Comunicato stampa - Nuovo rapporto CIDSE "The Climate Urgency: Setting Sail for a New Paradigm" - CIDSE

Comunicato stampa - Il nuovo rapporto del CIDSE "L'urgenza del clima: salpare per un nuovo paradigma"

La rete CIDSE analizza i cambiamenti radicali e urgenti necessari per limitare il riscaldamento globale a 1.5 ° C, esaminando i settori dell'energia e dell'agricoltura e la società nel suo insieme.

L'accordo di Parigi sul clima, firmato dai governi di 2015, pone l'obiettivo di mantenere il riscaldamento "ben al di sotto di 2 ° C e proseguire gli sforzi per limitare questo aumento a 1.5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali". Limitare il riscaldamento globale a 1.5 ° C è necessario e urgente- per vedere le conseguenze del cambiamento climatico non occorre guardare lontano: le ondate di caldo che si sono verificate nel Nord Europa quest'estate ne sono solo un esempio. In altri luoghi, tuttavia, come le zone costiere o le zone tropicali, le conseguenze sono generalmente più forti e più catastrofiche. Gli sforzi attualmente dispiegati dagli Stati non sono adeguati per raggiungere l'obiettivo, e senza un serio cambiamento di rotta la probabilità di limitare il riscaldamento globale è estremamente bassa.

La rete CIDSE, con partner di oltre 120, comprende persone che vedono e vivono ogni giorno le conseguenze dei cambiamenti climatici e stanno testando nuove strategie per adattarsi e lottare per trovare soluzioni. È grazie all'ispirazione fornita dalle loro esperienze che questo nuovo rapporto esplora come a spostamento profondo e rapido nei nostri sistemi alimentari ed energetici, sostenuto da cambiamenti strutturali nello stile di vita potrebbe contribuire notevolmente a limitare l'aumento delle temperature globali medie a 1.5 ° C senza fare affidamento su tecnologie di emissioni negative rischiose e non comprovate o geoingegneria.

La produzione e il consumo di energia sono responsabili dei due terzi delle emissioni totali di gas a effetto serra e dell'80% di CO2. “È estremamente urgente che questo settore entri in un processo di profonda trasformazione, che richiede a eliminazione completa dell'energia da combustibili fossili e un rapido spostamento verso fonti di energia rinnovabile”- ha affermato Giulia Bondi, Climate Justice and Energy Officer presso CIDSE. Allo stesso tempo, povertà energetica deve essere affrontato e l'accesso migliorato, con il finanziamento reindirizzato ai sistemi decentralizzati di energia rinnovabile. Le prove dimostrano che un futuro di energia rinnovabile 100% per tutti è possibile, affrontando i cambiamenti climatici e rafforzando allo stesso tempo le comunità locali. Equità e della gestione della responsabilità comuni ma differenziate sono principi chiave che devono guidare una simile trasformazione per non lasciare indietro nessuno senza cadere nella trappola del greenwashing.

Il cibo e l'agricoltura sono anche responsabili di una grande percentuale delle emissioni globali di GHG (fino allo 50% se prendiamo in considerazione l'intera catena alimentare). Limitare l'innalzamento della temperatura a 1.5 ° C richiede di lavorare su un enorme cambiamento nell'organizzazione dei nostri sistemi agricoli e alimentari, non solo per far fronte alle emissioni ma anche per tenere conto diritto al cibo per tutti. "Crediamo che agroecologia è il modo per allontanarsi da un modello che minaccia la produzione agricola presente e futura e la sicurezza alimentare, raggiungendo l'obiettivo a lungo termine di 1.5 ° C ”, ha affermato Francois Delvaux, Climate & Agriculture and Food Sovereignty Officer presso CIDSE.

Le soluzioni proposte nel campo dell'energia e dell'agricoltura hanno già dimostrato di funzionare su larga scala, a differenza di altre soluzioni come emissioni negative e geoingegneria: processi che comportano un intervento nei cicli del carbonio, dell'acqua e del tempo. Il loro impatto non è chiaro e non esiste alcun piano per discutere di una loro equa distribuzione. Non hanno alcun approccio ecologico o sociologico che dovrebbe essere fondamentale per qualsiasi soluzione climatica duratura e di lungo periodo. Il rapporto analizza attentamente molti dei rischi presentati da queste tecnologie.

Affrontare il settore energetico e agricolo è fondamentale, perché i cambiamenti necessari avvengano in modo coraggioso cambiamento di paradigma è richiesto a più livelli. Dovremmo sfidare le abitudini di consumo e la narrativa della crescita infinita. Dobbiamo mettere in discussione l'attuale inquadramento di sviluppo e progresso, che porta alla distruzione del nostro pianeta. Dovremmo permetterci di immaginare un economia oltre la crescita e prendere in considerazione uno scenario in cui, per affrontare le molteplici crisi ambientali, sociali, economiche e politiche, guardiamo decrescita come approccio sociale alternativo.

Siamo ancora una volta ispirati dai nostri partner nella costruzione di una nuova narrativa per questo - una narrazione che non si basa semplicemente sul consumo. Questo dovrebbe aiutarci a cogliere il significato delle nostre vite, dello stile di vita e delle scelte di consumo nel contribuire alla giusta transizione e responsabilizzare i cittadini nelle loro scelte comportamentali e politiche.

Note agli editori:
Gli autori principali del rapporto Giulia Bondi, Climate Justice and Energy Officer e Francois Delvaux, Climate & Agriculture and Food Sovereignty Officer sono disponibili per le interviste.

Per qualsiasi domanda sui media si prega di contattare: Valentina Pavarotti, CIDSE Media and Communications Officer, pavarotti (at) cidse.org

CIDSE è una famiglia internazionale di organizzazioni cattoliche di giustizia sociale che lavorano insieme ad altri per promuovere la giustizia, sfruttare il potere della solidarietà globale e creare cambiamenti trasformativi per porre fine alla povertà e alle disuguaglianze. CIDSE riunisce organizzazioni membri 18 dall'Europa e dal Nord America e il suo segretariato internazionale ha sede a Bruxelles.

Risorse CIDSE rilevanti:
-I principi di agroecologia
-Lima azione per il bene comune
-Parigi, per le persone e il pianeta
CIDSE-The_Climate_Urgency_Sept_2018_1.pdf
Executive_summary_-The_Climate_Urgency_1.pdf

Condividi questo contenuto sui social media