Comunicato stampa: UE, consentire ai cittadini di apportare cambiamenti: dare la priorità al consumo e alla produzione sostenibili! - CIDSE

Comunicato stampa: UE, consentire ai cittadini di apportare cambiamenti: dare priorità al consumo e alla produzione sostenibili!

Prima della pubblicazione della comunicazione della Commissione europea (CE) sugli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e prima della revisione del consenso europeo per lo sviluppo, CIDSE e FTAO uniscono le loro voci per sottolineare l'importanza del cambiamento degli stili di vita per costruire un futuro sostenibile per l'Europa e oltre.

L 'UE non dovrebbe perdere l'occasione di assumersi la propria responsabilità e incoraggiare i cittadini a cambiare stili di vita, pur consentendo loro di abbracciare e sostenere modi sostenibili di produzione e consumo. La richiesta di cambiamento e innovazione è già rivolta all'UE dal basso verso l'alto, da una molteplicità di attori in tutta Europa. I cittadini richiedono la possibilità di scegliere tra alternative di consumo più sostenibili; vogliono essere abilitati per apportare le modifiche necessarie. Stanno diventando sempre più consapevoli delle conseguenze delle loro scelte sull'ambiente e sui mezzi di sussistenza delle popolazioni in molti paesi più poveri. Soprattutto i cittadini non vogliono, attraverso le loro scelte di consumo quotidiano, essere complici in schemi commerciali e sistemi di produzione che violare i diritti umani e danneggiare la natura.

Tra questi cittadini ci sono quelli riuniti dalla rete CIDSE, composta da organizzazioni 18 che raggiungono in Europa circa 3 milioni di persone. La rete CIDSE si è unita alla campagna “Cambiamento per il pianeta, cura delle persone", Diffondendo la sfida di adottare abitudini di consumo più sostenibili in relazione a cibo ed energia. “Sempre più movimenti e organizzazioni al di fuori della nostra rete, incluso il Federazione internazionale dei movimenti cattolici per adulti rurali, la Centro sociale europeo gesuita, Caritas Europa, la Federazione internazionale dei movimenti cattolici giovanili parrocchiali, la Movimento dei Focolari, ICMS Pax Romana e la Movimento globale del clima cattolico si stanno impegnando nelle azioni della campagna, dimostrando la volontà sempre crescente da parte della società civile, compresi i giovani, di mobilitarsi e impegnarsi per stili di vita sostenibili ", ha affermato Bernd Nilles, segretario generale del CIDSE.

Il commercio equo e solidale è un'iniziativa concreta dal basso che sfida i modelli di consumo e di produzione convenzionali. È una partnership commerciale che, sin dall'inizio, ha incluso le varie dimensioni dello sviluppo sostenibile, consentendo ai produttori di aderire al movimento del commercio equo e solidale. Il Ufficio di patrocinio del commercio equo e solidale, in rappresentanza dei pionieri del crescente movimento mondiale per il commercio equo e solidale (Fairtrade InternationaIo, il Organizzazione mondiale del commercio equo-globale e la Organizzazione mondiale del commercio equo e solidale-Europa), invita l'Unione europea a garantire un migliore coordinamento tra le politiche interne ed esterne dell'UE nella promozione del consumo e della produzione sostenibili. Ad esempio, la Commissione europea ha pubblicato in aprile 2016 una guida sul documento sugli acquisti pubblici "Buying Green", sugli impatti ambientali della decisione di acquisto da parte delle autorità pubbliche, piuttosto che pubblicare una guida su come gli appalti pubblici possono servire uno strumento che supporta le varie dimensioni della sostenibilità , nell'UE e nel sud del mondo. “L'acquisto di green o social è un falso dilemma. L'Unione europea deve spezzare i silos e attuare un approccio coordinato al consumo e alla produzione sostenibili ", ha dichiarato Sergi Corbalán, direttore esecutivo dell'FTAO.

Il Consenso europeo allo sviluppo, attualmente in fase di revisione, è anche identificato da CIDSE e FTAO come un'opportunità per promuovere modelli di consumo che colleghino meglio consumatori e produttori, consentendo ai cittadini di comprendere e controllare l'impatto dei loro consumi sullo sviluppo sostenibile. Dovrebbe promuovere modelli di business sostenibili incentrati sulle persone, in particolare in agricoltura, dove investimenti e politiche dovrebbero favorire pratiche agro-ecologiche non inquinanti e sicure per il clima, basate sulla tecnologia basata sulla pratica culturale e sulla conoscenza e saggezza della comunità. D'altro canto, il consenso deve riconoscere la notevole responsabilità europea di favorire i cambiamenti necessari per realizzare la nuova agenda. L'UE dovrebbe smettere di promuovere il modello economico prevalente che si basa sul proseguimento estrazione di materie prime, in particolare dal sud del mondo, per soddisfare le esigenze dell'industria e dei mercati europei. Si tratta di un modello insostenibile e ingiusto basato sul privilegio, che produce quantità ingestibili di rifiuti e funziona grazie allo sfruttamento di comunità senza potere.

Attraverso iniziative locali, come la Campagna delle città del commercio equo e solidale, le comunità in Europa stanno già aprendo la strada nuovi modelli sociali ed economici europei che promuovono modelli di produzione e consumo sostenibili e cittadinanza globale. Dovrebbero essere il punto di partenza di un rinnovato Consenso di sviluppo che promuova i pilastri economici, ambientali e sociali della sostenibilità. - FINE

Note per i redattori:

CIDSE è una famiglia internazionale di organizzazioni cattoliche di giustizia sociale, che lavorano insieme per promuovere la giustizia, sfruttare il potere della solidarietà globale e creare cambiamenti trasformativi per porre fine alla povertà e alle disuguaglianze. Lo facciamo sfidando l'ingiustizia e l'iniquità sistemica e la distruzione della natura. Crediamo in un mondo in cui ogni essere umano ha il diritto di vivere con dignità. www.cidse.org

Raccomandazioni del CIDSE per la revisione del consenso europeo sullo sviluppo: Rendi i diritti umani e la protezione dell'ambiente i fondamenti!

L'ufficio per il patrocinio del commercio equo e solidale (FTAO) interviene a nome del movimento per il commercio equo e solidale in materia di giustizia e commercio al fine di migliorare i mezzi di sussistenza dei produttori e dei lavoratori emarginati nel sud. L'FTAO è un'iniziativa congiunta di Fairtrade International, Organizzazione mondiale del commercio equo e Organizzazione mondiale del commercio equo-Europa.

Toolkit di FTAO “Localizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) attraverso il commercio equo e solidale"

Particolari del contatto:

Valentina Pavarotti, responsabile media e comunicazione CIDSE
+ 32 (0) 2 2824073, pavarotti@cidse.org

Alice Sinigaglia, coordinatrice del progetto FTAO
+ 32 (0) 2 54 31 923, sinigaglia@fairtrade-advocacy.org

 

PR_EU_Enable_citizens_to_make_change_CIDSE_FTAO.pdf

Condividi questo contenuto sui social media