Dichiarazione del CSO a sostegno del diritto societario francese di vigilanza - CIDSE
© Shakil Chowdhury

Dichiarazione della CSO a sostegno del dovere francese di legge in materia di vigilanza

© Shakil Chowdhury

Dichiarazione congiunta della società civile internazionale, 14 marzo 2017 (Disponibile in EN / FR)

Le organizzazioni della società civile 75, i sindacati, le organizzazioni di ricerca, gli studi legali e gli accademici dei paesi 17 esprimono il loro sostegno al dovere societario francese di legge sulla vigilanza e chiedono al Consiglio costituzionale francese di respingere le obiezioni sollevate contro la nuova legge da una minoranza di legislatori francesi.

Su 21 febbraio 21, l'Assemblea nazionale francese ha adottato il dovere societario del diritto di vigilanza. In base a questa nuova legge, le più grandi società francesi dovranno valutare e prevenire i loro diritti umani e impatti ambientali. Ciò include gli impatti legati alle proprie attività e a quelle delle loro filiali, nonché alle attività di fornitori e subappaltatori, con i quali intrattengono rapporti commerciali consolidati.

La legge autorizza anche le vittime e le altre parti interessate a presentare le loro questioni dinanzi a un giudice. Il giudice può multare le società fino a 30 milioni di euro e giudicare le società responsabili quando si verificano danni che un piano adeguato avrebbe impedito.

Accogliamo con favore questa legge e la consideriamo una pietra miliare per il miglioramento del rispetto delle imprese per i diritti umani e l'ambiente.

Ci dispiace che un gruppo di membri dell'Assemblea nazionale e del Senato abbiano immediatamente contestato la legge dinanzi al Consiglio costituzionale (la massima autorità costituzionale in Francia), nell'ultimo tentativo di invalidarla dopo aver perso la battaglia legislativa democratica. La loro opposizione alla legge fa eco alla posizione e all'opposizione della lobby aziendale - in particolare MEDEF e AFEP - nei confronti di qualsiasi tipo di responsabilità aziendale per le violazioni dei diritti umani e ambientali.

Crediamo fortemente nell'importanza e nella validità della legge. È un riflesso e una risposta agli impegni internazionali degli Stati in materia di affari e diritti umani, sulla base del Principi guida delle Nazioni Unite sulle imprese ei diritti umani. Il concetto legale di vigilanza - simile al concetto di due diligence - è consolidato e ampiamente usato in Francia e in altre giurisdizioni. L'obbligo basato sugli input che crea (francese: obbligo de moyens) è un passo ragionevole verso un settore commerciale più responsabile.

Le società competitive sanno quanto sia fondamentale prevedere e gestire i loro rischi non finanziari e coloro che già esercitano la dovuta diligenza non dovrebbero essere soggetti a concorrenza sleale da parte di società sconsiderate. La legge contribuirà a creare condizioni di parità.

Le più gravi violazioni dei diritti umani e danni ambientali sono generalmente legate alle catene di approvvigionamento globali o alle azioni delle filiali e spesso si verificano impunemente. La stragrande maggioranza dei cittadini francesi lo considera inaccettabile. Il G7, le Consiglio dell'UE, le Parlamento europeo e l'OCSE ha anche sottolineato l'importanza e l'urgenza di spostarsi verso catene di approvvigionamento responsabili.

Le risposte delle imprese e del mercato a questi problemi si sono dimostrate finora inefficaci, nonostante gli sforzi di alcune società e alcune iniziative settoriali. Per affrontare i gravi problemi connessi alle catene di approvvigionamento globali e alle strutture aziendali complesse, dobbiamo affrontare la causa principale: le operazioni aziendali si estendono a livello transnazionale,

e la legislazione nazionale e internazionale non riflette questo. Ciò consente alle società europee di eludere la responsabilità per danni che si verificano al di fuori dei confini europei o nelle loro catene di fornitura e subappalto.

In assenza di un quadro giuridico internazionale o europeo, gli Stati pionieri devono aprire la strada. La Francia lo ha già dimostrato. Suo Legge 2010 sull'informativa non finanziaria - che le imprese francesi hanno combattuto, sostenendo che avrebbe creato uno svantaggio competitivo e oneri amministrativi aggiuntivi - ha ispirato 2014 Direttiva europea che ora si applica a oltre società 7,000.

È probabile che il dovere della legge sulla vigilanza abbia un simile effetto a catena in Europa. La Francia non è sola a lottare per migliorare la responsabilità aziendale. Simili sviluppi legislativi hanno avuto luogo o sono attualmente in discussione presso EU livello e nel UK, le Olanda e Switzerland. Diversi altri parlamenti stanno discutendo la questione. La legge francese si orienterà solo verso una maggiore convergenza.

L'Unione europea è a un bivio. È imperativo mettere i diritti delle persone al centro del suo progetto politico ed economico. Con questa riforma, il governo e il parlamento francesi hanno dimostrato il tipo di coraggio politico e di leadership necessari per plasmare una nuova Europa.

Speriamo che il Consiglio costituzionale non si schieri dalla parte dei legislatori che si oppongono alla legge e si opporranno a un testo che è il risultato di un lungo e solido processo legislativo. I diritti umani e l'ambiente dovrebbero sempre precedere gli interessi commerciali e la decisione del Consiglio influenzerà la vita di centinaia di migliaia nelle catene di approvvigionamento globali.

Chiediamo alle imprese francesi di sostenere la legge, come hanno già fatto alcune società.

Esortiamo i legislatori francesi di tutti i partiti politici a schierarsi con la maggior parte dei cittadini francesi e sostenere questa storica riforma. Le autorità francesi dovrebbero ora collaborare con le imprese per la sua effettiva attuazione; e con altri governi e la Commissione europea per stimolare le riforme a livello dell'UE.

 

FINE

I firmatari

Organizzazioni europee:

Association Européenne pour la Défense des Droits de l'Homme, European Environmental Bureau, CEE-Bankwatch Network, CIDSE, European Trade Union Confederation, European Coalition for Corporate Justice, Fairtrade Advocacy Office, Friends of the Earth Europe, Jesuits European Social Center

Organizzazioni internazionali:

ActionAid, Anti-Slavery International, Business & Human Rights Resource Center, Clean Clothes Campaign, Fairtrade International, FIDH, Greenpeace, International Trade Union Confederation, Shipbreaking Platform

Organizzazioni nazionali e individui:

Netzwerk Soziale Verantwortung (Austria)

CNCD-11.11.11, CNE-Centrale Nationale des Employés, CSC-Confédération des Syndicats Chrétiens, Constituante.be (Belgio)

Above Ground, Canadian Network on Corporate Accountability (Canada)

Frank Bold (Repubblica Ceca)

Christliche Initiative Romero, CorA-Netzwerk fur Unternehmensverantwortung, FEMNET, Forschungs- und Dokumentationszentrum Chile-Lateinamerika, Germanwatch, Prof.Markus Krajewski - Università di Erlangen-Nürnberg (Germania)

Südwind (Germania)

Liberty Asia (Hong Kong)

Prof. Associata Angelica Bonfanti - Università degli Studi di Milano, FOCSIV, Angolo internazionale dei diritti umani, Mani Tese, Marco Fasciglione - IRISS-CNR, Studio legale Saltamacchia (Italia)

Mark B. Taylor - FAFO Research Foundation, Norwegian Forum for Development and Environment (Norvegia)

The India Committee of the Netherlands, Professor Cees van Dam - Erasmus University Rotterdam, SOMO (the Netherlands)

Istituto polacco per i diritti umani e le imprese (Polonia)

AUR - Associazione nazionale degli specialisti delle risorse umane, RENASIS - Rete rumena contro la povertà e l'inclusione sociale (Romania)

Professor Antoni Pigrau - University Rovira i Virgili, Indago S.Coop, Observatorio de Responsabilidad Social Corporativa, Research Group on Private International Law and Human Rights, Sustentia Innovacion Social (Spagna)

Actares, Bread for All, Brücke-Le pont, Fastenhopper-Action de Carême, HELVETAS Swiss Intercooperation, Humanrights.ch, Neue Bauern Koordination Schweiz-Nouvelle Coordination Paysanne Suisse, Public Eye, Société pour les peuples menacés, Solidar Svizzera (Svizzera)

CARE International UK, CORE Coalition, Freedom United, Traidcraft (United Kindgdom)

Advocacy for Principles Action in Government, Coalition of Immokalee Workers, Forum Nobis PPLC, Hausfeld & co LLP, Interfaith Center on Corporate Responsibility, International Corporate Accountability Roundtable, Verité (Stati Uniti)

La piattaforma francese CSO Forum Citoyen pour la RSE ha sostenuto attivamente il dovere aziendale di vigilanza.

Contatto: Denise Auclair, CIDSE (auclair (at) cidse.org)

EN- Dichiarazione CSO congiunta sulla legge francese in materia di risorse umane
FR - Dichiarazione della società civile sulla lingua francese sulla devozione della vigilanza delle multinazionali

Condividi questo contenuto sui social media