L'UE deve impegnarsi in modo costruttivo nel Trattato delle Nazioni Unite per le imprese ei diritti umani - CIDSE
© Victor Barro, Friends of the Earth International

L'UE deve impegnarsi in modo costruttivo nel trattato delle Nazioni Unite per le imprese e i diritti umani

© Victor Barro, Friends of the Earth International

Una risoluzione votata oggi dal PE si unisce a un numero crescente di attori che stanno attivamente sostenendo il Trattato vincolante delle Nazioni Unite, tuttavia finora l'UE non si è impegnata abbastanza. In vista di un'importante decisione in seno al Consiglio di 10 di ottobre in merito alla partecipazione dell'UE al processo, è tempo di intensificare!

 

Oggi il Parlamento europeo (PE) ha votato su una risoluzione a favore di un trattato vincolante delle Nazioni Unite come strumento cruciale per tenere sotto controllo le attività delle società transnazionali (TNC) e garantire il primato dei diritti umani e la cura dell'ambiente.

Ci sono troppi esempi di violazioni dei diritti umani che si verificano a seguito delle attività delle società transnazionali, che fino ad oggi sono state in grado di trarre vantaggio da ampi quadri normativi. Il trattato delle Nazioni Unite ha il potenziale per migliorare notevolmente questa situazione. La prossima sessione dell'ente incaricato del trattato, il gruppo di lavoro intergovernativo a tempo indeterminato sulle società transnazionali e altre imprese nel settore dei diritti umani (IGWG), è in arrivo presto (15-19 ottobre) ed è essenziale che vengono fatti dei passi.

Nella sua risoluzione il PE chiede a "tutta l'UE e i suoi Stati membri di impegnarsi in modo autentico e costruttivo in questi negoziati" e "sottolinea l'importanza fondamentale della UE che contribuisce in modo costruttivo al raggiungimento di un Trattato vincolante che affronterà efficacemente la questione della responsabilità delle imprese per violazioni dei diritti umani e relative sfide ”.

In passato l'UE ha cercato di rallentare il processo del trattato, non riuscendo a dimostrare la leadership e la proattività per cogliere il potenziale di uno strumento internazionale giuridicamente vincolante per rafforzare la protezione dei diritti umani. Ora è il momento di mettere le persone al primo posto, garantire loro l'accesso alla giustizia e assicurarsi che le società siano adeguatamente regolate, ponendo fine a un equilibrio asimmetrico che è stato dannoso per molte comunità.

Gli attori della Chiesa hanno sempre più parlato con forza a favore di una regolamentazione più adeguata dei TNC per proteggere i diritti umani. Papa Francesco ha aperto la strada con la sua pubblicazione dell'Enciclica Laudato Si 'in 2015. Nel giugno di quest'anno, l'osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite a Ginevra ha dichiarato in a dichiarazione: "Data la natura transnazionale delle libertà economiche e dei diritti umani, deve essere promossa una solida legislazione transnazionale per sostenere i governi nel loro dovere di proteggere dalle violazioni dei diritti umani di terzi". A marzo, in un'esortazione pastorale, i vescovi del latino L'America ha inviato a chiamata potente esprimendo la necessità di prendersi cura della nostra casa comune, in difesa dei diritti e dei territori delle comunità. Questa chiamata è arrivata dopo molte esperienze negative in America Latina con TNC come compagnie minerarie, che hanno operato con conseguenze disastrose sulla vita e sull'ambiente delle persone, sfuggendo alla responsabilità. Alla luce di tali esperienze, i vescovi europei hanno chiesto l'UE svolgerà un ruolo costruttivo nel processo verso un trattato vincolante.

Altre espressioni recenti di supporto sono questa lettera aperta firmato da più di studiosi ed esperti 150 che sostengono fortemente un Trattato vincolante, dichiarazioni di istituti nazionali per i diritti umani in Francia e Germania, nonché un dichiarazione di posizione dalla Confederazione europea dei sindacati.

Società civile, riunirsi nel mondo Trattato Alleanza, di cui CIDSE è un membro di spicco, hanno sostenuto per anni un Trattato, portando le voci delle persone che vivono direttamente le conseguenze degli abusi corporativi.

L'UE non può non ascoltare una così vasta gamma di attori!

Il prossimo IGWG è una sessione particolarmente cruciale, che segue la pubblicazione di una "bozza zero" del testo del trattato. Il CIDSE considera questo testo un buon punto di partenza per dare il via ai negoziati, ma sottolinea alcuni miglioramenti necessari come la garanzia del primato dei diritti umani nelle politiche commerciali e di investimento, la protezione dei difensori dei diritti umani e la necessità di meccanismi di applicazione più rigorosi ( vedi la nostra analisi per saperne di più, clicca qui).

A ottobre 15-19, saremo a Ginevra a patrocinare un Trattato vincolante insieme ai nostri membri, partner, alleati. Prevediamo che l'UE e i suoi Stati membri parteciperanno alla sessione 4 dell'IGWG, presentando proposte costruttive verso un trattato che può contribuire a porre fine alle violazioni dei diritti umani nel contesto delle attività commerciali.

Contatti:

Valentina Pavarotti, Responsabile Comunicazione e Media Relations, pavarotti (at) cidse.org

Condividi questo contenuto sui social media