Comunicato stampa: Due anni dopo lo scoppio della diga di Mariana: un'azione globale necessaria per prevenire disastri simili - CIDSE
Crediti: Rogério Alves / TV Senado CC BY 2.0

Comunicato stampa: due anni dopo lo scoppio della diga di Mariana: sono necessarie azioni globali per prevenire simili disastri

Crediti: Rogério Alves / TV Senado CC BY 2.0

La scorsa settimana (23-27 ottobre 2017), a Ginevra si sono svolti i primi negoziati per un trattato delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani. Il momento sta crescendo, ma sono necessari ulteriori sforzi per mettere in atto il quadro necessario per fermare l'impunità delle imprese e fornire accesso alla giustizia per le vittime di violazioni dei diritti umani.

A novembre 5th, 2015, la diga Fundão è scoppiata nel comune di Mariana a Minas Gerais, in Brasile. Milioni di metri cubi di sterili da miniera di ferro della miniera gestita da Samarco, una joint venture Vale-BHP Billiton, hanno creato un torrente di fango che ha distrutto interi villaggi, tra cui scuole e chiese, e contaminato i fiumi Gualaxo do Norte, Carmo e Doce. Le persone di 19 sono morte e centinaia di migliaia sono state colpite. Per quanto riguarda le riparazioni e il risarcimento, la maggior parte delle persone colpite attende ancora giustizia.

CIDSE ha sviluppato un dossier multimediale online per far scoppiare la storia scandalosa della Mariana e la lotta delle persone colpite per la giustizia il più ampiamente possibile.

Il fallimento della diga Fundão di Samarco non è un caso isolato; molte persone in tutto il mondo affrontano violazioni dei diritti umani derivanti dalle operazioni delle società transnazionali. Sebbene esistano una serie di quadri internazionali non vincolanti, le vittime di violazioni dei diritti umani non possono derivare da essi diritti direttamente esecutivi. E basarsi principalmente sui singoli Stati per promuovere e garantire la protezione dei diritti umani, quando le potenti società operano oltre confine, non è sufficiente.

"CIDSE chiede regole vincolanti a livello internazionale attraverso un trattato delle Nazioni Unite per garantire che le imprese facciano affari in modo responsabile, avendo cura di non soffrire persone e natura. Di volta in volta, vediamo che gli approcci nazionali da soli non sono in grado di far fronte all'internazionalizzazione del mondo degli affari. Le sfide globali richiedono risposte globali. ”Ha dichiarato Denise Auclair, Senior Advisor CIDSE.

La scorsa settimana si è riunito a Ginevra il gruppo di lavoro intergovernativo a tempo indeterminato, che ha il mandato di sviluppare uno strumento giuridicamente vincolante per le società transnazionali, altre imprese e diritti umani. CIDSE è lieto di assistere al crescente slancio del Trattato, con gli stati 100 che partecipano alla sessione di quest'anno e numerosi contributi accademici ed esperti che indicano la strada verso un futuro Trattato. Chiediamo a tutti gli Stati di dimostrare il loro impegno nei confronti delle vittime di violazioni dei diritti umani, come proclamato durante la sessione, impegnandosi costruttivamente verso efficaci passi successivi del processo per adempiere al mandato.

Nel frattempo, le persone colpite dall'esplosione della diga a Mariana continueranno a chiedere giustizia e una prevenzione più efficace e la rete CIDSE è impegnata a sostenerle.

Il dossier è disponibile in English, Portoghese, Spagnolo, Francese e Tedesco.

Contatto: Valentina Pavarotti, responsabile media e comunicazione CIDSE, pavarotti (at) cidse.org

 

CIDSE_press_release_Mariana_anniversary.pdf

Condividi questo contenuto sui social media