È tempo che l'UE e gli Stati membri si impegnino in modo costruttivo sul progetto di trattato rivisto - CIDSE

Tempo per l'UE e gli Stati membri di impegnarsi in modo costruttivo sul progetto di trattato rivisto

Più che mai, i cittadini si stanno mobilitando per agire per fermare i cambiamenti climatici e le attività aziendali che danneggiano il nostro ambiente condiviso, la salute e il futuro. Gli incendi in Amazzonia indicano la complicità delle attività estrattive, agroalimentari e dell'industria alimentare nella domanda e nell'offerta di prodotti e materiali che causano la deforestazione e la violenza contro i difensori dei diritti umani e le popolazioni indigene. Questi eventi mostrano perché è necessario un accordo internazionale per rispondere al danno che le società transnazionali e le catene del valore globali possono causare, e per affrontare l'insufficiente regolamentazione da parte dei governi nazionali dell'attività corporativa transnazionale.

Il gruppo di lavoro intergovernativo (IGWG) ci offre l'opportunità tempestiva di compiere progressi con uno strumento giuridico a livello internazionale in grado di integrare e rafforzare le norme nazionali e regionali, ad esempio con i molteplici sviluppi in materia di diritti umani obbligatori e due diligence ambientale.

Questa settimana, durante la quinta sessione dell'IGWG, i governi hanno la possibilità di negoziare un trattato che richiede alle società e alle imprese transnazionali di ogni paese di rispettare il nostro pianeta e i nostri diritti umani. Esiste ora un progetto rivisto sul tavolo, che si basa su input statali ed esperti, e risponde alle preoccupazioni sostanziali sollevate in precedenza dall'UE.

I cittadini europei di 600.000, così come il Parlamento europeo, chiedono che l'UE e i suoi Stati membri agiscano in buona fede e lavorino per elaborare un trattato per garantire che le imprese rispettino i diritti umani. La Commissione non può continuare a fare affidamento sui pretesti procedurali (cioè le critiche al processo) per nascondere il fatto che non riesce a negoziare. Gli Stati membri non possono nascondersi dietro la Commissione. Guardiamo ai nostri Stati membri per assumere la leadership per sviluppare un posizionamento comune su questioni prioritarie per i cittadini.

Le organizzazioni europee che invocano il Trattato, composte da ONG per i diritti umani e l'ambiente, sindacati e gruppi di fede, desiderano che l'UE e i suoi Stati membri sviluppino la loro posizione sul Progetto rivisto in un processo trasparente e inclusivo e partecipino in modo costruttivo ai negoziati formali di questa settimana sessione.

La mancanza di un sostanziale impegno dell'UE nel processo del trattato delle Nazioni Unite è in netto contrasto con la forte spinta dell'UE per l'espansione e il rispetto dei diritti degli investitori negli accordi bilaterali. Questa settimana a Vienna, gli Stati membri dell'UE svolgeranno un ruolo attivo nel gruppo di lavoro di Unito Commissione delle Nazioni Unite sul diritto commerciale internazionale. Piuttosto che dare ulteriore priorità agli interessi aziendali rispetto ai diritti delle persone e all'ambiente, l'UE dovrebbe investire quel livello di impegno e impegno per la protezione contro le attività commerciali dannose.

Il processo del trattato sta andando avanti, il numero di attori che sostengono il processo del trattato sta crescendo sia nell'UE che a livello globale. Riteniamo che la Commissione europea, i deputati al Parlamento europeo e gli Stati membri dispongano di preziose competenze ed esperienze che contribuiranno a definire un trattato vincolante efficace. Più a lungo l'UE e Membro Gli Stati restano fuori dai negoziati, minore sarà l'influenza che avranno sul risultato; mentre l'UE, gli Stati membri e le imprese europee saranno sicuramente influenzati dal corso delle discussioni.

La partecipazione della società civile è stata al contempo un motore e un punto di forza di questo processo. La società civile deve continuare a essere in grado di partecipare attivamente, poiché sono fondamentali per far avanzare il processo e garantire uno strumento incentrato sui diritti delle persone colpite. Prevediamo che l'UE e i suoi Stati membri promuoveranno la partecipazione della società civile durante un processo di trattato aperto e trasparente.

Il termoprotettore La sessione 5th IGWG di ottobre è un prossimo passo cruciale in questo processo. Saremo presenti come società civile a Ginevra e manterremo la pressione su tutti gli Stati affinché proseguano i lavori attraverso 2020 e perseguano senza indugio la messa a punto e l'adozione del Trattato.
firmatari:

  1. 11.11.11 (Belgio)
  2. ActionAid France
  3. Action Solidarité Tiers Monde (ASTM)
  4. Afrikagrupperna (Svezia)
  5. Amis de la Terre France (Amici della Terra Francia)
  6. Pane per il mondo
  7. Broederlijk Quota
  8. BUND (Friends of the Earth Germany)
  9. CAFOD
  10. CCFD - Terre Solidaire
  11. CIDSE (famiglia internazionale di organizzazioni cattoliche di giustizia sociale)
  12. Coalizione CORE
  13. DKA Austria
  14. Campagna Clean Clothes
  15. CNCD-11.11.11 (Centre National de Coopération au Dévelopment - Belgique)
  16. Corà Network on Corporate Accountability (Germania)
  17. Corporations-Zero Tolerance
  18. Ekumenická Akademie/ Ecumenical Academy (Repubblica Ceca)
  19. Entraide et Fraternité (Belgio)
  20. Fondazione di giustizia ambientale
  21. Collezionismo etico su l'étiquette
  22. Ufficio europeo dell'ambiente
  23. Fairwatch (Italia)
  24. FIAN Belgio
  25. FIAN International
  26. Finnwatch
  27. Friends of the Earth Europe
  28. Focus Association for Sustainable Development
  29. Azione globale (Danimarca)
  30. Global Justice Now
  31. Forum politico globale
  32. Institute of Global Responsibility (IGO) - Polonia
  33. Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH)
  34. Jordens Vänner (Friends of the Earth Svezia)
  35. Lavoro dietro l'etichetta
  36. Latinamerikagrupperna
  37. Maan ystävät (Friends of the Earth Finlandia)
  38. Mani Tese (Italia)
  39. Medico International Germany
  40. Milieudefensie (Friends of the Earth Paesi Bassi)
  41. National Society of Conservationists (Friends of the Earth Ungheria)
  42. Nazemi (Repubblica Ceca)
  43. NeSoVe - Netzwerk Soziale Verantwortung
  44. New Wind Association (Finlandia)
  45. NOAH Friends of the Earth Danimarca
  46. Notre affaire à tutti
  47. Istituto polacco per i diritti umani e le imprese (PIHRB)
  48. Pro Ethical Trade Finland
  49. Pro Natura - Friends of the Earth Svizzera
  50. Sherpa
  51. SOMO (Centro di ricerca sulle multinazionali (SOMO)
  52. Ferma la campagna TTIP CETA Italia
  53. Südwind Austria
  54. Transnational Institute (TNI)
  55. Trócaire
  56. TROCA (Portogallo)
  57. Védegylet Egyesület / Protect il futuro Ungheria
  58. War on Want
Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange