Violenza di genere e conflitto alimentato dalle attività minerarie - CIDSE

Violenza basata sul genere e conflitti alimentati dalle miniere

Per molte donne nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), la ricchezza minerale del paese è diventata una sventura. Come affermato da un sopravvissuto allo stupro durante un incontro religioso a Kaniola in 2012: “Caro Signore, ci hai dato le risorse naturali per sostenere la nostra economia locale; ma queste risorse naturali sono diventate la nostra sventura; siamo sempre uccisi, vittime della violenza a causa loro; puoi gentilmente portarli via? ”

Thérèse Mema Mapenzi, Commissione Giustizia e Pace, Repubblica Democratica del Congo

 

Da decenni uomini e donne nella RDC sono stati costretti ad abbandonare la loro terra per ribellarsi alla violenza di gruppo. Ribelli interni (Raiya Mutomboki, Mai mai, Yakutumba) e ribellioni esterne di Ruanda, Uganda e Burundi uccidono e saccheggiano. Prendono in ostaggio uomini e donne. Le donne subiscono abusi sessuali o sono costrette a martellare minerali che gli uomini scavano.

Uomini e donne subiscono questa violenza in modo molto diverso. Le donne sono spesso doppie vittime di questa situazione a casa. Sono respinti dai loro mariti e figli che sono spesso costretti a testimoniare lo stupro delle loro mogli e madri. Sono abbandonati, spesso accusati di essere complici del proprio stupro e costretti a vivere da soli in condizioni di estrema povertà senza accesso alla terra.

Le donne svolgono un ruolo importante nell'economia locale dei villaggi del Sud Kivu, tradizionalmente costruita sull'agricoltura, il commercio e il bestiame. Tuttavia, decenni di violenza hanno reso il lavoro nei campi e la coltivazione di cibo troppo pericoloso. Gli abitanti dei villaggi ricorrono spesso allo sfruttamento artigianale dei minerali per sopravvivere. Le donne minatrici sono la maggioranza perché possono essere pagate meno e spesso sono facilmente manipolabili. Lavorano in un ambiente molto difficile senza strutture igieniche e acqua potabile. Sono spesso soggetti a lavoro forzato, saccheggio, tassazione illegale, tortura, violenza sessuale e altre violenze di genere. I soldati congolesi e il personale governativo che facilitano il commercio illegale di abusi delle risorse naturali (IPIS 2005: 57) sono di solito gli autori di violenze di genere. Anche i civili che lavorano nelle miniere beneficiano della vulnerabilità delle donne minatrici. Inoltre violentano le donne e talvolta violano i loro diritti.

Anche i bambini sono numerosi nelle miniere del Sud Kivu, che lavorano in condizioni persino peggiori di quelle delle donne minatrici.

Nonostante la loro posizione precaria, le donne minatrici trovano molto difficile mitigare o evitare questi problemi. Sono spesso analfabeti e con risorse insufficienti. I pochi soldi che ottengono vanno ad alimentare tutta la famiglia. Gli uomini tendono a spendere i loro soldi in alcol / droghe e prostituzione. Tuttavia, le donne sono raramente consultate sul processo decisionale della famiglia. Né i loro bisogni e interessi come minatori sono ben considerati.

La Banca mondiale, il codice minerario congolese di 2002, le leggi relative allo sfruttamento dei bambini e alla violenza sessuale e altri hanno contribuito a ridurre i casi di abuso dei diritti umani e commercio illegale nei settori minerari. Tuttavia, queste iniziative non hanno portato a cambiamenti duraturi, non avendo considerato le realtà dei motivi. Ad esempio, la mancanza di precisione sulle zone minerarie che è stata oggetto di controversia tra le società minerarie e gli scavatori artigianali (caso di Mukungwe nel Kivu meridionale); la presenza di alcuni soldati congolesi nelle miniere; tassazione illegale e così via. Spesso le persone locali non vengono consultate quando vengono prese decisioni sulle nuove normative minerarie a livello nazionale o internazionale. Diventano vittime passive della situazione. Non essendo sensibilizzati ai regolamenti, vengono arrestati per non averlo rispettato. Le donne che generalmente non sono in grado di leggere tendono ad essere la più grande vittima in questa situazione. Spesso non sono a conoscenza dei loro diritti e procedure legali per lavorare nelle miniere. Molto spesso si sottopongono a molestie sessuali per sfuggire alla legge. Nel caso di due ragazze che lavorano nelle miniere di Mubumbano senza alcun documento legale, hanno presentato un accordo sessuale per sfuggire all'arresto da parte del comandante principale.

Mentre ci sono alcune buone leggi e riforme a livello nazionale e internazionale, in pratica non sono ben seguite / rispettate. Inoltre, la legge tende a concentrarsi sui soldati congolesi e sui gruppi ribelli come unici responsabili delle violazioni dei diritti umani. Non considerano il comportamento negativo dei comuni cittadini o degli ex combattenti che lavorano nelle miniere.

La via da seguire per dare a uomini e donne la possibilità di lavorare nelle miniere è promuovere la sicurezza e il rispetto dei diritti umani attraverso la costruzione di una regolamentazione mineraria in modo inclusivo che affermi e / o consideri la parità di diritti tra uomini e donne per ottenere informazioni, accesso al processo decisionale, controllo e gestione delle risorse. I ruoli dei minatori di uomini e donne sono essenziali nel settore; le loro esperienze e il valore economico del loro contributo devono essere ampiamente documentati. Le politiche e le strategie di attuazione devono aumentare la sicurezza e l'emancipazione delle donne nel settore; e allo stesso tempo educare gli uomini a sostenere le donne nelle loro iniziative. Ciò richiederà di considerare le sfide che devono affrontare le donne minatrici, dando loro accesso a una buona istruzione per partecipare al processo decisionale e denunciare i casi di abuso dei diritti delle donne nelle aree minerarie.

Gli stereotipi culturali o tradizionali che rafforzano la discriminazione e il maltrattamento delle donne dovrebbero essere considerati un crimine. I responsabili di discriminazioni e maltrattamenti dovrebbero essere puniti. Gli autori non vengono regolarmente assicurati alla giustizia. Spesso corrompono le autorità legali che le rilasciano poco dopo l'arresto. Ciò scoraggia alcune donne dal tentativo di accedere alla giustizia.
In sintesi, è importante promuovere una legislazione che contribuirebbe a porre fine alla violenza di genere e ai conflitti nel settore minerario in generale e nella RDC in particolare. Esistono molti modi per aumentare l'economia globale oltre all'uso della violenza. Essere ricchi da soli non è sicuro poiché molti vicini ti invidieranno sempre (Proverbio locale: Mashi). La violenza è stata usata per molti anni per dominare o controllare il potere; ma non ha risolto nulla. Le donne rimarranno permanentemente in pericolo fino a quando le riforme non promuoveranno la sicurezza delle donne nelle miniere, favoriranno il loro accesso alle terre che sono ancora occupate dai ribelli o promuovono altri mezzi di produzione come il piccolo commercio e l'allevamento di animali.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange