Ultima chiamata dalle agenzie di sviluppo cattoliche prima della fine della COP 21 - CIDSE

Ultima chiamata dalle agenzie di sviluppo cattoliche prima della fine del COP 21

Ieri sera è stato rilasciato un nuovo testo dell'accordo di Parigi e CIDSE, alleanza delle agenzie cattoliche di sviluppo 17, spera che alcune questioni chiave saranno ancora affrontate prima della chiusura dei negoziati previsti per domani.

 
"Chiediamo ai leader, nel poco tempo rimasto, di fare tutto il possibile per fare l'accordo di ascoltare le voci dei più vulnerabili del mondo e di non lasciarle indietro". ha detto Bernd Nilles, segretario generale del CIDSE. 
 
Siamo particolarmente delusi dal fatto che durante la Giornata dei diritti umani (celebrata ieri per l'67 anniversario della dichiarazione dei diritti umani) i negoziatori abbiano rimosso il protezione dei diritti umani dal cuore dell'accordo. Ciò rischia che alcuni progetti climatici possano mettere in pericolo i diritti umani e segna un passo indietro invece di rafforzare la convenzione (UNFCCC).  
 
L'assenza di qualsiasi riferimento alla necessità di proteggere la sicurezza alimentare nel testo attuale, mentre rimane un linguaggio dannoso sulla produzione alimentare, è un altro aspetto negativo importante. Garantire un cibo adeguato per i più vulnerabili è una questione di accesso. Ciò è stato costantemente affermato da altri organi delle Nazioni Unite. La semplice protezione della produzione non garantisce la sicurezza alimentare né salvaguarda il diritto a un'alimentazione sufficiente e piuttosto porta a un aumento dannoso delle emissioni.
 
Nazione  is anche trattato nel testo semplicemente come fonte per compensare le emissioni e non tiene conto delle persone che vivono in quelle terre e potrebbe quindi minare i mezzi di sussistenza e il modo di vivere delle persone. Ciò offre ai grandi inquinatori la possibilità di afferrare terre a compensare i progetti e spostare le comunità indigene, riducendo al contempo i seminativi e continuando ad aumentare le emissioni in casa. 
 
I paesi non forniscono alcuna garanzia finanziare le esigenze di adattamento dei paesi in via di sviluppo: questo significa che molte comunità povere e vulnerabili che non hanno le risorse per far fronte al loro clima mutevole sono ora lasciate a se stesse. Coloro che hanno la maggior parte delle responsabilità per causare i cambiamenti climatici dovrebbero fornire la loro giusta quota, in base alla loro responsabilità storica e alla capacità di pagare. È tempo che i paesi ricchi paghino il loro debito ecologico. 
 
La speranza è anche che l'accordo di Parigi dia un segnale chiaro e inequivocabile al mondo che il era di combustibili fossili è impostato per terminare. Allo stato attuale, l'attuale bozza dà una certa certezza che siamo su quel percorso. La decarbonizzazione da parte di 2050 e il passaggio a 100% di energie rinnovabili, come richiesto dai paesi più vulnerabili, andrebbero oltre e fornirebbero la massima chiarezza sulla nostra direzione collettiva di viaggio.
 
Non ci accontenteremo di un accordo che non metta le persone al primo posto, e come ha detto il Papa: “La sfida urgente per proteggere la nostra casa comune include la preoccupazione di riunire l'intera famiglia umana per cercare uno sviluppo sostenibile e integrale, perché sappiamo che le cose possono cambiare ". - Laudato Si '.  
 
Contatto: Valentina Pavarotti
CIDSE Media & Communication Officer
Cellulare: + 32 (0) 491 39 54 75
pavarotti (at) cidse.org
 

 

Condividi questo contenuto sui social media