Land grabbing in Francophone Africa: identificare e rafforzare soluzioni endogene - CIDSE
Credito: CIDSE

Land grabbing in Africa francofona: identificazione e rafforzamento di soluzioni endogene

Credito: CIDSE

Conferenza regionale, Abidjan, 21-23 Novembre 2017.

Più di 70 rappresentanti di istituzioni ecclesiali e gruppi religiosi, movimenti sociali e iniziative di base, nonché organizzazioni non governative provenienti da Africa, Europa e America si sono riuniti la scorsa settimana ad Abidjan con lo slogan “Land grabbing in Francophone Africa: identificare e rafforzare soluzioni endogene ”.

L'evento è stato organizzato dalla piattaforma "La nostra terra è la nostra vita" istituita presso il conferenza su "Land Grab and Just Governance in Africa" a Limuru / Kenya in 2015 che ha riunito attori di chiesa e non ecclesiali per scambiare conoscenze e strategie sull'accaparramento della terra.

La conferenza di Abidjan mirava a condividere le conoscenze basate sulle pratiche delle comunità africane e sviluppare strategie per fermare l'accaparramento delle terre in Africa, oltre a costruire reti e rafforzare i movimenti all'interno dell'Africa e tra l'Africa e altri continenti. È stato anche uno spazio di riflessione e discussione sulle questioni del land grabbing dal punto di vista di Laudato Si ' e gli insegnamenti sociali della Chiesa cattolica.

Comitato Organizzatore

Il comitato organizzatore era composto da RECOWA / CERAO (Conferenza episcopale regionale dell'Africa occidentale), AFJN (African Faith and Justice Network), AEFJN (African Europe Faith and Justice Network), CIDSE, CIKODEV Africa (Pan African Institute for Research, Training and Action for Citizenship, Consumer and Development in Africa), Jinukun-COPAGEN (Coalizione per la protezione del patrimonio genetico africano), AFSA (African Food Sovereignty Alliance), CIKOD (Center for Indigenous Knowledge and Development Organizational Development) e CGLTE (Global Convergence on Land and Lotte d'acqua).

Le organizzazioni membri del CIDSE che hanno sostenuto questa iniziativa erano CAFOD, KOO / DKA, Fastenopfer, Manos Unidas e MISEREOR con 19 partner partecipanti dalla Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Madagascar, Mali, Tchad e Senegal, insieme a MISEREOR e il personale del Segretariato CIDSE.

 

 

 

 

 

Il primo giorno, la conferenza è stata aperta da p. Joseph Aka, segretario generale di RECOWA, Conferenza episcopale regionale dell'Africa occidentale.

1 Sessione di apertura

 

Il primo pannello era composto dai seguenti altoparlanti (da sinistra a destra):

• Colonnello ME Kouamé Martial, rappresentante del Ministero delle acque e delle foreste
• Mons. Lucius Ugorji, Presidente della Commissione Giustizia e Pace
• Mons. Alexis Toubali, 2nd Vicepresidente di RECOWA
• Mons. Joseph Spiteri, Nunzio Apostolico in Costa d'Avorio
• Claire Quenum, rappresentante dell'AFSA (Alleanza per la sovranità alimentare in Africa)
• Kadidja Koné, rappresentante della CGLTE (Convergenza globale delle lotte per la terra e l'acqua)

 

 

 

 

I relatori hanno riconosciuto il fatto che il land grabbing sta aumentando in Africa ed è un problema che deve essere affrontato.

Mons. Joseph Spiteri: “Il land grabbing si diffonde in tutte le regioni dell'Africa. Dobbiamo valutare: quali sono le diverse forme di land grabbing? In che modo il fenomeno differisce tra i paesi? Ma dopo aver analizzato la situazione dobbiamo anche agire. Dobbiamo discutere, quale ruolo può svolgere la chiesa in questo. "

Claire Quenum: “Le persone hanno il diritto di nutrirsi. Hanno il diritto alla sovranità alimentare. Non avere accesso alla terra e all'acqua è una minaccia alla sovranità alimentare, all'agroecologia, allo spazio per vivere, allo spazio per tenere gli animali. "

Kadidja Koné: “La terra, l'acqua e le sementi dei contadini non sono merci, sono beni comuni che devono essere preservati per le generazioni future. ”L'accesso alla terra deve essere garantito attraverso disposizioni legali a livello nazionale, regionale e continentale, per proteggere comunità, donne e i giovani contro la discriminazione. Ciò implica resistere a programmi di investimento come G7-New Alliance for Food Security and Nutrition in Africa o altri partenariati pubblico-privato."

Delegazione episcopale 3

Nove vescovi del Benin, del Burkina Faso, del Camerun, della Costa d'Avorio, del Gabon, della Guinea, del Niger e del Togo si sono recati ad Abidjan per partecipare alla conferenza per ascoltare le testimonianze delle persone colpite dall'accaparramento della terra e dialogare con le comunità, le organizzazioni contadine, le ONG , gruppi di fede, movimenti sociali e altri.

5 Sr Modestine Rasolofoarivola Vahatra

Sorella Modestina Rasolofoarivola dell'organizzazione Vahatra in Madagascar: “Sono qui per conoscere le reti che si impegnano in Africa contro il land grabbing e per condividere il nostro caso Madagassy. In Madagascar, il land grabbing è causato da investitori stranieri e i politici non ci proteggono dal fenomeno. Ricevere titoli di terreni per cartolarizzare i terreni è molto complicato e costoso. "

6 Koffi Wisdom Adjawlo YVE Ghana Koffi Wisdom Adjawlo del Youth Volunteers for the Environment (YVE) in Ghana presenta un caso di accaparramento di terra e acqua che coinvolge una società britannica nel distretto di Bole in Ghana. Il lavoro presentato è svolto congiuntamente da un consorzio di attori di chiesa e non ecclesiastici composto da YVE Ghana, GRAIN e dal Center for Indigenous Knowledge and Organizational Development (CIKOD). “Alla società è stata promessa una scuola, una strada e buoni lavori. Niente si è avverato. Invece, stanno perdendo le loro terre agricole e le zone di pesca. "

 Sessione plenaria di 7Sessione plenaria nella sala conferenze del centro RECOWA.

8 Kadidja Kone Convergenza globaleKadidja Koné è un rappresentante del movimento sociale, Convergenza globale sulle lotte per la terra e l'acqua e ha lavorato per 10 anni con INADES-Costa d'Avorio. Ha co-facilitato la conferenza.

10 Mariam Sow enda
Mariam Sow dell'organizzazione partner senegalese ENDA-Pronat: “Le nostre esperienze dimostrano che il lavoro di advocacy sull'agroecologia e il buon governo del territorio devono andare di pari passo. È un compito sociale. Senza un giusto accesso alla terra, le persone non possono coltivare secondo i loro principi agroecologici ".

 

Partner Dion Horizon 3000 di mining WG

Gruppo di lavoro sulle miniere con Armand Dione, Forum Civil (Senegal)

 

WG agroalimentare

Gruppo di lavoro sull'agroindustria: Mamy Rakotondrainibe, Collectif Tany (Madasgacar), Koffi Wisdom, YVE (Ghana) e Rose Oppong, CIKOD (Ghana)

 

Sessione WG all'aperto

Gruppo di lavoro sulle foreste con Lilia Ravoniarisoa (FVTM) e Merci Ralaitsiferana, agricoltori del Madagascar

 

Legislazione WG Sr Modestine Jao partners

Gruppo di lavoro sulla legislazione: suor Modestine Rasolofoarivola di Vahatra e partner della rete SOA (Madagascar).

 

L'ultimo giorno, la conferenza si è conclusa con l'adozione di un potente dichiarazione congiunta firmata da circa 60 attori della chiesa e non religiosi. Vescovi e difensori dei diritti umani si sono riuniti per redigere congiuntamente il testo, il che ha facilitato i collegamenti tra tutti gli attori al processo politico di unione della chiesa e della società civile. Un altro punto di forza della dichiarazione è che cattura gli argomenti considerati più importanti per le comunità colpite dall'accaparramento delle terre: il loro diritto di gestire le loro terre come beni comuni nella nozione di sovranità alimentare, la necessità di rafforzare le loro capacità di conoscere ed essere in grado di difendere i loro diritti e la protezione del loro impegno che si sta sempre più riducendo a causa della criminalizzazione dei difensori dei diritti umani. “Non abbiamo mai avuto una dichiarazione così forte da parte della chiesa africana sulla questione del land grabbing ”, ha dichiarato numerosi partecipanti.

I partecipanti hanno anche sviluppato piani d'azione per i loro paesi o regioni. per esempio, i vescovi partecipanti si sono impegnati ad ampliare le loro conoscenze sul governo della terra in futuro e a diffondere le idee della conferenza all'interno delle istituzioni ecclesiastiche. Il Gruppo di lavoro dell'Africa occidentale vuole creare un gruppo di app Whats per avere un canale di comunicazione immediato quando si tratta di attività contro il landgrabbing sul terreno.

 

sessione di redazione delle dichiarazioni

Sessione di redazione delle dichiarazioni.

 

Vedi anche il Rapporto della conferenza per ulteriori dettagli (disponibile solo in francese).

 

FR-Déclaration de la conférence d'Abidjan
Dichiarazione della conferenza EN-Abidjan

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange