CIDSE lancia un nuovo studio su commercio e investimenti e il Trattato delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani con dibattito al Parlamento europeo

Il CIDSE avvia un nuovo studio su commercio e investimenti e il trattato delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani con un dibattito in seno al Parlamento europeo

Oggi, CIDSE sta rilasciando un nuovo studio del Dr. Markus Krajewski dell'Università di Erlangen-Norimberga che esamina come un Trattato delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani possa affrontare potenziali conflitti tra commercio e diritti umani e che fornisce clausole modello che aiuterebbero a garantire che la protezione dei diritti umani è rafforzata nel contesto degli accordi commerciali e di investimento.

Lo studio, intitolato Garantire il primato dei diritti umani nelle politiche commerciali e di investimento: clausole tipo per un trattato delle Nazioni Unite su società transnazionali, altre imprese e diritti umani1, è stato lanciato durante un dibattito al Parlamento europeo che è ospitato dal Partito popolare europeo (PPE), e in particolare dall'eurodeputato belga Claude Rolin, e co-organizzato dal CIDSE e dalle organizzazioni membri belghe Entraide & Fraternité, nonché Broederlijk Delen.

Il panel fornirà varie prospettive dal Nord e dal Sud sul ruolo che l'UE dovrebbe svolgere per quanto riguarda "affari e diritti umani" e in particolare sulle opportunità fornite da uno strumento legalmente vincolante internazionale sulle società transnazionali e altre imprese commerciali con rispetto diritti umani (il trattato delle Nazioni Unite).

A ottobre 2017, a Ginevra e al CIDSE, inizieranno i negoziati storici sul Trattato delle Nazioni Unite e i suoi membri stanno incoraggiando i leader mondiali a sostenere un accordo forte che assicurerà che gli interessi delle società non siano posti al di sopra dei diritti umani.

Oltre al dottor Krajewski come coordinatore, Mons. Álvaro Ramazzini, Il vescovo di Huehuetenango, in Guatemala, sarà presente per fornire esempi degli impatti delle industrie estrattive sulle comunità locali e della lotta delle comunità per far rispettare i loro diritti. Claire Courteille, Direttore dell'ILO-Bruxelles, sarà anche protagonista.

“I Principi guida delle Nazioni Unite sui diritti umani e le imprese non sono vincolanti e finora gli Stati non hanno sostanzialmente modificato le loro pratiche di trattato. Attualmente esiste una finestra di opportunità per l'introduzione di nuovi approcci legali per affrontare il rapporto tra diritti umani e politiche di investimento e commerciali ”, osserva il dott. Krajewski nello studio.

Per mons. Ramazzini, un trattato potrebbe avere un impatto positivo sulle comunità che stanno subendo le conseguenze di corporazioni straniere che operano nella o vicino alla loro terra. "Le comunità indigene in Guatemala stanno assistendo a un aumento dei conflitti e una perdita di armonia tra le comunità, nonché al deterioramento del loro ambiente a causa di operazioni minerarie che non rispettano i diritti umani fondamentali, in particolare il diritto al consenso libero, preventivo e informato, o che lo fanno non esercitare la dovuta diligenza nelle loro attività ", afferma.

Per maggiori informazioni o interviste: Kelly Di Domenico, Responsabile Media e Comunicazione, didomenico@cidse.org, Tel: + 32 (0) 2 282 40 73, Cellula: + 32 (0) 4 91 39 54 75.

1 studio esplora il potenziale di un futuro trattato per aiutare a superare i limiti e le lacune delle riforme all'interno del regime commerciale e contribuire a garantire il primato della legge sui diritti umani sul diritto commerciale e degli investimenti, attraverso disposizioni riguardanti tre settori specifici: in primo luogo, regolare il rapporto tra uomo diritti e accordi commerciali e di investimento; secondo, le valutazioni di impatto sui diritti umani; e in terzo luogo, gli obblighi in materia di diritti umani per i crediti all'esportazione e i sistemi di garanzia degli investimenti. Puoi leggere il Riepilogo qui.

Condividi questo contenuto sui social media