Le donne al centro del movimento per la sovranità alimentare in Mali - CIDSE
Credito fotografico: COFERSA

Le donne al centro del movimento per la sovranità alimentare in Mali

Credito fotografico: COFERSA

Ai margini del sistema alimentare industriale, spesso sfruttato da nuovi mezzi di produzione ad alta intensità di capitale e raramente detengono la proprietà della terra in cui lavorano, le donne contadine sono consapevoli dell'importanza di esigere e assumere il controllo dei sistemi alimentari sovrani.

NB: Le opinioni espresse in questo blog non riflettono necessariamente le posizioni ufficiali del CIDSE.

La precaria posizione delle donne contadine nell'attuale sistema alimentare non ha impedito loro di assumere un ruolo guida nell'attivismo legato al cibo e all'agricoltura, piuttosto le ha motivate a organizzare, sviluppare e promuovere alternative sostenibili e difendere cambiamenti politici.

COFERSA, la convergenza delle donne rurali per la sovranità alimentare in Mali e uno dei partner di BEDE nell'Africa occidentale, è esemplare nel modo in cui coinvolge le donne nel movimento di sovranità alimentare. La convergenza, che è stata creata sei anni fa, è composta da cooperative di donne rurali 36 che comprendono membri 3,900 in tutto il Mali e lavora per promuovere la sovranità alimentare sostenendo le donne contadine nella difesa e nella produzione agro-ecologica. Il suo approccio alla sovranità alimentare si basa sulla conservazione e sul pieno controllo delle sementi locali.

Le difficoltà a conservare i cereali coltivati ​​con fertilizzanti chimici hanno convinto COFERSA a orientarsi verso l'agro-ecologia. La presenza di COFERSA in tutto il Mali facilita la raccolta di semi e ha permesso al gruppo di detenere una grande varietà di semi. I semi raccolti vengono moltiplicati nei campi dell'unione. Una volta raccolti, i semi vengono conservati in botti, zucche e granai secondo le tecniche ancestrali di conservazione. Non appena ci saranno semi sufficienti, COFERSA li metterà a disposizione dei produttori maliani per fornire un'alternativa ai produttori di semi importati da cui dipendono.

foto formazione semenze cofersa 2Un'altra parte importante del lavoro di COFERSA oltre a raccogliere e moltiplicare i semi è di diffondere le sue conoscenze e di rafforzare la capacità delle donne rurali nella produzione agricola e alimentare. La convergenza possiede 20 ettari di terra dove forma regolarmente le donne sulle tecniche di agro-ecologia. La produzione e la diffusione di semi locali, oltre a far conoscere il loro valore intrinseco, è parte integrante di questi corsi di formazione, che forniscono anche conoscenze di base sui diritti degli agricoltori e creano forum di scambio. Insieme a BEDE, la convergenza sta sensibilizzando sui benefici del consumo locale per quanto riguarda un'alimentazione più sana. L'idea per questa campagna è nata da un seminario COFERSA in 2011, incentrato sugli impatti economici, sanitari e ambientali del consumo di prodotti agroalimentari rispetto ai prodotti locali.

I workshop di COFERSA sono spazi preziosi per la formazione, lo scambio e la strategia. L'anno scorso la convergenza ha riunito persone 40 per un corso di formazione sulla produzione di semi agro-ecologici dei giorni 5. In questa riunione COFERSA è stata in grado di sviluppare una strategia, un piano d'azione e un follow-up per la produzione di sementi locali all'interno della convergenza e per i suoi membri. I punti principali discussi durante i corsi di formazione sono la ricerca, la produzione, la conservazione, la diffusione, lo sviluppo di capacità e la condivisione, l'informazione e la difesa. I risultati dei corsi di formazione non sono solo molto promettenti per COFERSA, ma in generale per i semi contadini in Mali e il movimento agro-ecologico.

Per quanto sia chiaro che la lotta per la sovranità alimentare non può essere vinta senza ottenere il controllo sui semi, né può essere vinta senza il coinvolgimento cruciale dei movimenti delle donne.

Circa l'autore:
Anne Berson è coordinatrice del programma in Africa occidentale e agroambientalista presso BEDE (Biodiversità: scambio e diffusione di esperienze)

 

 

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange