CIDSE accoglie con favore l'annuncio fondamentale della Commissione europea sulla due diligence obbligatoria sui diritti umani per il 2021 - CIDSE

Il CIDSE accoglie con favore l'annuncio di riferimento da parte della Commissione europea sull'obbligo di diligenza in materia di diritti umani per il 2021

Il CIDSE accoglie con favore un annuncio fondamentale da parte del commissario europeo per la giustizia Didier Reynders che verrà sviluppata la legislazione dell'UE sui diritti umani obbligatori e la dovuta diligenza ambientale per le società. A a webinar organizzato dal gruppo di lavoro responsabile della condotta aziendale del Parlamento europeo, il commissario Reynders si è impegnato nello sviluppo di un'iniziativa legislativa all'inizio del 2021 e ha dichiarato che la legislazione sarà intersettoriale e obbligatoria con "la capacità di applicare e attuare". Si tratta di uno sviluppo importante e di un passo importante oltre le misure volontarie che sono state inefficaci nel garantire che le comunità siano protette dalle violazioni dei diritti umani legate alle imprese.

È importante sottolineare che il Commissario Reynders ha sottolineato la necessità di sanzioni: "È importante che abbiamo la possibilità di sanzionare con responsabilità a livello civile, penale e amministrativo la mancanza di rispetto del regolamento". Le organizzazioni membri del CIDSE che lavorano con i difensori dei diritti umani e le comunità colpite da violazioni dei diritti umani da parte delle imprese in tutto il mondo, accolgono con favore questo sviluppo per fornire accesso alla giustizia alle vittime di violazioni da parte di società e investitori dell'UE.

La decisione si basa sui risultati del recente pubblicato studio sui requisiti di dovuta diligenza attraverso la catena di approvvigionamento che ha confermato che le misure volontarie stanno fallendo e che è urgentemente necessaria un'azione normativa a livello dell'UE al fine di proteggere i lavoratori, le comunità e l'ambiente da sistematici, in corso e in peggioramento dei diritti umani e degli impatti ambientali collegati alle catene di approvvigionamento globali delle imprese e delle istituzioni finanziarie. Lo studio rivela che "Solo una impresa su tre nell'UE sta attualmente intraprendendo la dovuta diligenza che tiene conto di tutti i diritti umani e degli impatti ambientali". E solo il 16% delle aziende intraprende misure di due diligence oltre il primo livello. Questo è tuttavia il requisito dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani. 

Reynders ha riconosciuto che il file La crisi COVID-19 rivela la dipendenza dell'UE dalle fragili catene di approvvigionamento nei paesi terzi. "Le aziende che hanno migliori processi di mitigazione del rischio nelle loro catene di approvvigionamento causano meno danni alle persone e resistono meglio alla crisi". Il Coronavirus ha inoltre rivelato scarse pratiche in materia di diritti umani in assenza di regolamentazione legale e ha nuovamente esposto la fragilità delle catene di approvvigionamento, che hanno provocato la disoccupazione di massa dei lavoratori che possono meno permetterselo a causa della cancellazione degli ordini e del rifiuto da parte di alcuni aziende per pagare beni già prodotti. Questo modo ingiusto di condurre affari è un chiaro promemoria sul perché è necessaria una legislazione obbligatoria in materia di due diligence sui diritti umani e sull'ambiente. CIDSE accoglie inoltre con favore il discorso del Commissario sulla sua chiara intenzione di presentare questa legislazione come parte del piano di risanamento COVID-19 dell'UE insieme al Green Deal europeo, rilevando che "la sostenibilità include questioni ambientali, dei diritti umani e sociali".

Le aziende concordarono sul fatto che la dovuta diligenza "avrebbe creato certezza del diritto e un'unica norma armonizzata al posto di approcci diversi negli Stati membri". Gli Stati membri che attualmente hanno due diligence nazionali, come la Francia, e coloro che stanno attualmente sviluppando una legislazione come Danimarca e Germania, scopriranno che le loro società hanno ora condizioni di parità con altre società dell'UE. Il Ministero federale del lavoro e degli affari sociali della Germania ha affermato il sostegno alla legislazione dell'UE e ha suggerito di concentrarsi su questo aspetto nella prossima presidenza tedesca.

Questo è un passo cruciale per i diritti dei difensori della terra e dell'ambiente e delle comunità che resistono alle attività aziendali da parte delle società e degli investimenti dell'UE. Dovrebbe essere integrato dalla partecipazione attiva dell'Unione europea ai negoziati su uno strumento giuridicamente vincolante in materia di affari e diritti umani alle Nazioni Unite, quest'anno entra nella sua sesta sessione.

Vedi anche articoli pubblicati da una coalizione di ONG belghe, tra cui membri del CIDSE, Broederlijk Delen e Entraite et Fraternité:
- "Entreprises et droits humains: ce que révèle le coronavirus" a Le Soir; di
- "Bedrijven in mensenrechten: di meno di pandemia" in MO - Mondiaal Niews

Lettera congiunta della società civile a Didier Reynders, commissario europeo per la giustizia, 23 June 2020

Condividi questo contenuto sui social media