CIDSE prima reazione al rapporto HLPE sull'agroecologia - CIDSE

CIDSE prima reazione al rapporto HLPE sull'agroecologia

Oggi, il gruppo di esperti ad alto livello (HLPE) del Comitato delle Nazioni Unite per la sicurezza alimentare mondiale (CFS) sta lanciando il suo rapporto su "Approcci agroecologici e altre innovazioni per l'agricoltura e i sistemi alimentari sostenibili che migliorano la sicurezza e l'alimentazione alimentare". Questo rapporto sarà discusso nella sessione plenaria del CFS di ottobre e dovrebbe portare all'adozione di raccomandazioni in ottobre 2020. Ciò avviene in un momento cruciale in quanto l'agroecologia sta chiaramente guadagnando terreno a livello internazionale; La FAO e l'IPBES hanno entrambi recentemente messo in luce l'alto potenziale dell'agroecologia per raggiungere rispettivamente gli obiettivi di sviluppo sostenibile, l'accordo di Parigi e la convenzione sulla diversità biologica. Il CIDSE ha da tempo combattuto affinché l'agroecologia fosse pienamente riconosciuta e supportata dai governi. A questo proposito, la pubblicazione di HLPE si aggiunge alla ricchezza di relazioni, studi e iniziative che chiedono che l'agroecologia venga inserita nell'agenda politica.

Attualmente stiamo affrontando crisi di origine umana diverse e che si rafforzano a vicenda (clima, biodiversità, fame, disuguaglianze, ...). Il recente rapporto IPCC su 1.5 ° C e la valutazione globale IPBES sulla biodiversità hanno entrambi evidenziato l'urgenza di trasformare radicalmente le nostre società e l'agricoltura. Un tale cambio di paradigma è necessario anche se stiamo seriamente pensando di raggiungere gli obiettivi fissati negli Obiettivi di sviluppo sostenibile, poiché la fame è di nuovo in aumento - il cambiamento climatico gioca un ruolo importante in questa prospettiva. Il rapporto riconosce questo contesto specifico in cui ci stiamo evolvendo e chiede una "profonda trasformazione del nostro sistema alimentare".

La relazione approfondisce diversi approcci che potrebbero contribuire alla transizione necessaria verso sistemi alimentari sostenibili. Ciò che è interessante è che gli autori hanno raggruppato i diversi approcci che hanno analizzato in due gruppi distinti: approcci agroecologici e approcci di intensificazione sostenibile. Siamo lieti di vedere che questo sforzo scientifico globale è riuscito a evidenziare le differenze tra questi approcci in quanto questo è qualcosa che CIDSE ha ripetuto e dimostrato negli ultimi anni. In effetti, CIDSE, insieme a molte altre organizzazioni e scienziati della società civile, ha lottato a lungo per non mettere l'agricoltura intelligente per il clima e l'intensificazione sostenibile allo stesso livello dell'agroecologia.

Per il CIDSE, è abbastanza chiaro che l'intensificazione sostenibile ha un programma riformista mentre l'agroecologia è trasformativa. È chiaro per noi che l'aumento della fame e delle disuguaglianze, l'urgenza del clima e il collasso della biodiversità non possono essere affrontati con un'agenda riformista e un'attenzione limitata all'aumento della produttività attraverso incrementi di efficienza. Il rapporto sottolinea che "è possibile avere un'elevata efficienza nell'uso delle risorse e allo stesso tempo avere un'impronta ecologica negativa", chiedendo che "le pratiche rigenerative anziché degradative" siano la nuova norma.

L'importante ruolo dell'agroecologia per i piccoli agricoltori è anche fortemente evidenziato nel riassunto: “Dato che molti piccoli agricoltori sono vulnerabili all'insicurezza alimentare e alla malnutrizione, incoraggiarli, attraverso un adeguato sostegno pubblico, a utilizzare metodi agroecologici avrebbe un doppio impatto, affrontando entrambi FSN e transizioni simultanee verso SFS ”.

Il rapporto HLPE raccomanda di spostare il sostegno pubblico verso "transizioni verso sistemi alimentari diversificati e resilienti" e di affrontare le "disparità di potere nel sistema alimentare" alle quali l'agroecologia ha dimostrato di contribuire fortemente. Ciò include la necessità di:

- Reindirizzare le sovvenzioni che stanno avvantaggiando pratiche non sostenibili (che potrebbe includere la rimozione delle sovvenzioni per input sintetici),
- Promuovere alternative all'uso di prodotti chimici,
- Esplorazione di modalità per accordi commerciali e regole per sostenere meglio le transizioni verso un'agricoltura e sistemi alimentari più sostenibili,
- Riconoscere l'equità di genere come motore chiave dell'agroecologia e altri approcci innovativi e sostenere le politiche di trasformazione di genere ...


Questo fa eco al recente lavoro di CIDSE: CIDSE ha lavorato su principi di agroecologia e su una transizione verso l'agroecologia e i sistemi alimentari sostenibili che ci consentirebbero di raggiungere l'obiettivo 1.5 ° C. Il rapporto HLPE fa eco a molti dei messaggi che abbiamo condiviso.

infografica di agroecologia

Come spesso sottolineato dal CIDSE, è necessaria una trasformazione dell'intero sistema alimentare sia nel nord globale che nel sud globale. Ciò richiede un approccio integrato e coerente per il quale richiede anche la relazione. Il compito che ci attende è enorme in quanto la riforma dell'attuale sistema non lo farà. È chiaro per noi che devono essere fatte forti scelte politiche. I governi non possono più rifuggire dal porre l'agroecologia al centro, sia nelle politiche nazionali che internazionali.

Note
IPBES: piattaforma intergovernativa di politica scientifica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici
IPCC: gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici
FSN: sicurezza alimentare e nutrizione
SFS: sistemi alimentari sostenibili

Disclaimer
Questo articolo si basa sul riassunto e sulle raccomandazioni del rapporto che sono stati pubblicati alla fine di giugno.

Contatto: François Delvaux, Climate & Agriculture and Food Sovereignty Officer (Delvaux (at) cidse.org)

Condividi questo contenuto sui social media