I cardinali al Sinodo chiedono l'ambizione sul clima: "L'inazione è un crimine nei confronti dell'umanità e della natura" - CIDSE

I cardinali al Sinodo chiedono l'ambizione per il clima: "L'inazione è un crimine nei confronti dell'umanità e della natura"

Un appello del Sinodo per l'Amazzonia per un'azione urgente sul clima

I leader della Chiesa cattolica di tutti i continenti, che si sono riuniti di recente in Vaticano per il Sinodo dei vescovi in ​​Amazzonia, hanno lanciato un appello del Sinodo per un'azione urgente sul clima, facendo eco al grido del popolo dell'Amazzonia e della foresta stessa. A una settimana dalla Conferenza sul clima delle Nazioni Unite a Madrid, in Spagna (COP25), CIDSE sostiene il loro messaggio esprimendo profonda preoccupazione per il cattivo stato di impegno e attuazione dalla conferenza dell'anno scorso; L'invito afferma che alcuni paesi non stanno negoziando nello spirito dell'accordo di Parigi.

“Siamo qui uniti al Sinodo dei vescovi “Amazzonia: nuovi percorsi per la Chiesa e per l'ecologia integrale”. Sentiamo il grido della gente che vive da e con i territori amazzonici e il grido della foresta stessa.

La sofferenza delle persone e la creazione nella regione amazzonica sono le conseguenze di uno stile di vita imperiale. L'economia esternalizza ripetutamente le conseguenze della sua produzione ad altri: attraverso un'economia estrattiva da cui siamo così dipendenti, per l'agricoltura, i trasporti e l'energia, per soddisfare il nostro consumo e produzione insaziabili che ora sta distruggendo il nostro pianeta e minacciando la vita di quelli che cercano di proteggere la terra. Ciò che vediamo in Amazzonia è come un laboratorio per l'intero pianeta.

"Il cambiamento climatico rappresenta una delle principali sfide che l'umanità deve affrontare oggi".

(LS 25)  

L'Amazzonia sull'orlo

I popoli dell'Amazzonia stanno assistendo ai segni: stanno vivendo siccità, calore e altri cambiamenti significativi in ​​Amazzonia poiché la costante erosione della copertura arborea - di cui l'20% è già distrutto - indebolisce il ruolo della foresta pluviale nel generare abbastanza nuvole per alimentare nuovamente le foreste dell'Amazzonia e molto oltre l'Amazzonia con la pioggia. La foresta amazzonica è in crescente pericolo di degradarsi in una savana.

Per i popoli dell'Amazzonia, la scienza è reale: il riscaldamento globale e la deforestazione sono fenomeni che si aggravano a vicenda. Man mano che la capacità della foresta di assorbire il carbonio diminuisce, le conseguenze si fanno sentire sul clima del pianeta e, inversamente, il riscaldamento globale sta accelerando il processo di "savannizzazione".

Siamo a un bivio

Se l'umanità non riesce a mitigare il cambiamento climatico, i punti di ribaltamento come quello in Amazzonia possono raggiungere un punto di non ritorno e potenzialmente mandare la Terra in una spirale di cambiamenti climatici in fuga modificando la faccia della nostra casa comune.

Il rapporto speciale dell'IPCC dello scorso anno sull'1.5 ° C era chiaro sulle scelte che l'umanità deve attualmente affrontare: le comunità più vulnerabili sulla terra continueranno a subire gli effetti a un ritmo crescente. Il tempo sta finendo. Per raggiungere lo zero netto entro il 2050 in tutto il mondo, abbiamo solo pochi anni per ridurre radicalmente le nostre attuali emissioni di CO2.

Come hanno dimostrato gli scenari IPCC, non manca idee - giusto, sostenibile e ben studiato - affinché i governi attuino una transizione ecologica. Molte comunità hanno una vasta esperienza ed esperienza in modelli innovativi di produzione di cibo ed energia che hanno dimostrato di funzionare su larga scala, come l'agroecologia e i sistemi democratici di energia rinnovabile. Non si tratta di conoscenza; riguarda l'implementazione.

Le soluzioni basate sulla natura possono contribuire in modo significativo a rimanere entro 1.5 ° C a temperature globali medie evitando emissioni da deforestazione, degrado delle foreste e perdite degli ecosistemi delle zone umide, ripristinando terreni degradati e ridimensionando i sistemi agroecologici e garantendo diritti e territori alla terra e Popolazioni indigene.

Non c'è motivo di ricorrere a sperimentazioni speculative, potenzialmente catastrofiche con la geoingegneria. E abbiamo serie preoccupazioni su altre false "soluzioni": "Vi è una crescente consapevolezza che il progresso scientifico e tecnologico non può essere equiparato al progresso dell'umanità e della storia, un senso crescente che la strada per un futuro migliore si trovi altrove" (LS113) .

Il governo, le imprese e la società hanno ritardato l'azione per troppo tempo, mentre i vulnerabili soffrono e il nostro pianeta brucia letteralmente davanti ai nostri occhi. Meritano una risposta e una risposta alle loro chiamate, poiché abbiamo solo un pianeta su cui vivere. 

L'inazione è un crimine nei confronti dell'umanità e della natura

Con questa dichiarazione, riaffermiamo la dichiarazione dei dirigenti della Chiesa dei gruppi continentali di conferenze episcopali dell'anno scorso, per finalizzare il Regolamento di Parigi, e da allora esprimiamo le nostre profonde preoccupazioni per il cattivo stato di impegno e attuazione. Contributi determinati a livello nazionale (NDC) a malapena rappresentare un terzo della riduzione delle emissioni necessaria per limitare il riscaldamento globale a 1.5 ° C e consentire invece un riscaldamento di oltre 3.5 ° C.

Siamo preoccupati di apprendere che alcuni paesi non stanno negoziando nello spirito dell'accordo di Parigi, ma continuano ad agire nell'interesse personale aprendo scappatoie ai sensi del Carbon Trading Rules, senza accettare garanzie sociali e ambientali.

Siamo delusi dalla mancanza di onestà e trasparenza poiché i governi continuano a riaffermare il loro impegno ai sensi dell'accordo di Parigi mentre le loro politiche parlano al contrario. E siamo rattristati dal fatto che le comunità più vulnerabili e le generazioni future pagheranno ancora una volta il prezzo della nostra inazione, con pochissimi finanziamenti da adattare e ancora nessun meccanismo all'orizzonte per compensare perdite e danni causati dai cambiamenti climatici.  

Abbiamo bisogno dell'azione per il clima

Non saremo in grado di alleviare la povertà e garantire la dignità umana per tutti senza riconoscere l'interconnessione tra noi stessi e la natura, con la natura che è la nostra fonte di vita. Allo stesso modo, non affronteremo i cambiamenti climatici senza affrontare i fattori sociali, economici e politici che guidano il nostro attuale percorso di sviluppo, mettendoci in contrasto con la stabilità del pianeta da cui dipendiamo.

L'umanità ha già un grande debito storico nei confronti delle popolazioni indigene e attraverso la nostra inazione, questo debito sta crescendo e toccando centinaia di milioni di persone in tutto il mondo che potrebbero perdere le loro case, culture e stile di vita a causa degli effetti devastanti del clima modificare.

Mentre ascoltiamo le voci dell'Amazzonia, possiamo percepire la stessa urgenza che sentiamo dalle voci coraggiose del movimento per il clima giovanile. Ci impegniamo a sostenere il loro movimento in tutto il mondo, a chiedere ai leader politici di impegnarsi a cambiare radicalmente il nostro stile di vita per salvare la nostra Casa Comune, per l'Amazzonia e altri biomi critici in tutto il mondo, nel Congo Bassin, in Asia, e Oceania.

Siamo convinti che questo processo sinodale, iniziato ascoltando le voci dell'Amazzonia, contribuirà a costruire una Chiesa impegnata nella cura del creato, in difesa dei difensori dell'ambiente e dei diritti umani, impegnata contro la violenza e lo sfruttamento. La Chiesa stessa è impegnata in questa transizione ecologica verso uno stile di vita più sostenibile.

"La nostra fede deve essere più forte della nostra paura del cambiamento."

FIRMATARI

  • Cardinale Fridolin Ambongo Besungu (Repubblica Democratica del Congo)
  • Cardinale Pedro Ricardo Barreto Jimeno (Perù)
  • Cardinale Oswald Gracias (India)
  • Cardinale Jean-Claude Hollerich (Lussemburgo)
  • Cardinale Cláudio Aury Affonso Hummes (Brasile)
  • Cardinale John Ribat (Papua Nuova Guinea)
  • Cardinale Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga (Honduras)
  • Arcivescovo Héctor Miguel Cabrejos Vidarte (Perù)

Le note a piè di pagina complete sono disponibili nel PDF.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange