Nessun negoziato sul clima senza obblighi in materia di diritti umani - CIDSE

Nessun negoziato sul clima senza obblighi in materia di diritti umani

Nella settimana di chiusura dei colloqui delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP25) a Madrid, il CIDSE afferma che i diritti umani devono essere scritti in qualsiasi nuova norma, altrimenti l'accordo di Parigi causerà più danni che benefici. Con la Giornata internazionale dei diritti umani di martedì 10 di dicembre, la seconda settimana di negoziati a COP25 non dovrebbe generare ulteriori violazioni dei diritti nei decenni a venire.

Un punto chiave del COP25 sono le regole relative allo scambio di tagli alle emissioni attraverso i mercati del carbonio ai sensi dell'articolo 6 dell'accordo di Parigi. A seguito del danno storico del meccanismo di mercato del carbonio CDM ai sensi del protocollo di Kyoto, questi devono essere progettati per garantire i diritti delle popolazioni colpite. La riduzione nazionale delle emissioni deve essere la prima priorità per ciascun paese. I mercati del carbonio dovrebbero essere uno strumento per ridurre le emissioni all'interno del bilancio del carbonio per 1.5 ° C, non un'opportunità per trarre profitto dall'emergenza climatica che sta colpendo i più duri.

CIDSE insieme a molte altre organizzazioni della società civile ha dato ai negoziatori il giusto mix per un efficace articolo basato sui diritti 6 in una acrobazia all'aperto venerdì, con gli ingredienti tra cui: regole contabili solide, reattività di genere, tutela dei diritti umani, integrità ambientale, nessun riporto di progetti di schemi precedenti, consultazione obbligatoria inclusiva delle parti interessate e un meccanismo di ricorso indipendente.

CIDSE e USCSAN hanno anche unito le forze per un evento collaterale al COP25 che mette in evidenza i pericoli delle "false soluzioni" e l'importanza delle soluzioni energetiche locali e informate per l'emergenza climatica.

Andreia Fanzeres, coordinatrice dei diritti delle popolazioni indigene per l'OPAN Brasile, ha dimostrato come anche le dighe idroelettriche su piccola scala nel bacino amazzonico stiano danneggiando i fiumi e lo stile di vita delle popolazioni indigene. Ha insistito sul fatto che le popolazioni indigene e locali dovrebbero fornire un "consenso libero, preventivo e informato" e che dovrebbero essere condotti studi di impatto ambientale prima che tali progetti infrastrutturali siano autorizzati.

Antonio Zambrano, Coordinatore del programma Energia pulita per MOCICC, Il Perù ha affermato che il passaggio sistematico alle energie rinnovabili e ai diritti umani deve andare di pari passo. “Stiamo lottando per cambiare non solo le piccole cose, ma il mondo stesso - stiamo parlando di una transizione energetica. Abbiamo bisogno di una rivoluzione in questo momento, in tutto il mondo. "

Le voci delle persone colpite mostrano che la consultazione è essenziale per qualsiasi soluzione climatica. Le vere soluzioni vengono dalla terra, da persone che conoscono i bisogni, la comunità, il paesaggio e l'ecologia locale.

Le voci della gente alla conferenza sono state amplificate da mezzo milione di persone alla marcia sul clima di venerdì sera. La delegazione CIDSE a Madrid - guidata da giovani volontari del membro spagnolo del CIDSE Manos Unidas - si è unita alla folla colorata, rumorosa e unita, chiedendo un cambiamento radicale per affrontare la crisi ecologica, sociale ed economica combinata.  

Una dichiarazione dei cardinali cattolici rilasciato prima di COP25 al Sinodo panamazzonico, ha espresso preoccupazione per il fatto che alcuni paesi hanno continuato ad agire nell'interesse personale cercando scappatoie in base alle regole del commercio del carbonio, senza salvaguardie sociali e ambientali.

Eco Pope il messaggio di Francis a COP25CIDSE invita i negoziatori questa settimana ad ascoltare veramente il grido della terra e dei poveri. Le nuove regole politiche devono rispondere alla scienza e alla mobilitazione dei giovani, non agli interessi privati. Le redline che devono rispettare sono quelle dei diritti umani, dell'equità e della solidarietà.

Credito fotografico: Liam Finn / CAFOD

Condividi questo contenuto sui social media

1 pensiero su "Nessun negoziato sul clima senza obblighi sui diritti umani"

  1. Pingback: Luces y sombras de la Cumbre del Clima - Coordinatore dell'ONG per la consegna in Spagna

I commenti sono chiusi.

Protetto da miniOrange