Il coronavirus sarebbe catastrofico per noi nella Striscia di Gaza - CIDSE

Il coronavirus sarebbe catastrofico per noi nella Striscia di Gaza

13 anni di blocco israeliano hanno gravemente minato le condizioni di vita a Gaza. Il sistema sanitario è estremamente fragile e inadeguato per rispondere alla crisi COVID-19. Fino ad ora solo severe misure di quarantena sono state in grado di arrestare la diffusione del virus. Nel suo blog, Olfat al-Kurd, ricercatore sul campo di B'Tselem, condivide le sue preoccupazioni e i suoi timori sulla possibile diffusione di COVID-19 a Gaza. La sua storia ci dà un'idea di com'è vivere sotto assedio in tempi di pandemia globale.


Non pensavo che il virus sarebbe arrivato nella Striscia di Gaza sigillata. Ora è successo e sono terrorizzato: non abbiamo la capacità di proteggere le nostre vite. Non abbandonarci.

Devo ammettere che quando ho sentito che un nuovo virus si stava diffondendo in Cina alcuni mesi fa, non ho prestato molta attenzione. Dopo tutto, la Cina è lontana. È un paese con capacità mediche e tecnologiche avanzate. Sicuramente, avrebbe superato il virus.

Quando la malattia si è diffusa in altri paesi e il numero di persone infette è salito gradualmente, naturalmente, sono diventato più preoccupato. Tuttavia, non mi sono preoccupato personalmente. Pensavo che il virus non sarebbe arrivato a Gaza perché è stato bloccato per 13 anni. Non abbiamo aeroporti o porti marittimi. Nessun viaggiatore del mondo viene qui e non usciamo comunque. Fino a circa tre settimane fa, quando ho sentito le notizie sui casi scoperti in Israele e Betlemme. Poi mi sono davvero preoccupato e spaventato. In che modo questa malattia esplosiva è arrivata così in fretta?

Colpisci e terrorizza

Non appena sono stati scoperti i primi casi, le autorità di Ramallah e di Gaza hanno iniziato a prepararsi ad adottare misure preventive contro il virus, comprese le restrizioni alla circolazione e alla chiusura delle scuole. Ciò aumentò la mia sensazione che fossimo in grave pericolo, soprattutto a causa dell'assedio e delle dure condizioni di vita nella Striscia. Viviamo in un forte sovraffollamento, specialmente nei campi profughi. Se, il cielo lo proibisse, c'è un focolaio qui, sarebbe una catastrofe con risultati terrificanti, soprattutto perché Gaza non ha la capacità di ammettere e curare un gran numero di pazienti infetti e il sistema sanitario non ha modo di proteggerci . Non ci sono attrezzature, né laboratori, né farmaci. Non ci sono abbastanza letti d'ospedale e non ci sono ICU. E questo è ancora prima della pandemia.

Poi, circa una settimana fa, mentre stavo navigando su siti di notizie online, sono stato colpito dal rapporto dei primi due pazienti con corona diagnosticati nella Striscia di Gaza. Ero scioccata. Sono stato sopraffatto dall'ansia per il mio destino, i miei figli, la mia famiglia e tutti i residenti di Gaza. Sono entrato in modalità di allerta alta. Ho smesso di funzionare, tranne in casi davvero critici. Ho comprato disinfettanti, detergenti e alimenti, nel caso in cui fosse stato annunciato un isolamento totale e i mercati fossero chiusi. Ho iniziato ad accertarmi che la mia famiglia osservasse rigide precauzioni: nessuna stretta di mano, nessuna uscita di casa, lavaggio delle mani costante, consumo di verdure, assunzione di vitamine.

Questa pandemia è pericolosa. Quando arriva, non bussa alla porta. I miei figli sono spaventati. Chiedono con uno sguardo preoccupato: "Che cosa ci è successo?" Continuano a chiedere quando tutto questo finirà, quando torneremo alle nostre vite normali, a scuola. Non rispondo perché non ho risposte. Vedo la paura nei loro occhi, in particolare mia figlia Zeinah, che ha dodici anni. Mi dice: "Mamma, non andare al lavoro. Non andare a trovare nessuno. Resta con noi ”e, parlando per tutti, dichiara:“ Non vogliamo uscire. Ho paura della corona! ” Si è chiusa nella sua stanza e se ne va solo occasionalmente per lavarsi e disinfettarsi le mani. Mio padre è vecchio, ha 73 anni e sono molto preoccupato per lui. Lo chiamo più volte al giorno per chiedergli come sta e ottenere rassicurazione. Chiamo anche i miei fratelli, amici e vicini.

Chiuso dall'esterno, chiuso dall'interno

Finora, tutti i pazienti con corona scoperti (per un totale di 12) sono stati isolati lontano dalle persone in una struttura vicino a Rafah Crossing. Le autorità qui hanno organizzato molte di queste strutture - scuole e hotel - per isolare le persone che arrivano a Gaza attraverso i valichi, ma questi luoghi non sono adatti ai pazienti con corona. 

Sono molto preoccupato anche per il destino dei residenti di Gaza. Data la situazione qui, dopo 13 anni di assedio continuo e orribili serie di combattimenti, è quasi impossibile prepararsi e proteggersi dalle infezioni: le persone non hanno soldi per comprare cibo per un lungo isolamento o detergenti e disinfettanti, e anche in tempi normali c'è una carenza delle cose più elementari: acqua ed elettricità. È particolarmente complicato perché anche per coloro che sono considerati con un reddito regolare, non è più così: stipendi, pensioni sociali, la sovvenzione dal Qatar, le razioni alimentari dell'UNRWA: tutto è sospeso.

Le strade di Gaza sono deserte. Tutto è chiuso: scuole, università, hotel, sale per banchetti, caffetterie e persino moschee. Quando sono fuori, guardo le espressioni delle persone - vedo preoccupazione e panico. È completamente comprensibile: sono a malapena in grado di proteggere se stessi e i loro cari.

Mi siedo sul balcone e guardo la manciata di persone che sono in strada, i vicini, i bambini che giocano e ridono come se non ci fosse nulla di sbagliato. Un gruppo di uomini si siede all'ingresso del nostro edificio, parlando a voce alta della situazione. Uno di loro mi chiede di fotografarli e pubblicarli su Facebook. "Ci stanno dicendo di restare a casa, di comprare disinfettanti e detergenti quando non abbiamo un centesimo per il nostro nome", dice. “Come resteremo comunque a casa? Non c'è elettricità. Racconta, racconta al mondo come stanno andando gli abitanti di Gaza sotto la corona e l'assedio crudele. "

Non abbandonarci

Guardaci. Siamo sotto assedio, e ora il mondo è sotto assedio come noi. Non è ora di sollevare il blocco crudele dalla Striscia di Gaza e salvare i suoi residenti? I residenti di Gaza non meritano di respirare la libertà come il resto del mondo? Come puoi abbandonarci per affrontare questo focolaio da soli dopo 13 anni di blocco e guerra, con povertà devastante, disoccupazione in aumento e infrastrutture distrutte? La tua coscienza si è asciugata? Il mondo deve riacquistare i suoi sensi e salvare i due milioni di persone che Israele continua a imprigionare a Gaza - prima che si verifichi un disastro.

Nel frattempo, continuo a seguire le notizie. Con il cuore dolorante, seguo la terribile situazione in molti paesi del mondo, in particolare Italia e Spagna. Prego per loro con le lacrime agli occhi, chiedendo a Dio di avere pietà di noi, di tutta l'umanità, e sperando di sentire che hanno trovato una cura per il coronavirus, che l'hanno preso sotto controllo e fermato la diffusione , che tutti i malati di corona nel mondo si sono ripresi - perché allora l'ansia che ci attanaglia tutti evapora e il mondo intero si risveglierà dall'incubo.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in Mako; una versione inglese è stata pubblicata in The Times of Israel.

Credito fotografico: Olfat al-Kurd


Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange