Mobilitare i giovani: discutere con Janelle Delorme sul Forum sociale mondiale. - CIDSE
Workshop: Cambiamenti climatici: continua mobilitazione delle persone e promozione di stili di vita sostenibili dopo COP21

Mobilitare i giovani: discutere con Janelle Delorme sul World Social Forum.

Workshop: Cambiamenti climatici: continua mobilitazione delle persone e promozione di stili di vita sostenibili dopo COP21

Janelle Delorme, che ha iniziato a impegnarsi nell'attivismo con Development & Peace sin dalla giovane età di 12 anni, è ora un'animatrice regionale per la regione di Manitoba. Sostiene i membri nella realizzazione di campagne nelle parrocchie, educando i canadesi su diverse questioni di giustizia sociale che i partner di Sviluppo e Pace del Sud del mondo stanno affrontando. Al World Social Forum, durante il workshop “Climate Change: Continuing mobilization after Paris” ha parlato della mobilitazione dei giovani in Canada.

Come è iniziato il tuo impegno nell'attivismo con Development & Peace?
Ho iniziato da giovanissimo, a 12 anni. Attraverso diversi giochi e attività organizzati da Development & Peace ho imparato a conoscere le diverse questioni di giustizia sociale che le persone nel Sud del mondo avevano a che fare; Nike e Levi's erano in prima linea e furono criticati per il fatto che stessero sfruttando i bambini nelle fabbriche sfruttatrici. All'epoca avevo 12 anni e quello che mi colpì veramente fu che mi dissero che in realtà c'erano 12 anni che ti segavano le scarpe. […] Questo mi ha davvero svegliato al fatto che nel Nord del mondo viviamo in una società molto ricca […] Devo riconoscere il fatto che ho un enorme privilegio come cittadino canadese.

Qual è stata la rilevanza dello "Spazio della gioventù" al World Social Forum?
Il forum consente una voce e uno spazio per i giovani, questo è importante perché spesso la nostra voce si perde in un mare di persone anziane; avere lo spazio per i giovani al World Social Forum consente anche ai giovani che possono aver sentito di non avere voce in capitolo per poter tornare nelle loro regioni in Canada, tornare nel loro paese d'origine ed educare gli altri. In questo modo possono davvero sapere che possono cambiare il mondo, e può essere attraverso piccole azioni e può essere attraverso grandi azioni, non significa necessariamente che devi cambiare il mondo intero, ma potresti cambiare solo il mondo intorno a te.

Qual è il Forum sociale mondiale per te?
Il WSF per me è un'opportunità per riunirsi con persone che la pensano allo stesso modo per parlare di diverse questioni di giustizia sociale, per portare alla ribalta questioni che non sono discusse nei media mainstream; ci consente anche di condividere idee. Quando sono andato a RIO + 20 e sono andato al summit popolare sono stato così ispirato dalla lotta del popolo latinoamericano e da come si sono mobilitati, come hanno organizzato le loro comunità. E quindi penso che queste forme consentano la contaminazione incrociata, l'apprendimento reciproco e l'opportunità di ricevere una chiamata di sveglia, di informazioni su questioni di cui non avremmo nemmeno sentito parlare.

Lo spazio del forum Social World può contribuire al cambiamento globale?
Penso che il WSF potrebbe essere un catalizzatore per alcune persone. Gli spazi alternativi sono difficili da trovare e dobbiamo avere quella voce alternativa rispetto ai media tradizionali. Penso che vogliamo un "grande impatto ora", viviamo in una società in cui vogliamo il cambiamento e lo vogliamo ora, e ciò che vogliamo al World Social Forum è il cambiamento di sistema, e credo che il cambiamento di sistema richiederà tempo. Per questo hai bisogno di dedizione, di volontari, di organizzazioni che siano disposte a dedicare quel tempo e portare in primo piano queste nuove idee. In Sudafrica, ad esempio, ci è voluto molto tempo perché le persone fossero consapevoli dell'apartheid e lo smantellassero. Lo stesso è accaduto qui in Canada con le comunità della Prima Nazione e le comunità Inuit che sono state colpite dal sistema scolastico residenziale. Sono passati anni e anni che le persone ne sono state esplicite, ma solo con la Commissione per la verità e la riconciliazione abbiamo iniziato a imparare l'eredità delle chiese e dei governi e l'impatto che ha avuto sulle comunità indigene in Canada. Quindi penso che dobbiamo concedere tempo per il cambiamento. E il cambiamento avviene in molti passaggi incrementali, potremmo anche non vederlo di giorno in giorno e all'improvviso il cambiamento è avvenuto.

Quali sono le specificità del World Social Forum che si svolge in Canada?
Penso che il fatto che il WSF sia in un paese del Nord come in Canada abbia i suoi vantaggi e svantaggi. Ha i suoi vantaggi perché dimostra che in Canada ci sono anche molte questioni di giustizia sociale che dobbiamo affrontare, specialmente con la comunità indigena, e tra le altre questioni ci sono le lotte studentesche, l'austerità. Penso che la presenza del Forum sociale mondiale permetta che ciò venga messo in primo piano. Sfortunatamente, soprattutto con così tanti visti rifiutati, la partecipazione di persone dal Sud del mondo ... vorrei che fosse stata più alta. Forse venire finanziariamente in Canada è stato un ostacolo, ma come possiamo vedere dai numeri non ha avuto la stessa partecipazione dei precedenti Forum sociali mondiali.

 

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange