Il (wo) momento dell'uomo sulla luna dell'Europa - CIDSE

Il (wo) momento dell'uomo sulla luna dell'Europa

Nota: la traduzione di questo articolo in altre lingue è stata eseguita da uno strumento di traduzione automatico e non è una traduzione ufficiale. Potrebbero essersi verificati degli errori.

Il (wo) momento dell'uomo sulla luna dell'Europa - il Green Deal europeo da una prospettiva femminista

Eva van de Rakt è la direttrice dell'ufficio dell'Unione europea della Fondazione Heinrich Böll e Lisa Tostado è a capo del programma internazionale di politica climatica, energetica e agricola. Nel corso del loro lavoro e delle diverse prospettive, entrambi contribuiscono all'uguaglianza di genere integrandola in vari dibattiti politici, come quello sul Green Deal europeo.  

Quando il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato il Green Deal europeo alla fine del 2019, l'ha definita "il momento dell'uomo sulla luna in Europa". La nuova strategia di crescita è davvero ambiziosa e copre molti settori politici, come la mobilità, la biodiversità, la finanza e l'industria. Mira a "trasformare l'UE in una società giusta e prospera, con un'economia moderna, efficiente sotto il profilo delle risorse e competitiva dove non ci sono emissioni nette di gas serra nel 2050 e dove la crescita economica è disaccoppiata dall'uso delle risorse". Il nostro contributo guarda alla dimensione di genere di questo vasto pacchetto di nuove iniziative. Come può il Green Deal europeo diventare un (wo) man on the moon moment?

In qualità di prima donna che ha assunto il posto di lavoro più potente dell'UE e in qualità di ex ministro che si era pronunciata per aumentare il numero di asili nido o per l'introduzione di una quota femminile, von der Leyen aveva affrontato grandi aspettative nel garantire l'integrazione della dimensione di genere nel nuovo Lavoro della Commissione. Sua agenda per l'Europa, in cui ha affermato che la qualità di genere è una priorità, ha rafforzato queste aspettative. È quindi una preoccupante sorpresa che nella comunicazione sul Green Deal europeo manchi, se non la mera assenza, di analisi di genere. Sesso = zero risultati di ricerca.

Tuttavia, non sarebbe corretto affermare che nulla è accaduto nel campo dell'uguaglianza di genere da quando è entrata in carica la Commissione von der Leyen. Nella sua Commissione, le donne hanno voce in capitolo e la Commissaria per la parità Helena Dalli è ambiziosa. Ha presentato il primo in assoluto dell'UE Strategia per l'uguaglianza di genere nel marzo 2020, a pochi mesi dalla comunicazione sul Green Deal europeo. La Strategia delinea obiettivi strategici per combattere la discriminazione di genere nei settori della violenza di genere, il divario retributivo di genere, l'equilibrio di genere nei consigli di amministrazione e l'equilibrio tra vita professionale e vita privata. Sebbene si tratti di segnali importanti, purtroppo manca il collegamento con il Green Deal europeo, il fulcro della Commissione von der Leyen. La Commissione, a quanto pare, semplicemente non collega i punti. Ha perso un'opportunità per affrontare due grandi questioni nell'UE. UN Rapporto Eurostat del giugno 2020 mostra che, pur compiendo almeno alcuni progressi sugli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) nella maggior parte delle aree, l'Unione europea sta di fatto tornando indietro sugli aspetti chiave dell'uguaglianza di genere (ad esempio sul divario occupazionale di genere) e ha ristagnato sull'azione per il clima in negli ultimi cinque anni.

L'esempio delle politiche in materia di clima e genere dimostra la necessità ei vantaggi di collegarli invece di pianificarli e attuarli in silos. Tutti gli aspetti del cambiamento climatico hanno anche una dimensione di genere. Per citare solo alcuni esempi: Le singole impronte di carbonio variano secondo i fattori in cui differenze tra uomini e donne esistono, come il reddito, la mobilità e le caratteristiche dello stile di vita. Quando si progettano politiche per incentivare i modelli di consumo e di comportamento individuali a diventare più sostenibili, i decisori devono di conseguenza considerare gli aspetti e le implicazioni di genere. Anche nuove tasse o regolamenti possono avere effetti differenziati per genere. Ad esempio, in Germania, le famiglie con capofamiglia femminile sono quasi colpite due volte tanto dalla povertà energetica come nuclei familiari maschili, che deve essere considerata quando si aumentano i prezzi dell'energia. Inoltre, recente ricerca suggerisce che l'emancipazione politica delle donne è associata a politiche climatiche più ambiziose.

La cornice narrativa della "transizione giusta" è un esempio di come le iniziative del Green Deal europeo potrebbero intensificare il mainstreaming di genere. La prima cosa che viene in mente alla maggior parte delle persone quando si confronta con la "giusta transizione" sono i lavoratori del carbone di sesso maschile. Non è sufficiente, tuttavia, intendere la "transizione giusta" come un concetto che guarda ai soli lavoratori occupati di sesso maschile, in particolare nelle industrie ad alte emissioni. Sicuramente, creare e preservare posti di lavoro nelle regioni fortemente colpite dalla transizione energetica è uno strumento importante. Tuttavia, promuovere l'espansione di posti di lavoro a basse emissioni di carbonio per gli uomini e le donne, ad esempio nel settore digitale e dei servizi, come parte di un piano di decarbonizzazione sono altrettanto importanti, sia da un punto di vista ecologico che sociale. Fornire risultati giusti per tutti significa anche prestare maggiore attenzione al lavoro di assistenza, che è eccezionalmente rilevante durante la crisi sanitaria in corso.

La pandemia Covid-19 ha aumentato il rischio di contraccolpi rispetto all'uguaglianza di genere. In una crisi economica, i lavoratori con part-time o qualsiasi forma di contratto precario (per non parlare di lavoratori senza alcun contratto ufficiale), sono i più a rischio di dover affrontare gravi tagli di bilancio. Questo molto probabilmente interesserà più donne che uomini. Gran parte del lavoro di assistenza supplementare non retribuito ricade sulle donne. Dall'inizio della pandemia hanno sofferto anche gli uomini senza congedo parentale retribuito o altre misure per aiutare a destreggiarsi tra vita familiare e vita lavorativa (ancora non comune in molti Stati membri dell'UE).

In questo contesto, è ora fondamentale utilizzare l'analisi di genere nell'attuazione del Green Deal europeo e nella progettazione delle politiche di ripresa. Una pietra miliare sarà il prossimo quadro finanziario pluriennale (QFP) dell'UE, insieme a Next Generation EU (NGEU), il piano di ripresa dell'UE. Per quanto riguarda gli aspetti dell'uguaglianza di genere, a risoluzione del Parlamento europeo del 22 luglio 2020 dà motivo di sperare in miglioramenti. In questa risoluzione, c'è una sezione che chiede l'introduzione del mainstreaming di genere e degli obblighi relativi all'impatto di genere (bilancio di genere) sia nel QFP che nell'NGEU. Il Parlamento europeo ha chiarito che non applicherà un timbro a fait accompli ed è disposto a negare il suo consenso al QFP fino a quando non sarà raggiunto un accordo soddisfacente nei prossimi negoziati con il Consiglio dell'UE.

Un altro strumento importante sarà la summenzionata strategia dell'UE sull'uguaglianza di genere, non solo come comunicazione, ma che si traduce in piani concreti per la sua attuazione. La Commissione lo aveva pubblicato poco prima che iniziassero i blocchi, con il rischio che venisse accantonato durante la crisi del Covid-19. Se una nuova politica è cieca al genere, in particolare una vasta come il Green Deal europeo, probabilmente investe e rafforza le disuguaglianze esistenti. Gli sforzi per migliorare l'uguaglianza di genere non devono quindi solo completare il Green Deal europeo, ma devono esserne parte integrante. Per avere successo con una transizione verde europea, è della massima importanza che tutti i cittadini siano a bordo. Femminista, clima, diritti dei lavoratori e altri movimenti di trasformazione devono unirsi e creare sinergie. È tempo per la donna europea sul momento della luna!

Informazioni sugli autori

Eva van de Rakti è Direttore dell'Ufficio dell'Unione Europea della Fondazione Heinrich Böll a Bruxelles dal 2019. Lavora per la Fondazione Heinrich Böll dal 2001. Come Direttore dell'Ufficio di Praga è stata responsabile delle attività della Fondazione nella Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria dal 2004 fino al 2018. È stata membro del Consiglio di amministrazione della Green European Foundation dal 2014 al 2016, ed è attualmente membro della sua Assemblea Generale. Dal 2018 è membro del Consiglio di amministrazione del Czech-German Fund for the Future (Deutsch-Tschechischer Zukunftsfonds). Ha completato i suoi studi presso l'Università di Musica e Teatro di Rotterdam.
Foto di credito: Stephan Röhl - Tutti i diritti riservati

Lisa Tostado da novembre 2019 è a capo del Programma internazionale per la politica in materia di clima, energia e agricoltura presso l'ufficio dell'Unione europea della Heinrich-Böll-Stiftung a Bruxelles. In quanto tale, è responsabile delle questioni relative alla coerenza delle politiche dell'UE per lo sviluppo sostenibile, in particolare con rispetto al loro impatto sui paesi in via di sviluppo ed emergenti. Prima di entrare a far parte della Heinrich-Böll-Stiftung, ha lavorato come project manager nel settore dell'economia circolare in Francia, dove il suo obiettivo principale erano imballaggi alimentari riutilizzabili e riciclabili. Lisa ha anche maturato esperienza nella cooperazione allo sviluppo internazionale presso la Deutsche Gesellschaft für Internationale Zusammenarbeit (GIZ) dove si è concentrata su temi legati all'adattamento agli impatti dei cambiamenti climatici. Lisa ha conseguito una laurea in scienze politiche ed economia presso l'Università di Mannheim e l'Università di Ottawa, e un master in politica ambientale presso Sciences Po Paris e l'Università di Liegi. 
Foto di credito: Nora Weis - Tutti i diritti riservati


Credit Illustrazione di copertina: Pia Danner Licenza: CC-BY-NC-SA 4.0

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange