50 anni fa, Populorum Progressio ha stabilito la rotta per lo sviluppo guidato dalle persone - CIDSE

50 anni fa, Populorum Progressio ha aperto la strada allo sviluppo guidato dalle persone

Era 50 anni fa, a marzo 26th 1967, che Papa Paolo VI pubblicò la sua enciclica Populorum Progressio: Sullo sviluppo dei popoli.

Questo seminale testo ha fatto dell'opzione preferenziale per i poveri una preoccupazione centrale per la Chiesa e ha profondamente plasmato il lavoro del CIDSE e delle sue organizzazioni membri mentre si attivano per attuare la solidarietà globale. 

Ha denunciato le disuguaglianze sociali che negano alle persone la loro dignità e pone le basi per la visione che ogni persona ha diritto allo sviluppo umano integrale, in altre parole, pari accesso alle risorse per lo sviluppo sociale, economico, politico, culturale, personale e spirituale .

Preventivo in PP 

Negli anni 50 dalla sua pubblicazione, l'influenza di Populorum Progressio è stato sentito in tutto il mondo sia attraverso le opere delle agenzie cattoliche di sviluppo internazionale, teologia della liberazione, commissioni di giustizia e pace e successive encicliche.

In occasione dell'40 anniversario di Populorum Progressio, CIDSE ha organizzato una grande conferenza per riflettere sull'impatto delle azioni encicliche e future. La relatrice Key Sr. Ethna Regan ha formulato le seguenti osservazioni, molte delle quali rimangono rilevanti oggi:

“Mi rendo conto che molti di voi hanno riflettuto durante questo anniversario in merito al contesto, al contenuto e all'impatto di ciò che viene talvolta descritto come la nostra 'Magna Carta' dei documenti di sviluppo, Populorum Progressio. Non volendo ripetere ciò che già sai, voglio solo chiedermi come potrebbe rispondere Papa Paolo VI se fosse qui a questa conferenza. Penso che Paul sarebbe felice di vedere Populorum Progressio impegnato in modo così dinamico in questa conferenza, ma rattristato anche per la continua rilevanza delle seguenti intuizioni:

  • Lo sviluppo rimane un "nuovo" nome per la pace
  • Il mondo è ancora "malato" a causa della monopolizzazione improduttiva delle risorse da parte di pochi (66)
  • Lo scandalo della disuguaglianza evidente e il divario crescente tra ricchi e poveri
  • Gli abusi del capitalismo non servono il bene comune
  • Ineguaglianza costante nelle relazioni commerciali
  • "La posta in gioco è la sopravvivenza di così tanti bambini innocenti, e per così tante famiglie sopraffatte dalla miseria, l'accesso a condizioni adatte agli esseri umani, la posta in gioco è la pace del mondo e il futuro della civiltà. È tempo per tutti gli uomini e tutti i popoli di affrontare le proprie responsabilità. " (80)
  • La solidarietà è un dovere e tale solidarietà deve essere pratica

Mentre si lamenterebbe della pertinenza duratura di queste parole di Populorum Progressio, Penso che Paolo VI celebrerebbe la pertinenza duratura della sua nozione di "sviluppo umano integrale" e si rallegrerebbe del modo in cui tale concetto è stato ampliato. Sarebbe felice che le sue parole su come cercare, conoscere e avere di più per essere di più stessero ispirando le azioni degli educatori e delle emittenti radiofoniche, delle popolazioni indigene e cattoliche. Sarebbe sorpreso di vedere il "genere" emergere come motivo ricorrente nel la definizione di povertà e nei suggerimenti per la sua considerazione essenziale nei progetti che costituiscono il lavoro del lavoro di giustizia sociale cattolica in tutto il mondo.

Le agenzie cattoliche di aiuto e sviluppo che lavorano per la giustizia e la pace, che testimoniano una particolare preoccupazione per i poveri e i vulnerabili, sono in una posizione unica per guarire parte di quella fiducia contusa. Tuttavia è importante che la critica del divario esistente tra l'etica proclamata e operativa della Chiesa più ampia sia accompagnata da un esame di tale divario in quanto potenzialmente ed effettivamente esiste nel nostro lavoro come agenzie cattoliche di aiuto e sviluppo. Una celebrazione di Populorum Progressio deve anche essere contrassegnato da una valutazione onesta di ciò che facciamo e di come lo facciamo, del divario tra la nostra etica proclamata come membri e partner del CIDSE e la nostra etica operativa. Tale valutazione solleva consapevolezza e tale consapevolezza è il primo passo per colmare quel divario tra l'etica proclamata dalle nostre organizzazioni e la nostra pratica effettiva.

Celebriamo la rilevanza duratura della visione di sviluppo umano integrale trovata in Populorum Progressio e lamentiamo la povertà e l'ingiustizia che persiste quaranta anni dopo. Possa questa celebrazione e lamento sostenerci mentre lavoriamo insieme per la giustizia globale ”.

Puoi scaricare il discorso completo di seguito (EN, ES, FR).

In 2009, Papa Benedetto ha prodotto la sua enciclica Caritas in veritate, che ha ulteriormente ampliato la nozione di sviluppo umano integrale. Membro del CIDSE, Center of Concern negli Stati Uniti, ha riflettuto sui collegamenti tra i due:

"Enciclica di Papa Benedetto, Caritas in veritate (Love in Truth) è un documento di anniversario in occasione del 40 anniversario di Populorum Progressio pubblicato da Papa Paolo VI in 1967. Benedetto osserva: 'In modo speciale, è collegato a ciò che Paolo VI scrisse ora più di 40 anni fa Populorum Progressio, la pietra angolare dell'insegnamento sociale della Chiesa, in cui il grande Pontefice ha delineato alcune idee decisive e sempre rilevanti per lo sviluppo integrale dell'umanità e del mondo moderno '”.

Sr. Katherine Feely, SND del Center of Concern ha creato una piramide che delinea i livelli del processo di sviluppo umano integrale, in cui ci muoviamo dal liberarci dalla costante preoccupazione di assicurare i bisogni materiali all'autentica unità nella carità di Cristo che ci chiama tutti da condividere nella vita del Dio vivente.

Puoi accedere a questa risorsa per saperne di più, clicca qui.

Già dentro Populorum Progressio, Papa Paolo VI ha riconosciuto le risorse limitate della Terra e che i sistemi e le strutture della società dovrebbero funzionare affinché tutti possano avere accesso:

"Ora, se la terra è stata veramente creata per fornire all'uomo le necessità della vita e gli strumenti per il proprio progresso, ne consegue che ogni uomo ha il diritto di raccogliere ciò di cui ha bisogno dalla terra. Il recente Concilio ha ribadito questa verità: “Dio ha destinato la terra e ogni cosa in essa all'uso di tutti gli esseri umani e di tutti i popoli. Pertanto, sotto la guida della giustizia e in compagnia della carità, i beni creati dovrebbero fluire equamente verso tutti ".

“Tutti gli altri diritti, qualunque essi siano, inclusi i diritti di proprietà e di libero scambio, devono essere subordinati a questo principio. Non dovrebbero in alcun modo ostacolarlo; anzi, dovrebbero facilitare attivamente la sua attuazione. Il reindirizzamento di questi diritti al loro scopo originale deve essere considerato un dovere sociale importante e urgente ". PP 22

Papa Francesco ci ha portato ancora di più con la sua enciclica Laudato Si", come osserva Bernd Nilles, segretario generale del CIDSE:

“Populorum Progressio ci ha aiutato e guidato nell'accogliere l'importanza dello sviluppo guidato dalle persone e la necessità di garantire un'economia al servizio dell'umanità e non solo di pochi. È stato seguito da ulteriori encicliche che hanno approfondito l'insegnamento sociale e rafforzato l'impegno per la giustizia sociale della Chiesa cattolica. L'ultima enciclica di questa tradizione è Laudato Si ', che ci invita a prenderci cura della nostra casa comune dal punto di vista sociale e ambientale. Papa Francesco ci ricorda che il grido dei poveri e della Terra sono un solo grido. Quell'ingiustizia e il degrado ambientale vanno di pari passo e hanno cause simili. In questa tradizione, CIDSE mira ad affrontare le cause profonde delle crisi globali e a proporre politiche e risposte trasformative per un mondo giusto e sostenibile ”.

CIDSE partecipa alle celebrazioni vaticane di questo punto di riferimento enciclica attraverso il suo membro italiano FOCSIV. Saranno presenti anche il membro spagnolo Manos Unidas e il membro slovacco Erko.

Mentre tracciamo la sua storia annuale di 50, ora possiamo vedere la trasformazione radicale che Populorum Progressio ci chiede ancora oggi e di mirare. La Conferenza episcopale del Belgio in collaborazione con i membri del CIDSE Broederlijck Delen e Entraide et Fraternité, hanno rilasciato una dichiarazione in occasione dell'50 anniversario di Populorum Progressio, dove riassumono abbastanza chiaramente cosa significa questa trasformazione oggi nel nostro mondo:

“… Sì, dobbiamo credere nel potere del cambiamento quando ci impegniamo in questo percorso con tanti altri. Vogliamo anche dialogare con le istituzioni “in transizione” che hanno intrapreso quel percorso, ovvero che hanno avviato una transizione verso un mondo più rispettoso dell'ecologia e dell'equilibrio naturale. Ci impegniamo per un'etica del 'abbastanza', in altre parole uno stile di vita intriso di semplicità ".

Leggi la dichiarazione completa in francese per saperne di più, clicca qui, Disponibile anche in Olandese.

Vedi anche, il preghiera scritta per la celebrazione dell'50 anniversario di Populorum Progressio pubblicato da Center of Concern, membro CIDSE negli Stati Uniti.

PP Speech Ethna Regan (EN)
PP Discours Ethna Regan (FR)
PP Presentacion Ethna Regan (ES)

Condividi questo contenuto sui social media