Migliorare l'accesso all'energia in Africa e America Latina - CIDSE
Foto di DFID - Dipartimento britannico per lo sviluppo internazionale

Migliorare l'accesso all'energia in Africa e in America Latina

Foto di DFID - Dipartimento britannico per lo sviluppo internazionale
Elizabeth Mukwimba, cliente solare M-Power in Tanzania

I problemi di accesso all'energia, con le comunità che non sono in grado di permettersi l'energia prodotta nella loro regione e che allo stesso tempo devono affrontare l'impatto di tale sfruttamento sul loro ambiente, sono un problema diffuso. Ne abbiamo discusso con Melania Chiponda di WoMin, Sudafrica, e con Andrea Torres Bobadilla del Tierra Digna, Colombia.

Melania Chiponda - porta le donne in prima linea nella transizione energetica

Secondo Melania Chiponda di WoMin, donne africane riunite contro l'estrazione di risorse, le donne vivono in condizioni di povertà energetica in un modo molto diverso dagli uomini a causa del loro ruolo nella famiglia e nella comunità. Sono colpiti dalla produzione di energia, in particolare in Sudafrica dall'estrazione e dalla combustione del carbone, con impatti devastanti come l'espropriazione della terra e le ripercussioni sulla salute. Inoltre, le donne che vivono vicino alle centrali elettriche spesso non hanno accesso all'elettricità; è troppo costoso per le donne comuni di base per poterselo permettere.

Attraverso il loro lavoro, WoMin si concentra su queste aree e crea spazi in cui le donne possano raccontare le loro storie e iniziare a immaginare il tipo di sistema energetico che vorrebbero vedere, cercando di organizzare un movimento di sorellanza africana intorno alla povertà energetica. Il coinvolgimento attivo delle donne nel settore energetico è massiccio e dovrebbe anche essere riconosciuto. Forniscono energia alle loro famiglie e alle loro comunità, escogitano piccole tecnologie per cucinare, per l'illuminazione ... ma ciò rimane invisibile. Per WoMin è essenziale portare questo in primo piano.

Quando si guarda al futuro dell'energia in Africa, secondo Melania le soluzioni di energia rinnovabile non hanno funzionato. Alcuni grandi progetti solari, ad esempio, hanno afferrato la terra dalla comunità. Micro-griglie o minigrid, che la comunità potrebbe essere in grado di sostenere potrebbe essere una soluzione, è importante garantire che le persone abbiano sempre accesso.

Intervista a Melania disponibile per saperne di più, clicca qui.

Andrea Torres Bobadilla - responsabilizzare le comunità in un nuovo modello energetico

Andrea Torres Bobadilla ha spiegato il contesto colombiano; il governo ha applicato un modello estrattivista che la gente comune non ha accettato, un approccio che porta a conflitti socio-ambientali diffusi. Chiede: "come possiamo come paese fermare l'estrazione del carbone e fare una transizione verso un modello diverso di energia alternativa e ripristino ecologico delle zone e delle comunità colpite?"

Uno dei problemi da superare, secondo Andrea, è che la Colombia oggi è alimentata dall'idroelettricità, che non è un'energia pulita. Inoltre, in Colombia la sovranità energetica è ancora sfuggente. Oltre il 60% del Paese non ha accesso all'energia. In molte aree non è presente alcun collegamento elettrico. La visione di Tierra Digna è un modello di distribuzione e generazione di energia comunitaria alternativa che dà potere alle comunità e che è compatibile con la geografia nazionale. Le energie dovrebbero essere accessibili a tutti e gestite dalle comunità.

Nel sud della Colombia ci sono casi di piccole comunità che hanno piccoli pannelli solari e sono stati in grado di fornire energia per i loro territori. Finora queste sono state piccole iniziative che hanno gestito in modo indipendente. Andrea ha suggerito che la soluzione sono alternative comunitarie in cui le comunità riprendono il controllo e gestiscono l'energia e il loro accesso all'energia è rispettato.

È disponibile una video intervista con Andrea Torres Bobadilla per saperne di più, clicca qui.

Condividi questo contenuto sui social media