I cardinali parlano chiaro: l'UE ha bisogno della due diligence aziendale - CIDSE

Parlano i cardinali: l'UE ha bisogno della dovuta diligenza aziendale

By Il cardinale Jean-Claude Hollerich e il cardinale Charles Maung Bo.
Lussemburgo / Yangon, 6 luglio 2020
- Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel EUobserver.

Negli ultimi anni si sono moltiplicati gli scandali che coinvolgono società multinazionali, mettendo in discussione la moralità del nostro sistema economico.

Agli interessi privati ​​è stata sistematicamente data la priorità a scapito della nostra famiglia umana globale e della nostra casa comune.

I cittadini di tutto il mondo hanno assistito alle rivelazioni scandalose di Panama Papers intorno all'evasione fiscale, ho visto il corsa verso il basso nel settore automobilistico per inquinare di più e ho sentito quanto velocemente sfruttano i marchi di moda scarse norme in materia di lavoro e sicurezza nel sud del mondo paesi per produrre vestiti più economici.

E quando i loro interessi sono a rischio, le multinazionali hanno un'arma segreta che possono usare: il Risoluzione delle controversie investitore-stato (ISDS) meccanismo, un sistema di tribunali privati ​​attraverso il quale possono portare in tribunale qualsiasi stato, reclamando benefici perduti perché gli stati hanno approvato leggi sociali o ambientali.

Questi sono solo alcuni esempi di come le società multinazionali stiano beneficiando di sistemi di regolamentazione deboli per i loro profitti, ma molte altre storie non raccontate continuano a rovinare la vita delle persone ogni giorno mentre distruggono il nostro pianeta.

Questo sistema orientato al profitto e la cultura del lancio che ne deriva devono essere sfidati, ora più che mai, in un momento in cui la pandemia ha rovesciato le nostre certezze e offerto l'opportunità di rivalutare il nostro sistema mondiale e innescare una giusta transizione.

Le nostre società possono e devono evolvere verso un maggiore rispetto reciproco e del nostro ambiente. Ma affinché ciò accada, abbiamo bisogno di coraggiosi responsabili delle decisioni per agire con l'UE all'avanguardia.

Come cardinali, non possiamo essere solo spettatori.

Obbligo morale

Abbiamo un forte obbligo morale di parlare di questo problema che continua a colpire le nostre comunità. Guidati dai nostri valori cattolici, abbiamo deciso di aggiungere il nostro nome a questa dichiarazione, che unisce oltre 110 vescovi per invitare i governi a regolare meglio le società private.

Chiediamo che mantengano le promesse e gli obblighi previsti dal diritto internazionale di proteggere i diritti umani dagli abusi delle società.

La nostra richiesta arriva dopo uno sviluppo positivo in questa direzione: l'annuncio da parte del commissario europeo per la giustizia Didier Reynders di maggio di una legislazione obbligatoria e solida sulla dovuta diligenza in materia di diritti umani.

In nessun caso questo processo dovrebbe essere bloccato.

Questa legislazione dovrebbe garantire che le società abbiano l'obbligo legale di identificare, valutare, arrestare, prevenire e mitigare i rischi e le violazioni per l'ambiente e tutti i diritti umani lungo le loro catene di approvvigionamento e migliorare sostanzialmente le possibilità delle persone interessate di chiedere un risarcimento in ambito nazionale tribunali civili.

Prima di questo, abbiamo visto lo sviluppo di varie iniziative volontarie, dal Global Compact all'inizio del 2000 al Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, adottato nel 2011.

Ma poiché nessuna di queste iniziative è giuridicamente vincolante, le società private possono ancora operare secondo le proprie regole. Poiché l'autoregolamentazione si è dimostrata insufficiente; sosteniamo che le nuove leggi per regolare il settore privato devono essere vincolanti.

Anche i regolamenti vincolanti sono una questione di trasparenza.

In assenza di una legge vincolante, ai cittadini di tutto il mondo non è garantito che i prodotti che acquistano e utilizzano ogni giorno siano fabbricati senza violare i diritti umani e non nascondano una storia di abuso.

Le persone alle due estremità delle catene di approvvigionamento globali hanno bisogno di garanzie sulla moralità dei nostri mercati commerciali.

La prevenzione è solo un lato della medaglia, perché alcune aziende mal disposte possono ancora violare i diritti umani anche in presenza di una legge. Dovrebbero quindi essere legalmente responsabili delle loro azioni. Per questo riteniamo che le leggi dovrebbero includere un migliore accesso alla giustizia per le vittime, al fine di rispettare l'obbligo degli Stati di proteggerle dagli abusi delle imprese.

Ricordiamo Papa Francesco, Evangelii Gaudium - 206 “Ogni decisione economica significativa presa in una parte del mondo ha ripercussioni ovunque; di conseguenza, nessun governo può agire senza riguardo per la responsabilità condivisa ”.

Incoraggiati da queste parole, invitiamo tutti gli Stati a impegnarsi nei negoziati delle Nazioni Unite per uno strumento giuridicamente vincolante per regolare, nel diritto internazionale dei diritti umani, le attività delle società transnazionali.

Tale trattato impedirebbe a qualsiasi paese o azienda di avvalersi di modelli di produzione sfruttatori e di accettare la distruzione della creazione al fine di migliorare la propria posizione competitiva sul mercato mondiale.

Nella giusta transizione, immaginiamo un sistema economico che serva innanzitutto le persone e il pianeta, celebrando l'interconnessione della nostra famiglia umana e della nostra bella casa comune.


Cardinale Jean-Claude Hollerich è l'arcivescovo del Lussemburgo. Cardinale Charles Maung Bo è l'arcivescovo di Yangon, Myanmar.
Questa dichiarazione aperta ha anche il sostegno di oltre 110 vescovi in ​​tutto il mondo.

Foto: Cardinale Jean-Claude Hollerich. Credito: COMECE.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange