L'abbiamo visto sul campo, dobbiamo agire dall'estero e oltre - CIDSE

L'abbiamo visto sul campo, dobbiamo agire dall'estero e dall'alto

"L'incombente governo brasiliano ha cercato di minare i diritti umani e le conquiste ambientali ... Alla luce di ciò, il Sinodo di Papa Francesco sulla regione panamazzonica è della massima importanza". 

José Batista Afonso è un avvocato che lavora per la Commissione pastorale della terra (CPT) della diocesi di Marabá a Pará, in Brasile. È stato invitato dall'Unione Europea a venire in Europa come parte del premio per i diritti umani assegnato dall'UE al CPT di Marabá in riconoscimento del lavoro che svolgono per difendere i diritti umani. Lo abbiamo intervistato nel nostro ufficio durante la sua visita. 

Lavoro per il CPT come avvocato e attivista. Il CPT è stato creato dalla Chiesa cattolica e dalla Conferenza nazionale dei vescovi brasiliani negli 1970 per promuovere e difendere i diritti dei contadini durante la dittatura militare. Hanno anche creato altre Commissioni per difendere allo stesso modo i diritti degli indigeni e dei lavoratori. La maggior parte dei team CPT si trova nella regione amazzonica, dove sosteniamo i contadini nella loro lotta per avere accesso alla terra, per garantire che possano mantenere la loro terra e difendere i territori conquistati. Forniamo anche supporto ai difensori dei diritti umani e a coloro che aiutano a proteggere la foresta e ricevono minacce di morte e sono a rischio a causa del loro attivismo.  

La regione amazzonica del Pará, dove lavoro, soffre dell'espansione dell'agroindustria nella foresta amazzonica. L'espansione di attività come l'allevamento estensivo di bestiame, il disboscamento e la coltivazione della soia ha causato gravi danni ambientali e deforestazione; ha portato alla violazione dei diritti dei contadini; e mettere a rischio i difensori dei diritti umani che lavorano in quella zona. Il CPT ha effettuato un monitoraggio annuale dei conflitti nelle aree rurali sin dagli 1970. I dati raccolti dal CPT mostrano che circa il 30% di tutti i conflitti registrati, inclusi decessi, minacce di morte, sfratti violenti, lavoro di schiavi o altre forme di violazione dei diritti umani, si verificano nelle aree di espansione dell'agroalimentare.  

Una quantità significativa di prodotti - soia, minerali, legno, carne bovina e altri - dall'Amazzonia brasiliana viene esportata nel mercato europeo da società multinazionali o società con sede in Europa. Pertanto, è fondamentale che l'ONU e l'UE - e altre istituzioni sovranazionali che promuovono l'applicazione dei trattati internazionali - si assicurino che le aziende che acquistano tali prodotti rispettino i principi fondamentali della protezione ambientale e dei diritti umani nelle loro attività commerciali. Le Nazioni Unite devono applicare la definizione di una serie di regole per garantire che le aziende diventino consapevoli e agiscano in modo responsabile. La società civile ei consumatori in Europa devono anche dimostrare alle aziende che non vogliono prodotti che sono stati fattori di deforestazione in Amazzonia o che violano i diritti fondiari della comunità locale. In tal modo, aiuteranno a porre fine a queste attività distruttive. 

Attualmente ci troviamo di fronte a un'espansione senza precedenti dell'agroindustria spinta dalla mentalità e dalle politiche del governo brasiliano in carica. Hanno minato una serie di diritti umani e risultati ambientali che sono stati garantiti con grande difficoltà nei governi precedenti. Ciò mette a rischio le risorse forestali, gli ecosistemi e la vita stessa delle popolazioni locali. Nonostante la resistenza delle popolazioni locali, finora non sono stati in grado di garantire la delimitazione delle terre indigene, ottenere diritti di terra completi sui territori occupati dai discendenti delle popolazioni schiavizzate, ottenere la delimitazione di tratti di terra delle comunità delle sponde dei fiumi e promuovere la conservazione di unità di conservazione ambientale e riserve naturali. Per dirla brevemente, non sono stati in grado di salvaguardare risultati importanti per proteggere l'Amazzonia e difendere i loro popoli, tradizioni e diritti.  

Alla luce di tutto ciò, crediamo che l'imminente Sinodo di Papa Francesco nella regione panamazzonica sia della massima importanza. È più che un appello alla Chiesa a difendere l'Amazzonia e i diritti delle sue popolazioni. Si tratta di espandere la consapevolezza dei benefici dell'Amazzonia per l'umanità nel suo insieme; non è un dono solo per i paesi che condividono la foresta amazzonica. L'Amazzonia è un patrimonio universale che deve essere protetto da tutti su questo pianeta, da tutti noi, indipendentemente dal luogo in cui viviamo o dal paese di provenienza. La Madre Terra, come la chiamiamo, insieme ai suoi popoli, ai loro mezzi di sussistenza, alle loro vite, ai loro fiumi e alla loro foresta, deve essere preservata per il bene dell'umanità. 

Fonte foto: Pagina Facebook di CPT

Condividi questo contenuto sui social media

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.