Toolkit Credi nel cambiamento - CIDSE
© CIDSE

Il kit di strumenti Believe in Change

© CIDSE
Workshop di genere e chiesa ad Accra, Ghana

Quando ho iniziato a lavorare come primo consulente di genere dedicato al CAFOD nove anni fa, mi chiedevo come sarebbe stato - lavorare sulla promozione dell'uguaglianza di genere e dei diritti delle donne in un'organizzazione cattolica. Bene, posso dirtelo - non è stato sempre facile. Il termine 'genere' era allora e continua ad essere una patata bollente, scatenando accesi dibattiti in ogni formazione di genere che ho tenuto in questi anni, sia in Europa che nei molti paesi in cui lavorano le organizzazioni partner di CAFOD.

Diverse volte quando visitavo un nuovo posto, sarei stato accolto con il sospetto iniziale e, a volte, mi sarei dovuto confrontare con domande come: "Perché sei venuto qui? Per fare esattamente cosa? "Stai cercando di rendere uguali donne e uomini?" 'Questo è il modo in cui le cose sono sempre state qui. Chi ti aspetti che le cose vengano fatte diversamente? ' Ciononostante, mentre la promozione della giustizia di genere nella comunità cattolica presenta sicuramente delle sfide, posso assicurarvi che ha molte più opportunità. Ancora più importante, ora è il momento giusto per sfruttare queste opportunità e andare oltre le nostre zone di comfort.

Allora, qual è il problema con il 'genere' allora? Alcune persone che ho incontrato pensano quando si parla di uguaglianza di genere, che si applica solo alle donne e che i progetti di genere sosterrebbero solo le donne escludendo gli uomini. Altri hanno l'idea sbagliata che l'uguaglianza di genere sia un concetto occidentale straniero che non si adatta ad alcune delle tradizioni culturali esistenti, o temono che cerchi di conferire alle donne potere sugli uomini. Come rispondere a questi equivoci? Spiego che la parità di genere non riguarda nessuna di queste cose. Rispondo sottolineando quanto segue, che si tratta di creare condizioni di amore, compassione e giustizia per i poveri, che si tratta di donne e uomini poveri. Sottolineo il fatto che l'uguaglianza di genere cerca di portare buone notizie e pari opportunità per tutti e che la Chiesa ha un ruolo vitale da svolgere nel promuovere tali pari opportunità per tutte le persone e nel preservare la dignità delle donne e degli uomini.

Credi nel cambiamento il toolkit è stato sviluppato proprio a tale scopo: sostenere la Chiesa nella promozione della giustizia di genere. Il toolkit è una risorsa di genere per il personale organizzativo delle organizzazioni ecclesiali, in particolare le organizzazioni religiose cattoliche e coloro che intendono lavorare con queste organizzazioni religiose. Il toolkit è inteso come una guida ispiratrice per supportarli nel loro lavoro verso il raggiungimento della giustizia di genere. Questo toolkit si basa sull'apprendimento e sulle discussioni con i partner sul loro approccio al genere mentre ero il Gender Advisor di CAFOD (2009-2018). Intende sensibilizzare all'importanza della parità di genere, affrontare le preoccupazioni e le idee sbagliate comuni e aumentare la competenza di genere del personale e la qualità del programma. La revisione esterna del genere di CAFOD ha sottolineato la necessità di rafforzare la capacità e la fiducia sia del personale CAFOD che del personale dei partner, in particolare in relazione all'incoraggiamento dei partner della chiesa a promuovere l'uguaglianza di genere nel loro lavoro. I partner hanno menzionato il modo in cui volevano lavorare di più sul genere, ma a volte si sentivano un po '"intimiditi e confusi dal linguaggio usato e dalle competenze tecniche richieste".

Il toolkit è stato lanciato a marzo 2018 riunendo case study, esempi e apprendimenti da tutti gli angoli del mondo, tra cui dichiarazioni ispiratrici, riflessioni teologiche, esercizi pratici e strumenti. Finora è stato testato e pilotato con partner CAFOD in Uganda, Kenya, Myanmar e Bangladesh. Una delegazione congiunta CAFOD / CIDSE ha visitato il Simposio delle Conferenze episcopali dell'Africa e del Madagascar (SECAM) offrendo formazione su questo kit di strumenti ai rappresentanti della SECAM e del Segretariato nazionale cattolico. La risposta complessiva alla formazione e al toolkit è stata molto positiva con i partecipanti che godono della varietà di utili esercizi pratici, dei valori e della metodologia applicata. Si sono sentiti particolarmente a proprio agio e rassicurati dal linguaggio usato. Essere in grado di comprendere meglio i valori e il linguaggio con cui le organizzazioni basate sulla fede si identificano è stato apprezzato da altri pubblici a cui questo toolkit è stato introdotto. Ad esempio, i partecipanti al seminario su Religione e genere organizzato dal Partnership for Religion and Development (PaRD) hanno accolto con favore toolkit come il Believe in Change toolkit per il loro valore nella costruzione di ponti tra religiosi e laici. Il toolkit ha anche ricevuto un caloroso benvenuto durante la sessione 62 della Convenzione delle Nazioni Unite sullo status delle donne (CSW delle Nazioni Unite), dove è stato presentato in una commissione interreligiosa in una delle sessioni parallele di eventi collaterali delle ONG.

Quale prossimo potresti chiedere? Il toolkit comprende casi studio tratti da programmi e partner CAFOD ed è disponibile per il riutilizzo non commerciale. I casi di studio attuali possono essere facilmente sostituiti con quelli delle proprie organizzazioni partner purché si faccia riferimento al materiale originale in caso di riutilizzo. Alla luce di ciò, diversi membri del gruppo di lavoro sul genere CIDSE intraprenderanno una formazione partecipativa del seminario del formatore per essere attrezzato per diffondere e utilizzare questo kit di strumenti a fini di formazione. A seguito dell'accoglienza favorevole del toolkit presso il CSW delle Nazioni Unite, la Commissione europea ha chiesto di condividere gli apprendimenti dal toolkit con i loro membri del personale nell'ambito di un più ampio processo di rafforzamento delle capacità dei suoi membri del personale in materia di religione e uguaglianza di genere . Dati i recenti eventi mondiali riguardanti l'abuso e lo sfruttamento sessuale, la disuguaglianza di genere e le disparità retributive di genere, chiede un'azione concertata. C'è un vero slancio per lavorare insieme nel più ampio movimento possibile per affrontare queste gravi disuguaglianze e abusi e preparare il terreno per un mondo in cui, secondo le parole della suora brasiliana Ivone Gebara: Uomini e donne abiteranno nelle loro case; uomini e donne mangeranno lo stesso pane, berranno lo stesso vino e balleranno insieme nella piazza illuminata, celebrando i legami di tutta l'umanità.

Informazioni sull'autore: Tanja Haque in precedenza, CAFOD Gender Advisor (2009-2018) e attualmente lavora come consulente per CIDSE che promuove la Chiesa e il kit di strumenti di genere.

CAFOD_Church_and_Gender_kit.pdf

Condividi questo contenuto sui social media