Un passo profetico su una lunga strada - CIDSE

Un passo profetico su una lunga strada

Il cardinale Christoph Schönborn, presidente della Conferenza episcopale austriaca, ha annunciato il 22 marzo 2019, la decisione dei vescovi austriaci di cedere entro cinque anni da tutte le attività che estraggono o producono combustibili fossili (carbone, petrolio e gas). Questa decisione include tutti gli investimenti finanziari della Conferenza episcopale, tutte le diocesi austriache e tutte le istituzioni nella loro sfera. L'Austria è la terza Conferenza episcopale dopo che Belgio e Irlanda hanno annunciato pubblicamente la propria decisione di disinvestimento.

Numerosi passaggi precedenti avevano reso possibile questa decisione. Innanzitutto, dopo Laudato Si ', i vescovi hanno deciso in 2015 di elaborare strategie climatiche diocesane. In secondo luogo, la conferenza episcopale ha deciso le linee guida etiche sugli investimenti "Investimenti finanziari come cooperazione" (FINANKO) in autunno 2017 che erano già severi vietando il carbone e il fracking. Queste linee guida saranno ora adeguate escludendo anche petrolio e gas.

Anche per questi passaggi erano necessarie molte interpolazioni: ad esempio gli ufficiali diocesani per l'ambiente non hanno smesso di sensibilizzare i decisori ecclesiastici per la nostra casa comune. Alcuni esperti finanziari hanno lavorato duramente per convincere i loro colleghi delle diocesi sulla dimensione economica della nostra responsabilità. E infine, come KOO abbiamo portato la dimensione internazionale nella discussione. La decisione è il risultato di un vero lavoro di squadra interdisciplinare e di cooperazione e di una buona esperienza per affrontare le prossime sfide.

Oggi le istituzioni 1032 di tutto il mondo hanno sottoscritto impegni di disinvestimento - 28 percento sono organizzazioni basate sulla fede. Quindi, firmando l'impegno di disinvestimento del Global Catholic Climate Movement (GCCM), la Conferenza episcopale austriaca si unisce al movimento di disinvestimento globale di oltre un migliaio di istituzioni. Questo è un passo profetico che di conseguenza segue la verità innegabile, che bruciare tutte le riserve conosciute di combustibili fossili ci porterà a impensabili catastrofi.

Siamo in grado di osservare le conseguenze della massiccia domanda di risorse che innescano quotidianamente crisi ecologiche e sociali nelle condizioni di vita delle persone nei nostri paesi partner, non solo nel sud globale. È inaccettabile che le persone degli altri continenti o dell'intera creazione paghino il prezzo per il nostro stile di vita eccessivo. Come cristiani e le nostre istituzioni abbiamo la responsabilità di prenderci cura della creazione e lavorare per la giustizia globale. Facciamo parte di questa parte della popolazione mondiale che produce la maggior parte delle emissioni di gas serra e quindi, naturalmente, dobbiamo combattere la sua causa principale: l'uso di combustibili fossili.

Questo importante passo mostra lo sforzo coerente dei vescovi austriaci di soddisfare le richieste dell'Accordo sul clima di Parigi. Il riallineamento annunciato degli investimenti finanziari segue l'azione per il clima nei settori dell'energia e degli appalti già decisa in 2015. Tutti questi passaggi danno potere a noi e ai delegati ambientali delle diocesi austriache, che partecipano all'attuazione dell'azione per il clima.

Infine, vorrei evidenziare le parole del vescovo Werner Freistetter, responsabile per gli affari della Chiesa internazionale, che accoglie in questo modo l'annuncio della Conferenza episcopale: “Dal punto di vista dell'ecologia integrale, la logica del profitto non può più essere la unico punto di riferimento per le attività economiche, ignorando gli obblighi morali. Adottando linee guida per gli investimenti etici in 2017, la Chiesa cattolica in Austria ha già fatto un passo importante verso l'allineamento degli investimenti finanziari delle istituzioni cattoliche con la cura della nostra casa comune. Di conseguenza, la nostra recente decisione segue questo percorso. Gli investimenti finanziari delle istituzioni cattoliche non alimenteranno più la crisi climatica ma contribuiranno invece a preservare la creazione. Chiediamo ad altre istituzioni di unirsi al movimento di disinvestimento con i loro impegni al fine di mantenere la nostra casa comune per le generazioni attuali e future. "

Anja Appel è scienziata politica e da un anno direttore dell'ufficio di coordinamento della Conferenza episcopale austriaca (KOO) che è un dipartimento della Conferenza episcopale austriaca, responsabile dello sviluppo e del lavoro missionario. (www.koo.at) KOO è membro di CIDSE - Cooperazione internazionale per lo sviluppo e la solidarietà e di GCCM. Prima lavorava come segretario generale della Movimento delle donne cattoliche. La trovi su Twitter @anjaappel_koo

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange