Comunicato stampa congiunto: Il Parlamento europeo si mobilita per i difensori dei diritti umani in Guatemala - CIDSE

Comunicato stampa congiunto: il Parlamento europeo si mobilita per i difensori dei diritti umani in Guatemala

• 2016 ha registrato gli assalti dei difensori dei diritti umani 233 e gli omicidi 14, la maggior parte di questi è rimasta impunita
• Il PE riferisce minacce e campagne di intimidazione nei confronti di funzionari del tribunale
• Il PE sollecita sia le autorità guatemalteche a rispettare i loro obblighi in materia di diritti umani sia il Congresso a ratificare la proposta di riforma della giustizia.

 


Bruxelles, 16 Febbraio 2017
. Oggi il Parlamento europeo, durante la sua sessione plenaria a Strasburgo, ha approvato una risoluzione urgente sulla situazione dei difensori dei diritti umani in Guatemala. Con questa iniziativa, gli eurodeputati esprimono entrambe le loro preoccupazioni e riconoscono il lavoro svolto dai difensori dei diritti umani. Per questo motivo, esortano il governo guatemalteco ad adottare misure volte a proteggere i difensori dei diritti umani da assalti e pericoli che affrontano regolarmente.

I dati sono allarmanti. Il PE ricorda che tra gennaio e novembre 2016, assalti 223 sono stati registrati contro i difensori dei diritti umani, nonché 14 omicidi e tentati omicidi 7. Dall'inizio dell'anno, 2 difensori dei diritti umani sono stati uccisi in Guatemala. La maggior parte di questi crimini sono stati l'atto finale di un lungo e ripetitivo ciclo di violenza.

Il PE sottolinea anche l'ambiente ostile in cui i funzionari della giustizia devono lavorare. Si affacciano molestie, la criminalizzazione, la coercizione, intimidazione screditare e campagne, che minano l'indipendenza del sistema giudiziario del paese.

La risoluzione sostiene anche la nuova iniziativa di riforma della giustizia, che è stata presentata recentemente nel Congresso del Guatemala. Essa mira a intraprendere riforme legislative per rafforzare lo stato di diritto nel paese.

Sostegno della maggioranza al Parlamento europeo

Secondo Beatriz Becerra, vice-presidente della sottocommissione per i diritti umani del Parlamento europeo e membro del gruppo dell'Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l'Europa (ALDE), "difensori dei diritti umani sono i più potenti risorsa nel raggiungimento di un più giustizia indipendente, tuttavia, sono diffamato, tormentato e, infine, assassinato. Per questi motivi il governo guatemalteco deve proteggerli con le politiche pubbliche ambiziosi ".

L'anno scorso, Hans-Olaf Henkel, membro del Conservatori e Riformisti europei (ECR) ha partecipato a una missione del Parlamento europeo in Guatemala. "Dal momento che la mia visita, ho seguito da vicino questa grave situazione e anche se ho sviluppato speranze con il nuovo presidente eletto, oggi sono profondamente disilluso e la situazione di avvocati e difensori dei diritti umani sembra molto preoccupante".

Marina Albiol, del gruppo GUE / NGL, ritiene che "mostrare preoccupazione non è abbastanza", soprattutto perché "la responsabilità dell'UE è evidente". "Esiste un legame tra la presenza di multinazionali e gli attacchi dei difensori dei diritti umani che si oppongono e mobilitano contro i progetti idroelettrici, come dimostrato dal caso di Pojom II o Renace, progetti minerari come FeNix o quello rappresentato dalla compagnia petrolifera francese Perenco”.

Infine, Ernest Urtasun, membro del gruppo dei Verdi / Alleanza libera europea afferma che "non è possibile che i rappresentanti della magistratura, così come il direttore della Commissione internazionale contro l'impunità in Guatemala (CICIG), Iván Velázquez, sono sottoposti agli attacchi senza che il governo di mettere in atto misure di protezione efficaci. Con l'introduzione della proposta costituzionale di riforma della giustizia, elaborato con il contributo di molti settori nazionali e in discussione al Congresso ora, possiamo vedere una luce all'orizzonte, anche se è assolutamente necessario che la proposta è pienamente approvato ".

Reazioni della società civile di Bruxelles
Le organizzazioni internazionali e le reti della società civile, la cui composizione supera le organizzazioni 500, celebrare questa iniziativa parlamentare e condividono le richieste e le preoccupazioni espresse in esso.

Queste organizzazioni sottolineano in particolare la petizione parlamentare che invita l'Unione europea ad assumere un ruolo più attivo nella promozione della sicurezza dei difensori dei diritti umani, attraverso le adozioni di misure efficaci e meccanismi di protezione nel quadro del dialogo politico, cooperazione e commercio rapporti con il Guatemala.

Le organizzazioni sperano che questa risoluzione può inviare un messaggio chiaro alle autorità guatemalteche per agire e proteggere i difensori dei diritti umani, soprattutto donne, le popolazioni rurali, sindacalisti, persone discriminate a causa del loro orientamento sessuale e le comunità indigene; che tutto il lavoro verso una società democratica, e in difesa della loro terra, l'ambiente, economico e sociale I diritti culturali, la giustizia e la lotta contro l'impunità.

Per maggiori informazioni:
Miguel Zumalacárregui (Organizzazione mondiale contro la tortura: Osservatorio OMCT / FIDH, membro del CIFCA), mmz@omct.org - + 32 2 218 3719
Kerstin Reemtsma (Peace Brigades International, Progetto Guatemala), repeuropea@pbi-guatemala.org - +32 470 595295

 
Questo comunicato stampa congiunto è disponibile in inglese, francese e spagnolo. Vedi gli allegati di seguito.

IT-Comunicato stampa Risoluzione EP HRD Guatemala
ES-Communicado prensa PE Resolucion Defensores Guatemala
FR-Communiqué presse PE Résolution HRDs Guatemala

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange