Marrakech: il COP di (in) azione? - CIDSE

Marrakech: il COP dell'azione (in)?

Il vertice globale di due settimane di quest'anno è stato descritto come "COP dell'azione" o "COP dell'attuazione", con l'intento di approfondire le questioni non solo sull'attuazione dell'accordo di Parigi, ma anche su altre questioni problematiche, come finanza climatica e agricoltura.

 

 

È ancora una volta quel periodo dell'anno in cui i governi, le imprese e le ONG si incontrano per discutere su come il mondo intende affrontare la più grande sfida dei nostri tempi: i cambiamenti climatici. Questo round della 22nd Conference of the Parties (COP22) della United Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) arriva dopo meno di un anno da quando il primo accordo internazionale sul clima, noto come "Accordo di Parigi", è stato siglato e subito dopo entrata anticipata ufficiale in vigore il novembre 4th, 2016. Il vertice globale di due settimane di quest'anno è stato descritto come "COP dell'azione" o "COP dell'attuazione", con l'intento di approfondire le questioni non solo sull'attuazione dell'accordo di Parigi, ma anche su altre questioni problematiche, come finanza climatica e agricoltura. COP22 dovrebbe anche esaminare come i Contributi determinati a livello nazionale (NDC) possano essere ulteriormente potenziati al fine di raggiungere l'obiettivo di temperatura inferiore a 1.5 ° C e colmare il gap di mitigazione.

Quando si arriva all'affascinante città di Marrakech, è chiaro come la Presidenza marocchina abbia voluto mostrare ai governi del mondo come il paese sta proiettando il suo futuro verso un'economia a basse emissioni di carbonio e resiliente. Tuttavia, è anche importante tenere presente che tutto ciò che luccica non è sempre oro! Su una collina nelle montagne dell'Atlante, negli ultimi anni 2 si è verificata la resistenza delle persone per protestare contro l'espropriazione da parte di una società mineraria di preziose riserve idriche e dell'inquinamento derivante dalle attività minerarie [1].

 

Cattura COP22 1

 

La scorsa settimana i negoziati hanno proseguito i lavori dell'APA (gruppo di lavoro ad hoc sull'accordo di Parigi) e degli altri flussi di lavoro (SBSTA e SBI), ma hanno chiaramente dimostrato che la strada non è facile: come l'accordo alla fine saranno tradotti in azioni a livello nazionale, ci sono enormi differenze nelle opinioni tra concentrarsi sulla riduzione delle emissioni (mitigazione) e azioni intese ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici. Questa divisione è stata la ragione principale dello stallo della scorsa settimana nei negoziati sull'agricoltura; non è stato possibile trovare un terreno comune e i paesi hanno deciso di rinviare i colloqui al prossimo anno. Questo è un risultato abbastanza sconvolgente in quanto oltre 800 milioni di persone nel mondo sono insicure dal punto di vista alimentare.

Ciò che ha davvero scosso gli umori di ogni partecipante nei corridoi della sede COP22 è stato il risultato elettorale degli Stati Uniti: gli Stati Uniti si ritireranno dall'accordo di Parigi e / o dall'UNFCCC? Gli Stati Uniti metteranno fine a tutti gli impegni presi? Questa ansia ha dominato questa COP anche se i paesi continuano a ribadire che dobbiamo agire insieme per mostrare solidarietà e che nessuna svolta a U può essere fatta da nessun paese.

Lo scorso fine settimana si stima che le persone 4,000 siano scese nelle strade del Marocco, chiedendo un'azione significativa. Rappresentanti di popolazioni indigene, comunità rurali, lavoratori, giovani, donne e altri di organizzazioni locali e internazionali erano uniti sotto lo slogan del cambiamento di sistema per la giustizia climatica. Erano presenti molti partner e alleati del CIDSE e dei suoi membri ed era puramente autorizzante marciare insieme all'Assemblea delle donne rurali del Sudafrica. La coalizione della società civile marocchina ha ribattezzato questa COP come "COPAfrica" ​​non solo per ragioni geografiche ma soprattutto perché i paesi africani sono quelli che soffriranno maggiormente a causa del riscaldamento globale e pertanto è necessaria un'azione urgente e mobilitazione di finanziamenti per l'adattamento nel più breve tempo possibile. Molte attività vibranti organizzate da gruppi della società civile, movimenti sociali e di base si stanno svolgendo oltre lo spazio ufficiale istituito dall'UNFCCC, ispirando diverse domande su cui riflettere e tornare a casa!

 

Cattura COP22 2

 

Martedì 15 novembre, capi di stato e ministri di circa 196 sono volati in Marocco per il segmento di alto livello dei colloqui. Un progetto di documento intitolato "Invito a Marrakech per l'azione per il clima e lo sviluppo sostenibile" è stato consegnato dalla presidenza marocchina della COP ad alcune delegazioni del paese venerdì 11th di novembre. Il documento trapelato non è stato accolto bene dai paesi in via di sviluppo a causa della mancanza di trasparenza e inclusione, ma anche perché mina l'UNFCCC e gli stessi principi su cui è stata fondata: "Responsabilità comuni ma differenziate e rispettive capacità". Pertanto, se questo progetto di documento viene adottato, arrenderà seriamente qualunque aspirazione aspirata dall'accordo di Parigi.

Resta da vedere come si svolgeranno gli ultimi giorni di COP22 - ma, certamente, i movimenti riuniti qui a Marrakech sono impegnati a continuare la loro resistenza, coraggiosamente e uniti.

 

Per ulteriori informazioni sulle attività di CIDSE alla COP22, visitare il nostro del prodotto

-

http://www.nytimes.com/2014/01/24/world/africa/on-moroccan-hill-villagers-make-stand-against-a-mine.html 

 

Condividi questo contenuto sui social media