Da COVID-19 alla trasformazione radicale dei nostri sistemi alimentari - CIDSE

Da COVID-19 alla trasformazione radicale dei nostri sistemi alimentari

Nuovo rapporto della Società Civile e Meccanismo dei Popoli Indigeni (CSM) per le relazioni con il Comitato delle Nazioni Unite per la Sicurezza Alimentare Mondiale (CFS)

Il meccanismo della società civile e dei popoli indigeni (CSM) per le relazioni con il Comitato delle Nazioni Unite per la sicurezza alimentare mondiale (CFS) ha ospitato oggi un briefing sulla politica virtuale per lanciare il Global Synthesis Report
"Voci dalla terra: da COVID-19 alla trasformazione radicale dei nostri sistemi alimentari".
Il briefing politico è stato anche un'opportunità per presentare i CSM chiamare all'azione sul vertice sui sistemi alimentari.

Comunicato stampa: le organizzazioni di base globali richiedono una trasformazione radicale dei sistemi alimentari per affrontare gli impatti di COVID-19
Roma, 12 ottobre 2020 - La crisi alimentare del COVID-19 è strettamente collegata alle ingiustizie economiche, sociali, di genere e ambientali del neoliberismo di libero mercato, afferma un rapporto lanciato oggi dal più grande spazio internazionale di organizzazioni di base e popoli indigeni che lavorano per sradicare il cibo insicurezza e malnutrizione. La crisi non sarà risolta da misure di emergenza o pacchetti di stimolo che perpetuano lo stesso modello, ma solo da una trasformazione radicale dei sistemi alimentari nel rispetto dei diritti umani.

Tra gli 83 ei 180 milioni di persone in più potrebbero essere spinte alla fame a causa della pandemia, portando il numero complessivo di persone con insicurezza alimentare a oltre 2 miliardi. Sono necessarie azioni audaci per invertire questa tendenza. Promuovere il cibo come merce non è più un'opzione, dato l'impatto catastrofico dell'agricoltura industriale e del bestiame sulle persone e sugli ecosistemi. La sovranità alimentare è l'unica soluzione a questa crisi. Garantisce il diritto a cibi sani e culturalmente appropriati prodotti attraverso metodi ecologicamente sani e sostenibili, e il diritto delle persone a definire i propri sistemi alimentari e agricoli.

Il rapporto mostra che le iniziative più efficaci per affrontare le crisi alimentari del COVID-19 derivano dagli sforzi della comunità - per prevenire il contagio, proteggere i lavoratori (in particolare i migranti), garantire la sicurezza alimentare ed economica, fermare gli sfratti e l'accaparramento di terre. Nonostante il riconoscimento ufficiale che il 70-80% del mondo sia alimentato da piccoli produttori alimentari e sistemi alimentari locali, la maggior parte delle politiche COVID-19, del sostegno finanziario e dei pacchetti di stimolo economico continuano a favorire il complesso agroindustriale aziendale e le catene di approvvigionamento globali. I piccoli produttori di cibo, i lavoratori, i popoli indigeni, le popolazioni urbane con insicurezza alimentare e senza terra, in particolare le donne, sono tra i più colpiti dalla pandemia. La loro salute, i mezzi di sussistenza, la sicurezza e l'accesso sicuro alle risorse sono meno protetti dalla povertà, dalla discriminazione e dalla violenza. Inoltre, il rapporto espone come la distruzione dell'ecosistema causata dalle catene alimentari industriali sia strettamente collegata all'aumento di agenti patogeni come COVID-19. Piuttosto che promuovere un'agricoltura intensiva e orientata all'esportazione che perpetui la disuguaglianza, le violazioni dei diritti umani e la crisi climatica, il rapporto esorta gli Stati a incoraggiare l'agroecologia, che offre cibo sano e nutriente, preservando allo stesso tempo l'ambiente. La pandemia COVID-19 rappresenta un'opportunità irripetibile per accelerare la transizione agroecologica e invertire decenni di politiche neoliberiste che hanno esacerbato le disuguaglianze e portato alla negligenza ufficiale della sfera pubblica, parte integrante della costruzione di salute e benessere solidi e cibo sostenibile sistemi.

Inoltre, è giunto il momento di ridefinire le priorità di sviluppo in accordo con la giustizia di genere e le richieste dei giovani come futuri custodi dei sistemi alimentari, afferma il rapporto. L'azione pubblica deve dare la priorità alla salute futura delle persone e del pianeta, porre fine alla discriminazione strutturale e ridistribuire il lavoro sociale, riproduttivo e assistenziale svolto prevalentemente dalle donne. Il rapporto è pubblicato prima di una riunione virtuale del Comitato delle Nazioni Unite per la sicurezza alimentare mondiale (CFS) in cui i governi discuteranno su come trasformare i sistemi alimentari globali e affrontare gli impatti di COVID-19.

Il rapporto rileva gravi lacune nel coordinamento globale per affrontare quella che è la peggiore crisi alimentare da oltre un decennio e che poche risposte degli Stati finora si sono concentrate sulla realizzazione dei diritti umani o sui bisogni delle comunità vulnerabili ed emarginate. Ci sono stati abusi dei poteri di emergenza e un aumento della criminalizzazione dei difensori dei diritti umani, mentre le normative ambientali e del lavoro sono state indebolite.

Tuttavia, alcune iniziative dei governi hanno dimostrato che è possibile sostenere i più vulnerabili fornendo riparo ai senzatetto, redditi di base universali o trasferimenti di denaro in poche settimane.

Il CFS ha il mandato e la capacità di affrontare le fragilità del sistema alimentare mondiale su cui COVID-19 ha attirato un'attenzione drammatica. Le voci sollevate nel rapporto chiedono con urgenza a essa e agli Stati di farlo.

ENDS

Contatto per la stampa
Marion Girard | marion.girard.cisneros@csm4cfs.org | +31 686152970

Report
• "Voci dalla terra: da COVID 19 alla trasformazione radicale dei nostri sistemi alimentari"
· XNUMX€ Rapporto sulle donne del CSM su COVID-19
· XNUMX€ Dichiarazione CSM sulle politiche giovanili su COVID-19

Il rapporto è stato preparato dalla Società civile e dal Meccanismo dei popoli indigeni (CSM) per le relazioni con il Comitato delle Nazioni Unite sulla sicurezza alimentare mondiale e include voci di piccoli produttori alimentari, popolazioni indigene, lavoratori, persone senza terra, insicurezza alimentare urbana, donne e gioventù.
Il rapporto è stato lanciato ufficialmente dai suoi autori principali durante una conferenza stampa virtuale il 12 ottobre 2020.

Condividi questo contenuto sui social media