Condividere l'energia per il cambiamento - CIDSE
Tavola Rotonda ENERGIA DA CAMBIARE Roma

Condividere l'energia per cambiare

Lo scorso ottobre, durante il Sinodo dell'Amazzonia a Roma e come evento di “Casa comune AmazonA", CIDSE con la sua campagna "Cambiamento per la cura del pianeta per le persone", organizzato in Sala Marconi (Notizie Vaticane) con FOCSIV e FASTENOPFER e con il sostegno della fondazione KR, la proiezione del documentario "Energia per il cambiamento" sottotitolato in italiano (il documentario “Energy to Change” è disponibile anche con sottotitoli in DE - ES - FR - IT - NL - PT). Dopo la proiezione c'è stato un tavola rotonda con la partecipazione di alcune persone coinvolte nella produzione del film e l'apertura del dibattito con il pubblico.

Il modo in cui le persone producono e accedono all'energia è un aspetto cruciale della vita, perché l'energia è essenziale per il nostro benessere e allo stesso tempo dobbiamo evitare i cambiamenti climatici per salvare la vita sulla terra

L'evento è stato presentato da Chiara Martinelli e  Patricia Pedrosa, la regista (Portogallo) e hanno presentato il resto dei partecipanti alla tavola rotonda:

  • Stefan Salzmann, Responsabile per il clima e l'energia, Sacrificio Quaresimale (Svizzera)
  • Fr. Herman Augustyns, sacerdote di St. Anne Parish (Belgio)
  • Francesca Novella, Ufficiale di polizia, Focsiv
  • Nag Sateré, COPIME - Coordinamento delle popolazioni indigene di Manaus e dintorni (Brasile)
  • Con la partecipazione del pubblico di Pablo Fajardo (Avvocato dell'UDAPT, Associazione delle vittime di Texaco (Ecuador).

Il documentario Energy to Change segue sei storie sulle scelte energetiche personali delle comunità e delle persone in tutto il mondo. Dalla guida in bicicletta alla difesa dell'Amazzonia dalle dighe idroelettriche, questi eroi stanno facendo la loro parte per una transizione energetica che rispetti i bisogni delle persone e del pianeta. Subito dopo la proiezione, c'era una tavola rotonda con le persone coinvolte nella produzione del film e uno spazio per domande aperte da parte del pubblico.

Il documentario è stato presentato da Patricia Pedrosa, la regista da Portogallo. Patricia si è concentrata sul suo lavoro e sui messaggi dietro al film. I suoi studi antropologici hanno permesso una profonda relazione con alcuni dei personaggi principali, condividendo chiaramente i motivi alla base delle loro scelte. Il documentario è come essere accolti nelle case dei loro personaggi, nella loro vita quotidiana e dialogare con loro.

La prima persona che ha condiviso la sua esperienza è stata Stefan Salzmann, Climate and Energy Officer, Fastenopfer (Svizzera). Ha iniziato a parlare di Kalkbreite, la cooperativa nel cuore di Zurigo che dimostra che chi condivide può avere molto senza possedere molto. In questo modo, le persone possono godersi una buona vita senza abusare delle risorse del pianeta. “Non devi essere un campione della rinuncia con indosso calzini di lana se vuoi vivere ecologicamente”. Nella struttura sono presenti anche appartamenti per famiglie singole e singoli. Inoltre, ogni casa può essere costruita in questo stile: è sufficiente la volontà di seguire questo percorso. Una bella vita è possibile, in linea con il comportamento ecologico: questo è esattamente il potenziale di questo progetto. Questa soluzione di vivere semplicemente gli consente di dedicare meno tempo al lavoro retribuito e di trascorrere più tempo con i suoi due figli.

Fr. Herman Augustyns ha condiviso la storia e il concetto alla base di Sint-Anna-ten-Drieën, una delle eco-chiese delle Fiandre. Sono già stati effettuati investimenti in 45 pannelli solari sul tetto della chiesa, un pozzo per l'acqua piovana per il riutilizzo dell'acqua piovana per il drenaggio dei servizi igienici e la pulizia della chiesa, una corsia di smistamento per la raccolta differenziata dei rifiuti. In questa chiesa viene promosso anche l'uso delle biciclette per le biciclette con parcheggio biciclette sicuro, un'area pic-nic per i passanti, una fontana per l'acqua potabile e la possibilità di ricaricare le biciclette elettriche. Dalla chiesa parte anche la pista ciclabile della chiesa. Questa chiesa moderna non è utilizzata esclusivamente per il culto. Ogni anno ci sono anche circa 20 concerti e 1-3 mostre.

Francesca Novella, Policy Office presso Focsiv, ha presentato la “GUIDA PER LE COMUNITÀ E LE PARROCCHIE ECOLOGICHE”. Questa Guida è il risultato del lavoro di traduzione e adattamento da parte della FOCSIV, in collaborazione con Retinopera e l'Ufficio Nazionale per i Problemi Sociali e il Lavoro della CEI, della “Eco - Parish Guide” prodotta dal Global Catholic Climate Movement (GCCM) . Il testo originale fornisce suggerimenti pratici per applicare la Laudato Si 'di Papa Francesco, con particolare riferimento alle iniziative internazionali, americane, asiatiche ed europee. In aggiunta a ciò, FOCSIV ha aggiunto esperienze di diocesi e parrocchie italiane, avvicinando la Guida al contesto nazionale e locale. Hanno deciso di concentrarsi su azioni concrete, corrispondenti alle capacità e ai mezzi di base. In questo modo sarà più facile contribuire a stabilizzare il clima del nostro pianeta e prendersi cura di chi è stato danneggiato dal cambiamento climatico. La Guida ha un carattere internazionale perché il cambiamento climatico è un fenomeno globale che trascende i confini delle nostre comunità e paesi. Un focus speciale è quello a livello locale, a partire dal comportamento degli individui nelle famiglie e nelle comunità, nei quartieri e nelle città.

Marcivana Sateré Mawé, il suo nome indigeno è Nag Sateré. Fa parte di COPIME - coordinamento delle popolazioni indigene di Manaus e dintorni. Attualmente è consigliere del CES / AM - Health Council of the State of Amazonas. Laureata in Ragioneria. A Manaus ci sono 54 organizzazioni indigene, di 45 popoli, con sette lingue parlate. Attualmente vive a Manaus ed è nata a Maués, un territorio tradizionalmente occupato dai Sateré Mawe. Nag significa anziano, uno che è saggio. Il principale valore aggiunto che ha portato alla tavola rotonda è stata la sua testimonianza diretta come leader indigeno colpito da comportamenti ecologicamente insostenibili. Il loro modo di vivere in armonia con la foresta e con le risorse naturali, si adattava perfettamente alla storia del personaggio del documentario brasiliano. La sua tribù e quella del documentario, stanno affrontando le stesse lotte e le stesse minacce da parte di chi vede solo la natura e un ceppo da sfruttare.

L'evento ha avuto la partecipazione speciale di Willian Lucitante, originario del popolo Cofan dell'Ecuador e il suo avvocato Pablo Fajardo, un avvocato e attivista ecuadoriano. È l'avvocato che ha guidato il processo storico contro Chevron Corporation in relazione al disastro ambientale che ha sostenuto sia stato causato dalle operazioni petrolifere di Texaco (acquisite da Chevron Corporation in 2001) nel giacimento petrolifero Lago Agrio tra 1964 e 1990. Entrambi hanno spiegato il processo e la situazione di oltre 30, 000 abitanti locali colpiti dalla fuoriuscita di petrolio greggio e rifiuti tossici, che Pablo rappresenta. Quest'altra storia ha reso ancora più visibili gli impatti negativi delle grandi aziende (e indirettamente i nostri stili di vita e comportamenti ecologici) sul Sud globale.

Per chiudere la tavola rotonda e l'evento Stefan Salzmann presentato come a scoop , il video dal titolo “To What End - The appeal of Beka Munduruku” cofinanziato da Fastenopfer E realizzato dal loro partner in Brasile, l'organizzazione UMA GOTA NO OCEANO che esprimono le sfide e i pericoli che affrontano le popolazioni indigene quotidiane in Amazzonia: l'estrattivismo.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange