Le parti interessate europee chiedono un'azione immediata di fronte all'emergenza climatica - CIDSE

Le parti interessate europee chiedono un'azione immediata di fronte all'emergenza climatica

In un modo senza precedenti Invito all'azione per il clima pubblicata oggi, un'ampia coalizione sta esortando i leader europei a prendere misure decisive per rispondere all'emergenza climatica.

Centinaia di città, regioni, imprese, gruppi di giovani e di fede europei e organizzazioni della società civile che lavorano su clima, diritti umani, contenzioso, mobilitazione, sport e salute chiedono ai leader di modificare profondamente il modo in cui gestiamo le nostre società ed economie per limitare l'aumento della temperatura a 1.5 ° C.

L'invito all'azione per il clima arriva prima del dibattito dei capi di Stato e di governo dell'UE sul futuro dell'Europa al vertice di Sibiu su 9 maggio e alle elezioni europee tra 23 e 26 maggio. Si prevede che il cambiamento climatico costituirà una questione centrale in entrambi gli eventi, avendo recentemente acquisito importanza sotto forma di proteste dei cittadini di massa che richiedono un'azione politica.

I firmatari dell'invito all'azione per il clima chiedono che i leader attuali e futuri dell'UE rispondano alla mobilitazione pubblica impegnandosi pubblicamente a rendere l'azione per il clima una priorità per l'Europa durante il futuro dell'Europa e i dibattiti elettorali. L'invito prevede cinque passaggi per il nuovo Parlamento europeo e la Commissione, nonché per tutti i governi degli Stati membri dell'UE:

  1. Impegnarsi ad accelerare le azioni per ridurre le emissioni di gas serra di 2030 e raggiungere le emissioni nette zero il più presto possibile.
  2. Pianificare la fine dell'uso dei combustibili fossili e fornire un forte sostegno all'efficienza energetica, alle energie rinnovabili e ai tagli alle emissioni al di fuori del settore energetico.
  3. Salvaguardare una transizione giusta ed equa e garantire che l'UE aumenti il ​​proprio sostegno ai paesi in via di sviluppo per mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici.
  4. Aumentare gli sforzi per implementare l'economia circolare e aumentare l'efficienza delle risorse.
  5. Riconoscere la protezione della biodiversità e il ripristino degli ecosistemi come componente cruciale dell'azione per il clima.

I firmatari includono alcune delle più grandi reti di città e regioni d'Europa (ad es. C40, Energy Cities, Climate Alliance, Fedarene, CPMR), gruppi aziendali più influenti (ad es. Corporate Leaders Group, Haga Initiative, Climate Leadership Council), la più grande coalizione europea di ONG su clima ed energia (Climate Action Network Europe) e membri di un movimento internazionale di studenti delle scuole che colpiscono (Youth for Climate, Fridays for Future). L'invito per l'azione per il clima con un elenco completo di firmatari e brevi video di qualità con dichiarazioni delle parti interessate che sostengono l'invito per l'azione per il clima sono disponibili sul sito web.

Una citazione di Josianne Gauthier, segretario generale del CIDSE:

“Stiamo già vivendo oltre i nostri confini planetari. Dobbiamo agire con urgenza per trasformare i nostri attuali modelli di produzione e consumo e fare spazio a stili di vita e comportamenti sostenibili. Questi cambiamenti devono riflettersi nella politica e l'Europa deve assumere la leadership e la responsabilità in quanto ciò è una questione di giustizia globale, ambientale, sociale e intergenerazionale. Come attori della fede e organizzazioni di sviluppo, stiamo già assistendo alle dimensioni globali, sociali e umane di questa crisi climatica ".

Una citazione da Mons. Jean-Claude Hollerich, Arcivescovo di Lussemburgo:

"Vorrei chiedere al futuro Parlamento europeo, alla Commissione e agli Stati membri un'azione urgente contro l'azione per il clima. Abbiamo bisogno di un'azione urgente per le nostre famiglie, per i nostri figli, per il futuro delle persone su questa Terra.

In particolare, vorrei chiedere loro di garantire che la transizione a emissioni zero sia giusta, ordinata e vantaggiosa per i membri più poveri della società integrando forti misure sociali e salvaguardando i diritti umani ".

Una citazione da Alfredo Sendim, agricoltore portoghese e attore del caso popolare sul clima e protagonista di Storie di cambiamento:

"Sono un agricoltore in Portogallo da più di 30 anni e oggi sento gli impatti dei cambiamenti climatici nella mia vita quotidiana. A nome di tutte le famiglie e i giovani colpiti dai cambiamenti climatici, invito il nuovo Parlamento europeo, la Commissione a impegnarsi ad aumentare l'obiettivo di 2030 e ridurre le emissioni a zero netto ben prima di 2050. "

Nota: il Bando per l'azione per il clima con un elenco completo di firmatari e brevi video di qualità con dichiarazioni delle parti interessate che supportano il Bando per l'azione per il clima sono disponibili sul sito Web: http://climateactioncall.caneurope.org/

IT-Comunicato stampa Climate Action Call 7 May 2019

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange