Comunicato stampa: Accordo UE-Myanmar sulla protezione degli investimenti: molti rischi, pochi vantaggi - CIDSE

Comunicato stampa: Accordo di protezione degli investimenti UE-Myanmar: molti rischi, pochi benefici

L'accordo di protezione degli investimenti UE-Myanmar (IPA) potrebbe avere gravi conseguenze per la già grave situazione dei diritti umani del paese, avvertire le organizzazioni e le reti nell'UE, Myanmar e ASEAN (1). I rischi dell'IPA sono stati seriamente sottostimati e i suoi benefici sopravvalutati, con pericolose conseguenze per gli sforzi di pace del Myanmar, i diritti umani e lo sviluppo democratico, secondo il rapporto Miti e rischi dell'accordo UE-Myanmar sulla protezione degli investimenti (2).

La situazione dei diritti umani in Myanmar è diventata oggetto di controllo internazionale. A metà settembre, una delegazione della commissione per il commercio del Parlamento europeo ha annullato la sua visita in Myanmar (3) a causa di continue violazioni dei diritti umani contro la comunità musulmana nello stato di Rakhine, che si identifica come Rohingya.

In altre parti del Myanmar, continuano le offensive militari dell'esercito nazionale negli stati di Kachin e Shan, sfollando centinaia di migliaia. L'accaparramento della terra e lo sfruttamento delle risorse naturali sono endemici in molte parti del paese, alimentando i conflitti etnici.

Il Myanmar è ben lungi dall'essere un paese democratico e pacifico. Raggiungere una pace duratura significa spostarsi verso un sistema più federale e l'introduzione di molte nuove politiche e leggi, che potrebbero essere drasticamente ostacolate da questo IPA.

L'IPA, negoziato in gran parte a porte chiuse, consentirebbe agli investitori europei in Myanmar di citare in giudizio il governo in un tribunale internazionale se nuovi regolamenti che mirano a favorire le persone o l'ambiente, come le riforme della terra, influenzano i loro profitti.

“Le nostre organizzazioni partner locali stanno lavorando a complessi problemi di terra in aree etniche con amministrazioni sovrapposte e un gran numero di sfollati interni che affrontano situazioni di grave cibo e insicurezza del territorio. L'UE può sostenere al meglio il processo di pace garantendo che il Myanmar mantenga il pieno spazio politico per le riforme, piuttosto che causare il blocco delle politiche attuali ", ha affermato Denise Auclair, senior advisor del CIDSE.

La maggior parte degli investimenti diretti esteri sono in aree e settori di conflitto con record elevati di violazioni dei diritti umani, come energia e miniere. L'ambiente di conflitto, la mancanza di un adeguato quadro giuridico e uno scarso accesso al rimedio giudiziario in Myanmar rendono probabile che nell'ambito di questo IPA, le società europee potrebbero diventare sempre più complici delle violazioni dei diritti umani. Per evitare tale scenario, l'UE e i suoi Stati membri dovrebbero obbligare le loro società per legge a rispettare i diritti umani nelle loro operazioni all'estero.

La relazione (disponibile in inglese e francese) si conclude con una serie di raccomandazioni che mirano a incoraggiare e rafforzare il dibattito pubblico tanto necessario nell'UE e in Myanmar, compresi parlamentari e società civile, prima della conclusione dei negoziati IPA.

Contatti:
Valentina Pavarotti
Responsabile Media e Comunicazione CIDSE
pavarotti (at) cidse.org

Denise Auclair
Senior Advisor
Auclair (at) cidse.org

Note per i redattori:
1 Miti e rischi dell'accordo UE-Myanmar sulla protezione degli investimenti è pubblicato da Transnational Institute, Paung Ku, KESAN, Myanmar Alliance for Transparency and Accountability (MATA), Land in Our Hands (LIOH) network, CIDSE, MISEREOR, Info Birmanie, Secours Catholique - Caritas France, CCFD-Terre Solidaire, AITEC, 11.11.11, rete FTA UE-ASEAN

2 Miti e rischi dell'Accordo sulla protezione degli investimenti UE-Myanmar sono disponibili per il download all'indirizzo https://www.tni.org/en/publication/myths-and-risks-of-the-eu-myanmar-investment-protection-agreement

3 http://www.europarl.europa.eu/news/en/press-room/20170914IPR83915/parliament-cancels-visit-to-myanmar

CIDSE è una famiglia internazionale di organizzazioni cattoliche di giustizia sociale, che lavorano insieme per promuovere la giustizia, sfruttare il potere della solidarietà globale e creare cambiamenti trasformativi per porre fine alla povertà e alle disuguaglianze. Lo facciamo sfidando l'ingiustizia e l'iniquità sistemica e la distruzione della natura. Crediamo in un mondo in cui ogni essere umano ha il diritto di vivere con dignità www.cidse.org

Membri CIDSE: Broederlijk Delen (Belgio), CAFOD (Inghilterra e Galles), CCFD - Terre Solidaire (Francia), Centre of Concern (USA), Cordaid (Paesi Bassi), Development & Peace (Canada), Entraide et Fraternité (Belgio) , eRko (Slovacchia), Fastenopfer (Svizzera), FEC (Portogallo), FOCSIV (Italia), Partage Lu / Bridderlech Deelen (Lussemburgo), KOO (Austria), Maryknoll Office for Global Concerns (Stati Uniti) Manos Unidas (Spagna), MISEREOR (Germania), SCIAF (Scozia), Trócaire (Irlanda)

POLICY_BRIEF_EU-Myanmar.pdf
FR-POLICY_BRIEF_EU-Myanmar

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange