La storia della terra è la mia storia: una casa comune nella campagna portoghese - CIDSE

La storia della terra è la mia storia: una casa comune nella campagna portoghese

Margherita Alvim

Margarida Alvim ha lavorato per Membro portoghese del CIDSE FEC per 10 anni durante il quale ha sviluppato il "casa vecchia: Ecologia e Spirituality " progetto che ora la occupa a tempo pieno come partner di FEC. In questo blog, pubblicato in occasione del Tempo del Creato, condivide la sua storia di conversione ecologica.  

Una delle quattro sorelle, Margarida è nata e cresciuta a Casa Velha. La famiglia di suo padre, una stirpe portoghese locale, vive sulla terra da 4 generazioni. Margarida ha combinato il legame ancestrale di suo padre con l'atteggiamento aperto francese di sua madre per rendere Casa Velha quello che è oggi. Gli edifici possono ora ospitare comodamente fino a 45 ospiti. I membri della comunità locale, gli scolari ei giovani volontari vengono costantemente per conoscere modi di vita ecologici e per connettersi spiritualmente con la natura. 

Come descriveresti Casa vecchia? 

Casa Velha è una fattoria nel piccolo villaggio di Vale Travesso a Ourém, nel centro del Portogallo, a 20 minuti da Fátima. L'azienda è di proprietà della mia famiglia da 4 generazioni, dall'inizio del XX secolo. Era una tenuta agricola molto importante nella regione. A causa delle sue dimensioni, ha avuto e ha un'enorme influenza sulla gestione del territorio. Casa Velha, in concomitanza con il lavoro che FEC e CIDSE stanno facendo, adotta un approccio dal basso che collega l'esperienza locale con altre a livello nazionale, regionale, europeo e mondiale. Ci aiuta a lavorare, incoraggiarci e ispirarci a vicenda, riunire esperienze locali in modo da poter dimostrare insieme che il cambiamento può effettivamente accadere ed è possibile. 

Come ha casa vecchia cambiato negli ultimi decenni? 

Negli ultimi 20, 30 anni, molte persone hanno lasciato le campagne. I sistemi rurali della regione, basati sulla piccola agricoltura, sono stati profondamente influenzati dalla politica agricola comune europea. La zona era fortemente spopolata, la tenuta di Casa Velha stava fallendo come fattoria, e allo stesso tempo anche la famiglia stava fallendo, per vari motivi come le malattie. 

Avevo bisogno di me e noi, la nuova generazione, ci siamo sentiti chiamati a prenderci cura delle persone, della tenuta e della terra e questo richiedeva un altro significato, un'altra direzione. 10 anni fa, abbiamo iniziato alcuni esperimenti su piccola scala. Casa Velha ha ospitato piccoli gruppi per trascorrere del tempo insieme lavorando nei campi, pregando, scambiandosi, prendendosi un momento di riparazione. Questo piccolo esperimento è cresciuto straordinariamente e ora c'è un'organizzazione Casa Velha: Ecologia e Espiritualidade. 

Casa Velha è ancora una casa di famiglia, ma la tenuta è cambiata enormemente. Il garage divenne una cappella - la cappella del Buon Pastore, il fienile divenne alloggio, il pollaio, il recinto delle galline divenne un agriturismo. Ma più importante del cambiamento esteriore era che stava diventando un luogo per il cambiamento interiore. 

Casa Velha è diventata una casa comune che molti attraversano durante l'anno - circa 2000 all'anno in 40 diverse attività. 

Margaridas dipinto della vista dalla veranda di Casa Velha

Cosa rappresentano queste attività nella storia di Casa vecchia? 

Portiamo sempre i nuovi giovani a fare una passeggiata nella fattoria per prenderci un momento per contemplare, accogliere, capire che siamo parte di una storia più grande, di una casa molto più grande di tutta la vita che ci circonda. 

Normalmente lavoriamo insieme per una serata curando un'area, potrebbe essere soffocata dalle erbacce o aver bisogno di essere pulita e alla fine della giornata quando tornano a casa possono vedere che qualcosa è cambiato a causa di ciò che hanno fatto insieme. 

Inoltre, durante il mese, teniamo un ritiro silenzioso o ritiri nel fine settimana usando gli esercizi spirituali di Sant'Ignazio per 3 giorni con gruppi di età mista di circa 15 anni, in silenzio. Da febbraio 2019 è iniziata anche l'esperienza di avere per alcuni mesi una comunità residente di volontari. 

Che impatto ha la spiritualità sulla tua vita? 

Quando avevo bisogno di occuparmi della casa e della famiglia ho sentito che era un peso perché ero all'università e studiavo a Lisbona dove mi sono laureato come ingegnere forestale. Poi è nata una crisi in cui ho dovuto rilevare Casa Velha e inizialmente ho pensato che forse mi avrebbe allontanato da quello che volevo fare nella vita, fare qualcos'altro. Mi stavo rendendo conto che stavo attraversando un processo spirituale, avendo la possibilità di essere supportato con gli esercizi spirituali di sant'Ignazio.  

La storia di Casa Velha è anche la mia storia di conversione personale e di scoperta della vocazione. Stavo arrivando a capire cosa mi stava chiedendo Gesù e la domanda che mi ha fatto e che mi ha aiutato a tornare a Casa Velha è stata "Gesù, cosa mi chiedi e dove vuoi che sia?" Ero un po 'confuso a quel punto perché mia madre non stava bene e la casa malandata quindi era difficile pensare di cambiare vita per dedicarmi a qualcosa che sarebbe finito presto. Quello che ho sentito da Gesù è stato: "Ora ho bisogno di te a casa, quindi torna a casa e prenditi cura di esso". Sono ancora grato per questa decisione di lasciare il mio lavoro e la mia casa a Lisbona. 

Cosa fa Casa vecchia cattivo per te? 

Ho scoperto che Casa Velha è più di semplici muri o location. È una comunione e una comunità che si riuniscono in Casa Velha con una storia in un luogo. È più di un luogo o di una casa, è uno stile di vita. Quindi anche questo non svanirà in futuro. 

Quali sono le domande e le risposte che cerchi nella tua vita? 

Durante la nostra vita, penso che tutti riflettano su 3 cose, cerchiamo 3 risposte e cioè sentirsi parte di qualcosa, sentirsi parte di qualcosa, mi sento parte di una famiglia mi sento parte di una comunità, mi sento parte della terra.  

Il secondo è "chi sono io"? Conosco la mia identità, è molto importante sapere chi sono per la terza cosa che è sapere cosa farò in questo mondo. 

Il terzo è: "Perché sono nato?" Non sono qui per caso, e per scoprire dove posso contribuire, dove posso fare la differenza e per Casa Velha, prendo spesso in prestito l'immagine del Giardino dell'Eden.  

Come si relazionano a Casa le cose che stanno accadendo nel mondo vecchia e il resto dei problemi del mondo? 

Sappiamo cosa sta succedendo nelle parti più vulnerabili del pianeta, soprattutto nelle aree in via di sviluppo, e lo sperimentiamo anche a Ourém, a Casa Velha, perché sia ​​in Portogallo che in Europa ci sono aree rurali spopolate, aree remote che le politiche strutturalmente fanno non catturare. I piccoli agricoltori sono i più vulnerabili e allo stesso tempo da un lato sono i più colpiti dai cambiamenti climatici e dall'altro producono la maggior parte del cibo mondiale.  

Il tempo estremo significa che hai temperature elevate, poche precipitazioni, diversi modelli di pioggia e con la terra abbandonata, il risultato sono stati gli incendi boschivi.  

A Casa Velha questa missione è lavorare per rendere lo sviluppo possibile per tutti, contribuendo a una maggiore coesione rurale / urbana, un diverso e nuovo legame tra città e aree rurali attraverso un consumo e una produzione più sostenibili nei mercati locali, insegnando alle generazioni che nascono a fare un impegno per una comunità a riconnettersi con il suolo, ecco perché Casa Velha si sente connessa al mondo perché lì sperimentiamo le stesse grandi sfide che si sentono anche a livello mondiale.  

Quello che facciamo e ciò che mi porta al CIDSE e Bruxelles oggi è cambiare il modo di vivere, apportare un cambiamento sistemico per ottenere un mondo più sostenibile in cui il cambiamento climatico non avrà un impatto così negativo.  

Puoi scaricare l'intervista completa a Margarida.

Condividi questo contenuto sui social media
Protetto da miniOrange