Risposta congiunta della società civile allo studio della Commissione europea sulla due diligence della catena di approvvigionamento - CIDSE

Risposta congiunta della società civile allo studio della Commissione europea sulla dovuta diligenza nella catena di approvvigionamento

Le sottoscritte organizzazioni e reti della società civile si rallegrano vivamente del rilascio dei risultati della Commissione europea studio sui requisiti di dovuta diligenza attraverso la catena di approvvigionamento.

L' i risultati di questo studio affermano inequivocabilmente che le misure volontarie non stanno funzionando e che è urgentemente necessario un intervento normativo a livello dell'UE al fine di proteggere i lavoratori, le comunità e l'ambiente da sistematici, in corso e in peggioramento dei diritti umani e degli impatti ambientali collegati alle catene di approvvigionamento globali delle imprese e delle istituzioni finanziarie. È particolarmente degno di nota che i risultati dello studio si basano su ampie consultazioni con la società civile e le imprese.

Con la conclusione dello studio, la Commissione europea sta facendo un passo serio verso l'identificazione di come l'UE potrebbe meglio adempiere ai propri obblighi ai sensi dei principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani. L'UE deve ora approvare le norme obbligatorie di dovuta diligenza al fine di ottemperare al proprio dovere di protezione contro gli abusi corporativi come l'accaparramento di terre, le violazioni dei diritti umani, l'uccisione di difensori dei diritti umani, il lavoro forzato e minorile, la violenza di genere e il degrado ambientale e deforestazione.

I cittadini richiedono un'azione [1]. Chiediamo alla Commissione europea di agire rapidamente sui risultati dello studio e avviare con urgenza il processo verso una proposta legislativa sui diritti umani delle imprese e la dovuta diligenza ambientale, che includa un migliore accesso al rimedio giudiziario per le vittime[2]. Affinché tale proposta affronti in modo efficace le violazioni dei diritti umani e ambientali migliorando nel contempo i mezzi di ricorso per le vittime, è fondamentale che includa la responsabilità delle imprese per i danni causati.

[1] 847.000 cittadini hanno firmato la petizione del "Diritti per le persone, regole per le società - Stop ISDS"Campagna, una campagna di un anno conclusa a gennaio.

, Oltre 100 organizzazioni della società civile hanno chiesto la legislazione dell'UE in materia di due diligence in materia di diritti umani e ambiente applicare i principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani e di fatto rendere giuridicamente vincolanti le linee guida dell'OCSE per le imprese multinazionali.

Condividi questo contenuto sui social media