Comunicato stampa: la Francia adotta il diritto societario di vigilanza: un primo passo storico verso una migliore tutela dei diritti umani e dell'ambiente - CIDSE
Comunicato stampa
Elliott Brown

Comunicato stampa: la Francia adotta il dovere societario di vigilanza: un primo passo storico verso una migliore protezione dei diritti umani e dell'ambiente

Elliott Brown

Il parlamento francese ha adottato una tanto attesa legge che istituisce un obbligo di vigilanza per le società madri e subappaltatrici. La legge segna un passo storico verso il miglioramento del rispetto aziendale per i diritti umani e l'ambiente. Il CIDSE e le sue organizzazioni associate invitano i paesi europei, le istituzioni dell'UE e la comunità internazionale a sviluppare una legislazione simile.

La legge, che si applica solo alle più grandi società francesi, consentirà a quest'ultima di valutare e affrontare gli impatti negativi delle loro attività sulle persone e sul pianeta, facendo pubblicare loro piani annuali di vigilanza pubblica. Ciò include gli impatti legati alle proprie attività, a quelle delle società sotto il loro controllo e a quelle dei fornitori e subappaltatori, con i quali intrattengono rapporti commerciali consolidati.

Quando le società inadempiono a tali obblighi, la legge autorizza le vittime e le altre parti interessate a portare la questione davanti a un giudice. I giudici possono applicare multe fino a € 10 milioni quando le aziende non pubblicano piani. Le multe possono arrivare a € 30 milioni se questo fallimento causasse danni che altrimenti sarebbero stati prevenibili.

Nonostante sia un risultato importante, le organizzazioni della società civile francese sostengono che il testo della legge avrebbe potuto essere più ambizioso. L'ambito di applicazione della legge è limitato e copre solo le grandi aziende 100. L'onere della prova ricade ancora sulle vittime - che spesso non dispongono dei mezzi per chiedere giustizia - accentuando ulteriormente lo squilibrio del potere tra le grandi aziende e le vittime di abusi. Inoltre, se si verificano danni nonostante una società madre abbia attuato un adeguato piano di vigilanza, la società non sarà responsabile: una società non è tenuta a garantire risultati, ma solo a dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitare danni.

La Francia ha fatto un primo passo, ma dovrebbe essere seguita da una legislazione vincolante simile a livello nazionale, europeo e internazionale, per far funzionare la globalizzazione per tutti. CIDSE si unisce al Forum Citoyen pour la RSE, in cui il membro CIDSE CCFD-Terre Solidaire è un partecipante attivo, nel chiedere al governo francese di continuare su questa strada e di promuovere il dovere di legge di vigilanza a livello europeo e internazionale, e mostrare sostegno per altre iniziative volte a migliorare la responsabilità delle imprese, come il trattato delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani.

Sebbene la Francia sia il primo paese ad adottare una legislazione vincolante di questo tipo, lo sviluppo fa parte di un movimento più ampio in Europa. Una legislazione analoga è attualmente all'esame in Svizzera, Paesi Bassi e Regno Unito.

Numerose chiamate sono state fatte dal Consiglio dell'UE, le Consiglio d'Europa, le Parlamento europeo e G7 evidenziando la necessità di migliorare la responsabilità delle imprese e l'accesso alla giustizia per le vittime, in particolare per quanto riguarda i diritti umani e le violazioni ambientali che si verificano nelle catene di approvvigionamento e di subappalto.

Il CIDSE e le sue organizzazioni aderenti stanno seguendo da vicino le negoziazioni dello strumento internazionale giuridicamente vincolante sulle società transnazionali e altre imprese per quanto riguarda i diritti umani (Trattato delle Nazioni Unite sulle imprese e sui diritti umani) per garantire che i suoi meccanismi proteggano i più vulnerabili dagli abusi aziendali e consentire l'accesso alla giustizia. CIDSE spera che questo storico passo in avanti contribuirà all'adozione di un trattato forte.

- FINE -

Per maggiori informazioni:
Kelly Di Domenico, Responsabile Media e Comunicazione, didomenico (at) cidse.org, Tel: + 32 (0) 2 282 40 73, Cellula: + 32 (0) 4 595 55 50

 

Condividi questo contenuto sui social media