Papa Francesco in Myanmar - CIDSE
© Mazur / catholicnews.org.uk

Papa Francesco in Myanmar

© Mazur / catholicnews.org.uk

Papa Francesco sta attualmente visitando il Myanmar, portando parole di rispetto e dialogo pacifico interreligioso in un paese che è diventato oggetto di controllo internazionale per la sua situazione dei diritti umani. Esistono infatti diverse tensioni in Myanmar, in particolare legate alla difficile situazione della comunità musulmana nello stato di Rakhine, che si identifica come Rohingya.

La visita di Papa Francesco mette in luce i rapidi cambiamenti subiti in Myanmar negli ultimi anni nel contesto della transizione democratica del Paese e le sfide per garantire una pace duratura. Con l'apertura del paese, gli investitori hanno iniziato a correre. L'accaparramento della terra e lo sfruttamento delle risorse naturali sono endemici in molte parti del paese, alimentando i conflitti etnici. Centinaia di migliaia sono stati sfollati negli stati di Kachin e Shan.

Quando si tratta delle risorse naturali del Myanmar - minerali, gemme, legname, gas -, ci sono molte questioni irrisolte. Le organizzazioni partner locali del CIDSE stanno lavorando a complessi problemi di terra: le aree etniche si trovano ad affrontare amministrazioni sovrapposte e un gran numero di sfollati interni che affrontano situazioni di grave cibo e insicurezza del territorio. Raggiungere una pace duratura significa spostarsi verso un sistema più federale e l'introduzione di molte nuove politiche e leggi, in particolare per quanto riguarda i diritti alla terra.

Il Myanmar deve affrontare grandi sfide per costruire solidi quadri per la proprietà e la compartecipazione alle entrate delle risorse naturali in varie aree etniche e per la protezione dei diritti umani e del lavoro e dell'ambiente.

A settembre, CIDSE, insieme ad alcune organizzazioni con sede in Europa e Myanmar, ha pubblicato il rapporto "Miti e rischi dell'accordo UE-Myanmar sulla protezione degli investimenti". L'accordo, che è stato negoziato in gran parte a porte chiuse, potrebbe privare il paese del spazio politico necessario per sfruttare gli investimenti a servizio dello sviluppo sostenibile e della pace. Ciò consentirebbe agli investitori europei in Myanmar di citare in giudizio il governo in un tribunale internazionale se nuovi regolamenti che mirano a favorire le persone o l'ambiente, come le riforme della terra, incidono sui loro profitti. "L'UE può supportare al meglio il processo di pace garantendo che il Myanmar mantenga la piena autonomia normativa per le riforme, piuttosto che causare il blocco delle attuali politiche", ha affermato Denise Auclair, senior advisor del CIDSE.

Da settembre, i negoziati sull'accordo sono stati sospesi a causa della situazione dei diritti umani. La visita del Papa è un'occasione per stimolare una più ampia riflessione sui fattori economici alla base degli attuali conflitti in Myanmar, e sui possibili impatti e le più ampie implicazioni del proposto trattato di protezione degli investimenti in questo punto cardine della transizione del Paese.

CIDSE's Comunicato stampa: Accordo di protezione degli investimenti UE-Myanmar: molti rischi, pochi benefici, settembre 2017

 

 

 

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange