L'UE dovrebbe sostenere i difensori dell'amazzonia - CIDSE

L'UE dovrebbe sostenere i difensori dell'Amazzonia

A giugno 18 e luglio 5 CIDSE e le sue organizzazioni membri CAFOD e MISEREOR hanno dato il benvenuto a due delegazioni di partner brasiliani che sostenevano che l'UE rispettasse i propri impegni a favore della protezione dell'Amazzonia e dei suoi popoli. Jose Batista del CPT Marabá (Commissione pastorale della terra di Marabá) e Cleber Buzatto e Adriano Karipuna del CIMI (Consiglio missionario indigeno), hanno condiviso informazioni di prima mano sulle realtà e le pressioni affrontate dalle comunità locali e dalle popolazioni indigene in due angoli distanti dell'Amazzonia brasiliana. Tali driver e pratiche simili mettono in evidenza la natura sistematica delle dinamiche tra abusi corporativi e negligenza dello Stato, alimentata dalla corruzione e dall'impunità, che favoriscono la scia della devastazione.  

Ampie aree dello stato di Pará soffrono di deforestazione illegale e accaparramento di terre e manodopera in costante aumento, dovuta principalmente all'allevamento di bestiame e all'agricoltura su larga scala. Intensi conflitti tra governo, contadini della zona, gruppi indigeni e allevatori per i diritti dei terreni sono stati esacerbati dalla domanda di carne bovina proveniente dall'Europa e dalla soia dalla Cina, tra le altre materie prime.   

Il Pará è anche una regione ricca di risorse minerarie, esporta alluminio, legno, minerali di ferro e altri metalli estratti sia attraverso l'estrazione legale che illegale. La mancanza di controllo da parte del governo e le richieste più rigorose di Due Diligence da parte dei mercati internazionali rendono impossibile sapere quanto sia intricata la loro produzione. Inoltre, la diga di Belo Monte proposta per essere costruita sul fiume Xingu è una minaccia imminente per l'habitat di un'area relativamente incontaminata della foresta pluviale del Pará e metterebbe in pericolo diverse specie endemiche, in ultima analisi, a scapito dell'intera foresta pluviale.  

Il Brasile rappresenta il più chiaro esempio di regressione dei diritti umani nella regione, manifestato da un'agenda pubblica incentrata sulla sicurezza e da discorsi di odio nei confronti degli Hrd. I principali risultati in tutti i settori dei diritti umani negli ultimi vent'anni rischiano di essere annullati da un politico conservatore di destra ".

Rapporto 2018 di Frontline Defenders

 Inoltre, i cambiamenti politici interni vanno dallo smantellamento del ministero dell'Ambiente e dai tentativi di modificare il codice forestale per istituire una politica fondiaria rurale - promossa da proprietari terrieri e allevatori di bestiame - alla revisione dell'attuale delimitazione del territorio allo scopo di terminare Riserve indigene, sono alcune delle espressioni della rapida decostruzione delle politiche di protezione dell'ambiente e delle minoranze.

Di conseguenza, la situazione dei difensori dei diritti umani e ambientali è notevolmente peggiorata, secondo il CPT, 2017 è stato l'anno più mortale mai registrato con circa omicidi 711. Ciononostante, l'accordo UE-Mercosur è stato concluso in un periodo di garanzie scarse o nulle per le comunità che difendono i suoi territori dagli impatti negativi del commercio internazionale all'interno di un regime privo di legislazione internazionale vincolante per proteggere i diritti umani e ambientali.

Allo stesso modo, nello stato di Rondônia, il gruppo indigeno Karipuna fare crescente espulsione, perdita del loro territorio e gonfiore della violenza2 a causa del disboscamento illegale e del land grabbing - 1300-4000 ha negli ultimi due anni da invasori armati, che sono stati esplicitamente supportati dall'attuale leader del governo Jair Bolsonaro3. I gruppi indigeni in tutto il Brasile stanno resistendo a una nuova fase di sfratti da territori già delimitati. Ciò è stato aggravato dai ricorrenti tentativi del presidente brasiliano di trasferire il compito di delimitare le terre indigene dalla National Indian Foundation (FUNAI) al Ministero dell'Agricoltura, dove gli interessi dei proprietari terrieri su larga scala sono fortemente rappresentati4

Anche gli impatti ambientali delle manovre del nuovo governo sono stati spaventosi. Misurazioni comparative di 2018 e 2019 di giugno mostrano che c'è stato un aumento di 88% nella deforestazione dell'Amazzonia (circa 2072,03 km2 della foresta pluviale)5 e nuovi agenti tossici per l'agro sono stati trovati nel suolo e nelle fonti idriche che incidono direttamente sui mezzi di sussistenza e incidono negativamente sulle condizioni di salute delle comunità e dell'Amazzonia6. Una tale devastazione enorme indica chiaramente che il governo brasiliano non sta adottando le misure necessarie per adempiere agli impegni dell'accordo di Parigi, una condizione che si ritiene essere cruciale per la conclusione dell'accordo del Mercosur che deve ancora essere ratificato dagli Stati membri ma concordato da l'UE indistintamente.  

Queste sono circostanze estremamente minacciose e delicate per le popolazioni indigene in Brasile che proteggono i loro territori e la loro natura. “La prioritizzazione non indigena del profitto sulla vita e sulla natura provoca diversi tipi di morte, dalla morte fisica alla spirituale morte della nostra esistenza. I popoli indigeni hanno resistito per oltre 500 anni e continueranno a farlo per proteggere la foresta ”ha dichiarato il leader indigeno Adriano Karipuna durante uno degli incontri con i rappresentanti dell'UE. 

Posizione approssimativa delle popolazioni indigene in isolamento volontario o primo contatto

Allo stesso modo, Lino Joao e Beatriz Huertas della delegazione sui popoli indigeni nell'isolamento volontario di REPAM (Ecclesial Pan Amazonian Network) ha espresso preoccupazione in particolare per questi gruppi. Si calcola che circa i popoli 200 siano isolati nel continente americano,7 alcune stime indicano che 1508 di loro vivono nella regione amazzonica. Tuttavia, la stragrande maggioranza di essi non è riconosciuta dai governi nazionali, privandoli of protezione nell'ambito di quadri giudiziari e territoriali che stabiliscono specificamente, ad esempio, la delimitazione dei loro territori transfrontalieri tradizionali assicurando loro il diritto di esistere. Considerando che queste persone non mantengono contatti, non sono in contatto tra loro e, quindi, non conoscono nemmeno la legge che le tutela, le loro possibilità di autodifesa e l'osservanza del Principio di Precauzione sono praticamente inesistenti9. Popoli indigeni in isolamento volontario, anche chiamato Popoli Liberi, sono soggetti a serie minacce, come la deforestazione, il disboscamento illegale, l'estrazione industriale e artigianale, l'agricoltura su larga scala, il land grabbing che si traduce in maggiori pressioni sull'accesso a cibo, acqua e distacco forzato dai loro luoghi sacri, tra gli altri. I Popoli Liberi hanno preso questa decisione a causa delle situazioni traumatiche che hanno vissuto e dovrebbero essere garantiti il ​​diritto all'autodeterminazione e un dignitoso esistenza. 

In seguito alla presentazione delle realtà che devono affrontare le loro comunità, i delegati di CPT e CIMI Brasile hanno formulato chiare raccomandazioni e richieste all'UE di agire a sostegno delle loro lotte facendo leva sulla sua posizione in tre aree relative a: 

Affari e diritti umani 

  • Rendere le società europee responsabili nei confronti della legislazione europea nelle loro operazioni all'estero e per tutta la portata delle loro catene di approvvigionamento e di valore. È necessaria una legge rigorosa sulla diligenza dovuta in materia di diritti umani e ambientali obbligatoria in tutta Europa.
  • Impegnarsi in modo costruttivo on i negoziati per un trattato vincolante delle Nazioni Unite sulle società transnazionali e altre imprese per quanto riguarda i diritti umani come strumento praticabile per sancire nel diritto internazionale il primato dei diritti umani e i meccanismi urgenti per l'accesso alla giustizia e la prevenzione assenti nell'attuale commercio e investimenti regime.
  • Chiedere alle aziende dell'UE di non procurarsi i propri prodotti da fornitori collegati alla deforestazione, all'accaparramento di terre native o alla violazione dei diritti umani. I meccanismi e le procedure di controllo devono essere rigorosi quanto quelli per soddisfare i criteri di sicurezza e di risanamento.
  • In accordo con lo spiritoh la promozione dei valori europei richiede alle imprese europee di applicare le misure necessarie per garantire che le popolazioni indigene siano adeguatamente consultate e che la loro voce sia ascoltata nei negoziati e nel processo.
  • Per quanto riguarda le popolazioni indigene in isolamento volontario, l'espressione di ILO 169 è anche il riconoscimento del loro diritto all'autodeterminazione. L'esercizio appropriato del diritto al consenso non deve essere contattato e i loro territori mantenuti conservati per qualsiasi considerazione di un progetto estrattivo.

Commercio e investimenti

Se l'accordo UE-Mercosur deve proseguire,

  • Richiedere il primato di una clausola sui diritti umani e ambientali.
  • Proteggere i popoli che hanno protetto la foresta per secoli applicando quadri giuridici internazionali come l'accordo di Parigi, la Carta della sostenibilità dell'UE e la Convenzione OIL 169. In aggiunta, sostenere le proprie attività economiche delle popolazioni indigene come parte centrale dell'attuazione e nell'ambito dei quadri europei di cooperazione allo sviluppo.
  • Rafforzare la clausola precauzionale. Allo stato attuale non è sufficiente per le sfide della dinamica commerciale. Sono inoltre necessari un sistema di monitoraggio efficiente, adeguati meccanismi di partecipazione per la società civile e i gruppi indigeni e sanzioni esplicite.
  • In termini di impatto specifico per le popolazioni indigene, dovrebbero esistere una clausola e un meccanismo speciali per stimare e affrontare i rischi e gli impatti sui territori indigeni.
  • Clausola di responsabilità / responsabilità per il governo di garantire la legalità dei prodotti importati nell'UE e che la loro origine non proviene da territori invasi. 

Politiche internazionali 

  • Costringere il governo di Bolsonaro a rispettare le norme internazionali in materia di diritti umani e protezione ambientale e imporre le sanzioni corrispondenti in caso di inosservanza.
  • Contribuire a una risposta multilivello sfruttando il ruolo dei governi, delle CSO, della chiesa e del settore privato per porre fine agli impatti negativi del commercio sulla natura e sui diritti umani
  • Sostieni Papa Francesco e il Sinodo sulla regia panamazzonicao aprendo la porta a un livello più elevato di protezione dell'Amazzonia dalla chiesa di tutto il mondo.
  • Aumentare la pressione internazionale e la responsabilità nei confronti del regime di Bolsonaro. Invita il governo brasiliano a adempiere i suoi impegni ai sensi dell'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.
  • I popoli amazzonici proteggono l'Amazzonia per tutta l'umanità. Supportare e proteggere le popolazioni amazzoniche e le organizzazioni per i diritti umani e ambientali che difendono la regione.

Remissioni per il Sinodo 

  • I CSO sono chiamati a politicizzare il Instrumento Laboris ed enfatizzare la responsabilità della chiesa da una giungla / foresta all'altra.
  • Solleva il messaggio dell'assoluta necessità di smettere di distruggere l'Amazzonia e i suoi popoli come premessa per un'azione istituzionale all'interno della chiesa.
  • Devono essere incoraggiate le relazioni intra-ecclesiastiche, i cristiani di altre confessioni sono la maggioranza nell'amazzonia brasiliana, seguiti dai cattolici e non dai popoli evangelizzati. La chiesa deve tuttavia prendere una posizione chiara e forte dalla parte delle comunità e non girare la coda ai conflitti
  • Dare direzione alla solidarietà e al sostegno con una prospettiva per il futuro dopo il Sinodo
  • Per essere la chiesa del popolo, la nostra esperienza deve risuonare con la loro esperienza, quindi la chiesa dovrebbe essere in grado di vedere le conseguenze devastanti delle attività estrattive nella vita delle persone più vulnerabili.
Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange