basa sul riconoscimento esplicito dei diritti umani e contiene obiettivi preziosi per porre fine alla povertà, raggiungere la parità di genere, ridurre la disuguaglianza, realizzare consumi e produzione sostenibili e combattere la deforestazione e il cambiamento climatico. L'attuazione di questi obiettivi e la responsabilità nei confronti delle persone in tutto il mondo determineranno il suo valore finale nel rispondere alle crisi di oggi.

Ma rispondere alle crisi significa riconoscere e affrontare i limiti, le lacune e le incongruenze negli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). In particolare, gli OSS non superano le contraddizioni nel cercare l'armonia con la natura dando priorità alla crescita sostenuta per tutte le nazioni. Gli obiettivi implicano una continua concorrenza per risorse naturali limitate e, quindi, ulteriori aumenti delle emissioni di gas serra. Gli obiettivi non affrontano le ingiuste regole globali di finanza, fiscalità, commercio e investimenti, essenziali per realizzare la trasformazione strutturale necessaria per affrontare le cause profonde della povertà e della disuguaglianza. Abbiamo bisogno di più ambizione in queste aree critiche per una vera trasformazione del nostro mondo!

Siamo solidali con gli individui e le comunità che stanno sviluppando soluzioni e vivendo alternative basate su nozioni di benessere, cultura dell'assistenza e prosperità condivisa. Stanno liberando il mondo che tutti noi dovremmo aspirare a creare! Dai piccoli produttori che praticano l'agroecologia e costruiscono sistemi alimentari localizzati, alle comunità organizzate in economie di solidarietà sociale; dalle donne autorizzate che hanno trasformato le loro comunità, alle comunità che usano la produzione di energia rinnovabile decentralizzata e basata sulla comunità; siamo ispirati dall'innovazione e dalla visione delle persone in tutto il mondo.

Siamo ispirati dal numero crescente di leader religiosi di tutto il mondo che continuano a parlare del cambiamento climatico.1 Nella sua lettera enciclica "Laudato Si" sulla cura della nostra casa comune ", pubblicata a maggio 2015, Papa Francesco chiede una" conversione ecologica ". Fornisce un programma d'azione per una trasformazione completa del nostro rapporto con l'ambiente e il modo in cui organizzare la nostra vita sociale, economica e politica. Sentendo le richieste di un cambiamento nello stile di vita, le persone stanno dimostrando il loro entusiasmo per raccogliere questa sfida. Le iniziative guidate dalle persone stanno fiorendo in tutto il mondo, tra cui la campagna "," in cui le persone si impegnano per un consumo sostenibile e un'azione politica. Dimostrano che le persone sono disposte a cambiare.

Pertanto, invitiamo coloro che si riuniranno al vertice delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile: andare oltre per sostenere la ricerca comune per proteggere il nostro pianeta e l'umanità condivisi. Vi chiediamo di:
- Definire limiti all'estrazione delle risorse naturali e concordare un'equa condivisione delle risorse naturali. Rafforzare gli sforzi di base per proteggere la biodiversità. Investimento finale nell'agricoltura industriale. Supportare e rafforzare i sistemi alimentari locali e l'agroecologia.
- Resistere all'influenza di interessi radicati la cui ricerca del profitto impedisce la trasformazione delle nostre società. Stabilire limiti al potere delle multinazionali di influenzare l'ordine pubblico. Richiede trasparenza delle transazioni, private e pubbliche. Adottare un trattato globale per far rispettare le responsabilità dei diritti umani delle imprese!
- Rimuovere e reindirizzare i finanziamenti dall'energia sporca alla produzione decentralizzata di energia rinnovabile basata sulla comunità. Riconoscere che esiste un debito ecologico per il quale sono necessarie lunghe riparazioni.
- Trasformare il sistema finanziario per sostenere l'emergere di alternative realmente sostenibili. Riforma della politica fiscale per ridistribuire la ricchezza.
- Riformare i sistemi che escludono la maggior parte del mondo dal determinare norme globali in materia fiscale, commerciale e in altri settori che hanno un grande impatto su di essi. Consentire e autorizzare produttori alimentari, lavoratori, popolazioni indigene, migranti e leader delle comunità locali a organizzarsi e parlare da soli al tavolo dei negoziati. Responsabilizzare le donne che subiscono discriminazioni e ostacoli alla partecipazione.

Le persone sono pronte a intraprendere un futuro in cui l'uguaglianza, l'equità, i diritti e una vita in armonia con la natura sono ciò che conta. Noi sottoscritti ci impegniamo ad accompagnare le persone in questo sforzo, compiendo azioni piccole e grandi per conto nostro. Ti chiediamo di camminare con noi e tutte le persone che intraprendono questo nuovo viaggio! Assumi la leadership che questo momento storico richiede!

1 Andate a http://www.interfaithpowerandlight.org/resources/religious-statements-on-climate-change/ per un elenco completo delle dichiarazioni secondo le dichiarazioni di religione e interreligiosa.

 

Comunicato stampa disponibile qui.

Elenco dei firmatari:
1. Dereje Alemayehu, attivista per la giustizia dei cittadini e delle tasse, Etiopia
2. Marcia Anfield, Comitato di coordinamento di Mariannridge, Sudafrica
3. Attilio Ascani, direttore, Focsiv, Italia
4. Georges Bach, membro del Parlamento europeo, Lussemburgo
5. Chris Bain, Direttore, CAFOD, Regno Unito / Inghilterra e Galles
6. Fr. Dário Bossi, Missionario Comboniano, Alleanza internazionale delle persone colpite da Vale, Brasile
7. Jenny Boyce-Hlongwa, Coordinatore del Comitato di coordinamento di Mariannridge, Sudafrica
8. Adriano Campolina, Amministratore delegato, ActionAid International
9. Marian Caucik, direttore, eRko, Slovacchia
10. Alistair Dutton, direttore, SCIAF, Regno Unito / Scozia
11. Hilal Elver, Professore di diritto, Turchia; e relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all'alimentazione
12. Simone Filippini, direttore, Cordaid, Paesi Bassi
13. Susan George PhD, Presidente, Transnational Institute, Paesi Bassi
14. Patrick Godar-Bernet, direttore, Bridderlech Deelen, Lussemburgo
15.Mamadou Goïta, direttore esecutivo, Institut de Recherche et de Promotion des Alternatives de Développement en Afrique (IRPAD), Mali
16. Vescovo Theotonius Gomes, vescovo ausiliare emerito di Dhaka, conferenze della Federazione dei vescovi asiatici, Bangladesh
17. Rev. Fletcher Harper, direttore esecutivo, Greenfaith, USA
18. Lieve Herijgers, direttore, Broederlijk Delen, Belgio
19. Jason Hickel, Docente, London School of Economics and Political Science, Regno Unito
20.Wael Hmaiden, direttore esecutivo, CAN International, Libano
21. Heinz Hödl, Presidente e direttore del CIDSE, KOO, Austria
22. Arcivescovo Jean-Claude Hollerich, Arcivescovo di Lussemburgo
23. Nicolas Hulot, inviato speciale del presidente della Repubblica francese per la protezione del pianeta, Francia
24. Pa Ousman Jarju, Ministro dell'ambiente, dei cambiamenti climatici, delle risorse idriche, dei parchi e della fauna selvatica, Gambia
25. Il vescovo Aloys Jousten, vescovo onorario di Liegi, in Belgio
26. David Leduc, direttore esecutivo, Sviluppo e pace, Canada
27. Jorge Libano Monteiro, amministratore, FEC - Fundação Fé e Cooperação, Portogallo
28. Bill McKibben, cofondatore di 350.org, USA
29. Eamonn Meehan, direttore di Trócaire, Irlanda
30. Daniel Misleh, direttore esecutivo, Catholic Climate Covenant, USA
31. Bhumika Muchhala, Senior Policy Analyst, Finance and Development, Third World Network, Malaysia
32. Fr. Stan Muyebe, Commissione Giustizia e Pace, Conferenza episcopale cattolica dell'Africa meridionale, Sudafrica
33. Kumi Naidoo, direttore esecutivo, Greenpeace International, Sudafrica
34. Bernd Nilles, segretario generale, CIDSE, Belgio
35. Allen Ottaro, direttore esecutivo, Catholic Youth Network for Environmental Sustainability in Africa (CYNESA), Kenya
36. Peter-John Pearson, direttore della Conferenza episcopale dei cattolici dell'Africa meridionale, ufficio di collegamento parlamentare, Sudafrica
37. Bernard Pinaud, direttore, CCFD-Terre Solidaire, Francia
38. Viviane Reding, ex vicepresidente della Commissione europea e membro del Parlamento europeo, Lussemburgo
39. Susana Réfega, Direttore esecutivo, FEC - Fundação Fé e Cooperação, Portogallo
40. Cécile Renouard, filosofo ed economista, Francia
41. Patrick Renz, direttore di Fastenopfer, Svizzera
42. Andy Ridley, amministratore delegato, Circle Economy, Paesi Bassi
43.Michel Roy, Segretario Generale, Caritas Internationalis, Città del Vaticano
44. Jeff Rudin, segretario, Centro di informazione e sviluppo alternativo, Sudafrica
45.Naderev "Yeb" Saño, Leader del People's Pilgrimage for Climate Action, OurVoices, Filippine
46. Angelo Simonazzi, Segretario Generale, Entraide et Fraternité, Belgio
47. Colette Solomon, direttore del progetto Women on Farms ', Sudafrica
48. Pablo Solón, direttore esecutivo, Fundación Solón, Bolivia
49. Pirmin Spiegel, direttore, Misereor, Germania
50. Soledad Suárez Miguélez, Presidente, Manos Unidas, Spagna
51.Monicah Wanjiru, Segretario Generale, Coordinamento Internazionale dei Giovani Lavoratori Cristiani, Italia

 

 

 

Public_Statement_Press_release_1.pdf
Public_Statement_Sept_2015_Final_EN_with_signatures_1.pdf
Public_Statement_Sept_2015_FRE_with_signatures_1.pdf
Public_statement_SPA_final_with_signatures_1.pdf

Condividi questo contenuto sui social media